Indice del forum

Dark Door

un mondo horror tra misteri e cultura

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Premonizioni
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ESOTERISMO
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Brandani

Anima Vagante






Registrato: 19/09/07 10:38
Messaggi: 176
Brandani is offline 

Località: 43° 10' 17" n 10° 56' 12" e

Impiego: Orefice e Necromante


MessaggioInviato: Mar Nov 13, 2007 11:14 am    Oggetto:  Premonizioni
Descrizione:
Rispondi citando

Casi singolari di premonizioni, di chiaroveggenza ..
Uno dei tanti riguarda quello di cui fu protagonista Anne Van Malderen, fidanzata negli anni 60, 70 , di Albert Francois Cevert Goldenberg, uno dei piu' validi e promettenti piloti di formula uno di quel periodo , nonche' anche valido pianista classico .. che pero' lascio' l' attivita' concertistica per quella delle corse automobilistiche
Anne Van Malderen , che Francois chiamava Nanou , negli anni 80 si dedico' soprattutto all' attivita' di costumista cinematografa, dopo la tragica scomparsa del grande pilota francese
A riguardo v' è una storia di premonizione , narrata dalla stessa Nanou .....


A Premonition of Death?
There are many tales of superstition in motor racing - the deaths of Dick Seaman, Alberto Ascari and Ayrton Senna have all been linked to coincidences, premonitions and sheer bedevilment on the part of the Motor Racing Gods - but none, perhaps, is as intriguing as the thought that the tragic death of Francois Cevert at Watkins Glen in 1973 had been predicted by a fortune teller many years before.....


Just before his racing career took off in earnest, Francois had a long term girlfriend named Anne Van Malderen. 'Nanou' as she was affectionately known was a bright, pretty girl who Cevert had met at St. Tropez in 1964. She was married, which complicated things a little initially, but the pair soon formed a strong bond which was to last a number of years. The following are her words.....

Some time during 1959 I went with my mother to see a clairvoyante who had been recommended to her.

The woman lived in a very ordinary house in Asnieres, with nothing about either its shape or its decoration to reveal the priviliged link its owner seemed to have with the other world. She neither read the cards nor gazed in her crystal ball. She looked at you for a long time and studied a photograph, if you happened to have brought one, and then shut herself away in an impressive silence. She emerged only to write and to go on writing until her hand became illegible. Then, and only then, did she stop scribbling.

I was 20 at the time, and had only come to keep my mother company. I was completely sceptical in those days about all these revelations of a possible future.

Suddenly the clairvoyante seemed to notice me and fixed me with her eyes. "I must speak to you" she said.

Surprised, I followed her across the room.

"Your marriage will not last", she said - out of the blue ,"You will meet a young man who will make an indelible mark on your life...you will know deep happiness....I can see his blue eyes. I can see the sea...you will meet by the sea."

I had only just been married so these predictions left me thoughtful for some time. Then I forgot all about them. In 1964, I met Francois Cevert by the sea in St. Tropez.

Two years later, when Francois decided to try for the Shell scholarship [motor racing competition with a paid F3 drive as a prize], I felt the need to return to the clairvoyante to see what the future had in store for the pair of us. When I got there I said nothing about Francois. I simply gave her his photograph. She was silent for perhaps an hour. I said nothing. "You have already seen me", she said, and then, "You've mwt him! That's odd, his picture is all mixed up with a strange machine - it has wheels but no body - what can it be?"

"Its a racing car", I said, "He wants to be a racing driver."

"He's going in for some kind of exam," she went on, frowning,"He'll win hands down - I see a brilliant career ahead of him but...." She stopped, looked at me, and then said, "You will be very happy, but you will not manage to hold him, his success will come between you..." Another silence, then she simply added, "I must tell you too....this young man will not live to see his thirtieth birthday."

There was a calendar on the wall - never, to my dying day will I forget that date - June 29th, 1966.

When, later that evening, I saw Francois it was with forced gaiety. "I've been to a clairvoyante. The Shell scholarship is in your pocket, its written in your stars." This reassured him. He'd been a little anxious as we had only just taken the decisioon to enter him in the Magny-Cours driving school and he was far from certain that he would be ready for the Shell test when it came.

I could not refrain from adding, "She also told me that you would have a brilliant career but that your success would come between us."

"Come between us? She's crazy, your clairvoyante. Anyway, that stuff is all a load of balls! I'll go and see her myself; and I bet you she'll foretell a totally different future!"

He went to see her, sometime later, at the end of September. When he came back, the first thing he asked was: "Did you ring her up?"

"Ring her up? What for?"

"Her predictions were exactly what you told me."

I was suddenly frightened. "It doesn't mean a thing,"I said, "She must have recognised you - I did show her your photo...."

"Did she also tell you that I would not live to be thirty?"

"Francois - its all nonsense! These old women talk through their hats - how can anyone read the future?"

"So she DID tell you that too?" he said.

He looked at me and smiled, "What does it matter? By the then I shall already be World Champion. To disappear at the height of my fame - what a glorious death."

He took me in his arms and kissed me.

Francois Cevert was killed on October 6th 1973 during practice for the United States Grand Prix. It was the last Formula One race in which he was due to drive before his thirtieth birthday.
Francois driving the Tyrrell at Watkins Glen, 6th October 1973.

Some years after Cevert's death, Nanou decided - after discussions with Francois' family - to revisit the clairvoyante, by now an old woman. Again, she took a picture of Francois, but in this picture he was a young child and therefore impossible to recognise.

Again, the clairvoyante looked at the picture and lapsed into a long silence.

At last, she opened her eyes, looked at Nanou and spoke:-
"He is dead...."



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

6 Ottobre 1973 .. Un minuto di silenzio tra la folla di Watkins Glen , sabato mattina , II.45 circa, durante le prove ufficiali , all' annuncio della notizia ..
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Mar Nov 13, 2007 11:14 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Noctifer

Demone Inferiore






Registrato: 22/09/06 13:12
Messaggi: 914
Noctifer is offline 

Località: Napoli
Interessi: Horror
Impiego: AVVOCATO, SCRITTRICE, GIORNALISTA, MUSICISTA, OCCULTISTA, SERIAL KILLER


MessaggioInviato: Mar Nov 13, 2007 12:14 pm    Oggetto:  PREMONIZIONI
Descrizione:
Rispondi citando

MI LASCIO CONTAGIARE DALLA FEBBRE DELLA RICERCA IN RETE E SEGNALO UN INTERESSANTE ARTICOLO SULL'ARGOMENTO, CON LA CITAZIONE DI VARI CASI DI PREMONIZIONE:

FONTE:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Molti hanno avuto premonizioni, il che significa che hanno visto gli avvenimenti prima che accadessero. I ricercatori chiamano questa facoltà precognizione, e si dice che chi la sperimenta goda della prescienza o "seconda vista": vede cioè le cose non con gli occhi, ma con la mente.
Le premonizioni si presentano in molte forme; possono essere sogni, visioni, o semplicemente vaghe sensazioni che qualcosa sta per accadere. Possono predire una vasta gamma di avvenimenti, dal disastro aereo a fatti ordinari, come l'arrivo di una persona cara.
In alcuni paesi, la prescienza è considerata parte naturale della vita. In regioni lontanissime fra loro, come la Siberia e l'America latina, maghi tribali chiamati sciamani usano poteri medianici per risolvere i problemi della gente che si rivolge a loro per aiuto.

I profeti

Nel passato, coloro che vedevano il futuro regolarmente e su larga scala erano chiamati profeti. Molti erano capi religiosi, come Mosè nell'Antico Testamento, e Maometto, il fondatore dell'Islam. Si pensava che Dio parlasse attraverso i profeti per dire agli uomini come voleva che vivessero e per avvertirli di quel che sarebbe capitato loro se non avessero obbedito. Tuttavia non tutti i profeti sono legati alla religione. Un francese, Michel de Nostradame (noto come Nostradamus) pubblicò quasi mille profezie tra il 1555 e il 1566. Sono scritte in strofe di quattro versi e, sebbene non diano le date esatte degli avvenimenti, molte sembrano essersi avverate. Alcuni degli avvenimenti che sembrano essersi veramente verificati sono l'incendio di Londra nel 1666, la Rivoluzione francese nel 1789 e l'invasione della Polonia da parte di Hitler (1939), che diede inizio alla seconda guerra mondiale.

Le profezie di Fatima

Nel 1917 a Fatima, in Portogallo, tre bambini affermarono di avere visto la Vergine Maria che confidò loro tre segreti riguardanti il futuro. Il primo era una visione dell'inferno. Il secondo prediceva l'inizio della seconda guerra mondiale, che comincio infatti 22 anni dopo. Il terzo segreto fu mandato al Papa in una busta sigillata che rimase chiusa in Vaticano fino al 1960, quando il plico fu aperto e letto da Papa Giovanni XXIII. Testimoni oculari dissero che durante la lettura il Papa quasi svenne. Recentemente il terzo segreto è stato divulgato: a quanto pare si tratterebbe della premonizione del passato attentato alla vita di Papa Giovanni Paolo II.

Premonizione nei sogni

Molte premonizìoni si manifestano in forma di sogni che si ripetono una notte dopo l'altra finchè l'avvenimento non accade. Nel 1979 un impiegato dell'Ohio, U.S.A., ebbe lo stesso incubo per dieci notti di seguito: vedeva un DC-l0 che si schiantava in fiamme sulla pista di un aeroporto. Pochi giorni dopo un incidente analogo si verificò all'aeroporto O'Hare di Chicago, causando la morte di 275 persone.

Studi sulla precognizione

Si sono fatti esperimenti di laboratorio per vedere se si può realmente predire il futuro. Nel corso di un esperimento fu usato un pannello con luci colorate che venivano accese e spente a caso. Gli esaminati dovevano indovinare quale luce si sarebbe accesa. Alcuni indovinavano spesso. Durante un altro esperimento, il sensitivo olandese Gerard Croiset doveva immaginare la persona che in una sala di teatro si sarebbe seduta a un posto scelto in precedenza dal ricercatore. Croiset descrisse accuratamente la persona: altezza, colore dei capelli, abiti e perfino avvenimenti della sua vita passata.

Premonizioni inconsce

Sembra che molte persone, senza rendersene conto, possano sentire l'avvicinarsi di un pericolo. Uno studio effettuato negli anni Cinquanta ha mostrato che il numero di persone che viaggia su treni che deragliano è molto inferiore a quello che giornalmente viaggia sullo stesso treno. Nel 1952 c'erano nove persone su un treno che deragliò. Si scoprì che durante le due settimane precedenti il disastro, su quello stesso treno e durante la corsa di quello stesso orario, aveva sempre viaggiato una media di 55 passeggeri.


Nel 1934 un pilota inglese, Victor Goddard, si perse con il suo biplano sopra la Scozia dopo aver passato il pomeriggio all'aeroporto abbandonato di Drem. All'improvviso avvistò l'aeroporto sotto di se e si meravigliò vederlo tanto cambiato nel giro di qualche ora. Era illuminato a giorno e i meccanici lavoravano alacremente attorno a gli aeroplani. Quattro anni più tardi l'aeroporto di Drem era esattamente come Goddard l'aveva visto quella notte; sembrava dunque che il pilota avesse volato nel futuro.


All'inizio di questo secolo, la moglie di un vescovo inglese, la signora Atlay, sognò di aver trovato un maiale nella sua sala da pranzo, tra il tavolo ed il buffet. La mattina seguente, dopo le preghiere, la signora andò nella sala e, con sua grande meraviglia, ci trovò veramente un maiale. Sembra che la bestia, di solito calmissima. fosse scappata poco prima dal porcile vicino a casa.

Nell'antica Grecia molti consultavano gli oracoli per avere consigli sul da farsi o per conoscere il futuro. L'oracolo, espressione di alcune divinità, era formulato spesso in modo ambiguo; talvolta parlava per il tramite di una donna che fungeva da sacerdotessa del santuario. A Dodona, località dell'Epiro, l'oracolo era una quercia che rispondeva alle domande con il fruscìo delle foglie o con il volo delle colombe annidate fra suoi rami. Ai sacerdoti veniva insegnato a interpretare le risposte.

Talvolta gli incidenti sono evitati dalle premonizioni. Un uomo, in vacanza in Scozia, mandò sua figlia a fare una passeggiata. All'improvviso "seppe" che la figlia era in pericolo e mandò un domestico che la trovò mentre andava alla spiaggia con 'intenzione ai sedersi sotto un ponte della ferrovia. Più tardi si seppe che una locomotiva era caduta dal ponte proprio dove in quel preciso momento, avrebbe dovuto trovarsi la ragazza.

Nel 1896, una donna tedesca, Madame de Ferriem, ebbe la visione spaventosa di un disastro minerario nel quale rimanevano uccisi molti minatori. Individuò esattamente la località, Dux (ora Duchkov) in Cecoslovacchia, e indicò con precisione la stagione dell'anno in cui avveniva a catastrote. Vide anche dettagliatamente ciò che la gente indossava. Quattro anni dopo, il disastro si verifico esattamente come lo aveva "visto".

E, SULL'ULTIMO PUNTO:
FONTE:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!



In 1896, German psychic Madame de Ferriem had a vision of bodies being carried out of a coal mine at Dux in Bohmeia in bitterly cold weather. A year later hundreds were killed by an explosion in a coal mine in Dux during a cold spell.

IN QUESTA PAGINA, ANCHE:

After having nightmares for ten consecutive nights about a DC-10 crash, Cincinnati office manager David Booth called American Airlines on May 22, 1979. Three days later, 273 people died when an American DC-10 crashed at Chicago.

"Fugitive" star David Jensen had a dream in 1980 where he saw himself being carried out in a coffin after a heart attack. His psychic's advise to go in for a physical came too late, for two days later Jensen died of a massive heart attack.

On the morning of April 14, 1965, Julia Grant, wife of US General Ulysses S. Grant had a strong feeling that she and her husband should get out of Washington. As they were leaving, the couple passed John Wilkes Booth on his way to assassinate President Lincoln at the theatre. Grant was also found to be on Booth's death list.

Spencer Thornton, a Nashville psychic, correctly predicted the first three horses to cross the finish line in the 1959 Kentucky Derby. Four days before the race, he wrote the names on a piece of paper, sealed them, unread in an envelope and placed it in a vault. The vault was opened after the race and the paper had on it the names of the first three finishers.

_________________
BETTER BETTER REIGN IN HELL, BETTER BETTER REIGN IN HELL, THAN TO SERVE IN HEAVEN, THAN TO SERVE IN HEAVEN!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Brandani

Anima Vagante






Registrato: 19/09/07 10:38
Messaggi: 176
Brandani is offline 

Località: 43° 10' 17" n 10° 56' 12" e

Impiego: Orefice e Necromante


MessaggioInviato: Mar Nov 13, 2007 2:31 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un' interessante (mi pare..) articolo, anch' esso estrapolato dalla rete, su sogno e premonizione, scritto dallo psicanalista René Kaes
Fondamentali a riguardo, gli studi sui fenomeni di premonizione, di Freud e Jung

Un commento sul colloquio tra Balbino e Claudio Neri
René Kaës
--------------------------------------------------------------------------------
Il colloquio con Balbino, mi ha evocato molte cose: innanzi tutto, durante il mio primo viaggio a Rio nel 1987, la partecipazione ad una seduta di iniziazione in un terreiro della periferia, nei pressi del leggendario stadio di calcio. Ero stato sconvolto, un poco disorientato da quello che vedevo e sentivo, smarrito per l'insufficienza delle mie referenze teoriche nel comprendere quanto si svolgeva nel gruppo, in questa istituzione e in ciascuno.
Il colloquio con Balbino mi illumina su ciò che è in gioco nella possessione da parte dell'Orixà e sul sistema di rappresentazione o di interpretazione che ne sostiene l'efficacia e che la giustifica. Si tratta in effetti di una visione del mondo, di una weltanschauung, ma anche di una pratica del mondo, alla quale in conclusione le nostre concezioni occidentali aprono poche vie di accesso. È dunque con prudenza e modestia che noi possiamo tentare di dirne qualcosa che non sia una riduzione alle nostre personali concezioni.
Questo è particolarmente vero per la questione del sogno, che ha attirato la mia attenzione e che sarà l'oggetto di qualche commento.
Io non sono sicuro che sia fecondo voler far coincidere i nostri sistemi di rappresentazione e di interpretazione del sogno. Io ho l'impressione che, nel corso del colloquio, numerose risposte di Balbino disorientino i suoi interlocutori, così come esse si scontrano con le nostre concezioni psicoanalitiche del sogno: per esempio quando lui dice che "il desiderio è una cosa e il sogno un'altra, (che) non c'è nessun rapporto tra sogno e desiderio". Ma io posso anche comprendere che egli ci dica altra cosa sul sogno, una cosa che noi non abbiamo l'abitudine di prendere in considerazione, o che è passata in secondo piano con la critica freudiana del capitolo 1 de "L'interpretazione del sogno".
Se ci si interessa all'antropologia del sogno, possiamo concludere che l'affermazione di Balbino è largamente diffusa nelle culture tradizionali: il sogno è innanzi tutto una mediazione tra il mondo degli umani e quello degli dei, tra il qui-in-basso e l'altrove, tra il conosciuto e lo sconosciuto, che permette di vedere, e di prevedere. Da qui l'importanza dei sogni di premonizione, quei sogni che avvisano il sognatore che il destino, o la sorte si sta realizzando. È di questi sogni che Balbino ci parla. Il sogno è un'azione mentre si fa, un dramma in cui il sognatore è provvisoriamente il soggetto e lo spettatore di forze che lo possiedono e alle quali lui appartiene. Per questo il sogno, la possessione e la trance hanno un ruolo intimamente collegato. Sono delle esperienze e dei modi di conoscenza nei quali si manifesta il senso intimo di una appartenenza.
Sul vedere, la visione, la premonizione e il sapere
Nel colloquio con Balbino, la questione dei sogni arriva dopo essere stata affrontata la trance: nel momento in cui Claudio precisa che gli stati mentali sono differenti se noi sogniamo o se noi dormiamo senza sognare. In risposta all'osservazione di Claudio, Balbino oppone trance e sogno e introduce la nozione di vedere-sapere: "nella trance noi non sappiamo niente, noi non vediamo niente, tuttavia alcune persone nella trance vedono e sanno, non hanno il controllo, e quando ritornano dalla trance, non si ricordano di nulla". Questa categoria del vedere-sapere subito dopo si applica al sogno.
Claudio ritorna sulla questione del sogno e domanda a Balbino se alcuni sogni possono evidenziare il rapporto di una persona con un Orixà. Balbino è categorico: il sogno non mostra questo rapporto. Quando si sogna una cosa, è perché il nostro Orixà è andato via quando noi andiamo a dormire. Gli Orixà rivelano le cose che si trovano nel nostro spirito: tu ti addormenti, tu ti spegni completamente, allora in quel momento il tuo Orixà non si trova vicino a te. In questo caso tu sognerai qualcosa, tu vedrai delle cose che succedono perché tu avrai una visione attraverso il (attraverso la mediazione del) tuo Orixà. Tu puoi vedere.
Quando Claudio cerca di farsi precisare se "l'Orixà vede qualche cosa", Balbino conferma che è proprio così: "la persona vede attraverso l'Orixà, vede quello che l'Orixà sta vedendo".
Leggere questo passaggio del colloquio mi fa pensare all'importanza del "vedere" nella concezione freudiana del sogno: il sogno è una forma visuale, figurativa, drammatizzata, del desiderio inconscio. Ma è fondamentalmente una percezione interna non la visione reale di una scena. È una realizzazione allucinatoria, una negazione del vedere. Delle scene viste, delle azioni e degli oggetti che la compongono non c'è la traccia come fosse la reliquia dell'oggetto o della scena, ma la loro impronta psichica trasformata dai processi primari resi necessari dalle esigenze della censura, in definitiva dalla materia inconscia del sogno. Il sogno è enigma del senso e del desiderio a lui collegato per il sognatore. Non si manifesta in modo evidente e diventa conoscenza solo a conclusione di un lungo e costoso lavoro d'interpretazione.
Balbino dice qualche cosa che ci avvicina a questa concezione: dobbiamo abbandonarci al sonno ed essere abbandonati dal nostro Orixà per sognare. Questo allontanamento dell'angelo custode è necessario per la venuta del sogno, che apre alla visione dell'Orixà. È una unione intima. Il sogno ci fa vedere quello che l'Orixà vede, e che noi non vediamo da svegli, in sua presenza.

I sogni di premonizione come prototipo del sogno?
Quando Claudio domanda a Balbino se esistono sogni che abbiano una importanza particolare, Balbino risponde che ce ne sono, che esistono i sogni premonitori: "dei sogni che ti fanno vedere in anticipo, e ti prevengono". Balbino ne dà due esempi. L'uno e l'altro sono del tipo che Freud chiama "sogni della morte di persone care": Balbino sogna la morte della propria madre e l'omicidio annunciato, non sventabile, circa la persona del suo nipote.
In questi sogni il sognatore vede la scena in diretta, vi partecipa, sa che la persona sta per morire, il sogno gli indica ciò che lui deve fare, ma egli non può nulla per evitarlo. Balbino conclude il sogno dell'assassinio del nipote: "Lui doveva morire, era il suo destino…"
I sogni di premonizione formano una zona d'ombra nella ricerca psicoanalitica sul sogno, proprio come le questioni spinose che riguardano la telepatia e la trasmissione del pensiero. L'interesse antico e costante di Freud è tuttavia attestato, ma le risposte sono sempre rimaste insoddisfacenti (Freud, 1922, 1932).
Questo interesse si sviluppa intorno al tema dell'identificazione e alla figura de doppio: "noi vi troviamo una persona identificata ad un'altra, al punto che essa è turbata nel suo proprio io, o mette l'io estraneo al posto del suo proprio. Cosi sdoppiamento dell'io, scissione dell'io, sostituzione dell'io - infine costante ritorno del simile, ripetizione dei medesimi tratti, caratteri, sorti, atti criminali, stessi nomi in numerose generazioni successive" (G. -W., XII, 246; trad. franc. P.185).
Io ho tentato di comprendere il percorso di Freud nella mia recente opera sul La Polyphonie du rêve, poichè per prendere in considerazione il "nucleo reale di fatti non ancora riconosciuti" dalla psicoanalisi egli ha fatto ricorso al sogno per "far uscire dal guazzabuglio dell'occultismo il tema della telepatia" (1932, trad. franc., 50).
Se lui sceglie il sogno, è perché "il sonno appare particolarmente favorevole alla ricezione del messaggio telepatico". Una volta stabilito questo progetto, Freud dimostra che non è il sogno (telepatico) ma la sua interpretazione, cioè il lavoro psicoanalitico, che apporta "qualche considerazione nuova sulla telepatia". Freud quindi propone di "trascurare il sogno per interessarsi alla induzione o trasmissione del pensiero". Ma lui le concepisce "come se si trattasse di produzioni soggettive, di fantasmi, o di sogni forniti dai pazienti stessi". Nelle pagine che seguono questa affermazione, l'imbarazzo di Freud risalta e si consolida. Nel caso principe che lui presenta, quello dell'astrologo e del grafologo, egli dimostra senza nominarla l'importanza fondamentale che ha l'esperto nel reperire il desiderio del suo cliente e di trarne delle predizioni conformi a questo desiderio. Le "produzioni soggettive" si collocano in una relazione intersoggettiva, nella quale svolge un ruolo una sottile percezione dei desideri dell'altro e più precisamente dei processi di identificazione, cosa che Freud, curiosamente, non menziona mai.
Dunque è il transfert che è determinante: la trasmissione del pensiero (Gedankenübertragung) esiste perché c'è il transfert (Übertragung). Freud si lascia sfuggire la parola, citando H. Deutsch, ma la abbandona, non vi ritornerà più e la conferenza termina con un nulla di fatto.
Noi non possiamo che essere sensibili alla sotto-utilizzazione che Freud fa della propria teoria dell'identificazione a proposito della trasmissione del pensiero e dei sogni. Io penso che in questo caso si tratti di una sorta di resistenza alla sua "oscura percezione" che l'esperienza onirica appartiene ad un mondo intermedio; che il sogno non è solamente un incontro tra l'Io e gli oggetti interni, ma anche tra l'Io del sognatore e quello degli altri sognatori.
Se noi lasciamo da parte le resistenze di Freud, noi possiamo acquisire quello che lui ci ha mostrato senza nominarlo: uno spazio interpsichico nel quale la trasmissione del pensiero, comunicazione arcaica, poggia sull'identificazione e, nella situazione psicoanalitica, sul transfert. A partire da lì, è necessario e possibile reintrodurre il sogno nello spazio della trasmissione del pensiero e del transfert.
Ecco dunque un punto interrogativo per stabilire un legame con i sogni di cui ci parla Balbino. Un'altra questione è più difficile. Essa concerne lo statuto del destino e del desiderio.

Il destino e il desiderio
Quello che ci dicono i sogni di Balbino è che non è possibile sfuggire al proprio destino. Noi non sappiamo quello che succederà. Il sogno è una previsione che l'Orixà ci dà, precisa Balbino. Ad una domanda di Mecha, lui chiarisce che il destino è determinato da Olorum (il dio supremo).
A me sembra che l'idea della sorte e la forza che le è assegnata esonerino il sognatore dal suo desiderio. Non solamente il sognatore, ma la persona nella sua interezza. Il desiderio supremo è in effetti di desiderare l'Orixà. È una formulazione troppo centrata sul soggetto dire che il sognatore delega all'Orixà il "vedere, sapere, prevedere" ?
Quando Claudio insiste : il desiderio non si esprime nei sogni ?, la risposta di Balbino è netta e precisa: "il desiderio è una cosa e il sogno un'altra. Non c'è alcun rapporto tra sogno e desiderio. Il sogno è quando noi andiamo a dormire e quando il nostro angelo custode ci lascia e ci fa vedere cose che non si possono vedere, delle cose che non hanno alcun legame con quello che noi viviamo nello stato di veglia. Qualche volta tuttavia dormendo si sogna di fare all'amore con qualcuno, con una donna, allora è una festa !" si rallegra Balbino. Ma il sogno e la veglia non hanno nulla in comune, anche se il sogno ci dice quello che sta accadendo nel reale. Altro modo di affermare l'importanza del vedere-sapere: nessuno sogna per piacere… Ma attraverso il sogno, si può vedere e sapere.
Il sogno non è solamente conoscenza, presagio, è anche realizzazione. Qui forse bisogna ammettere che il desiderio è in gioco e Balbino sembra dirlo, a proposito del biglietto d'aereo : "Ci sono dei sogni che si realizzano, che sono veritieri".

L'interesse di un colloquio come questo sta nel confrontarci con un sistema interpretativo del sogno differente da quello che propone il modello che la psicoanalisi ha elaborato a partire dalla clinica della cura individuale. Il colloquio pone delle questioni che noi dobbiamo risolvere in altri dispositivi analitici, come quello dell'analisi di gruppo o delle terapie familiari: chi sogna nel sogno ? come comprendere i sogni telepatici, gli spazi onirici comuni e condivisi ?
La pratica dei sogni sciamanici, le diverse pratiche terapeutiche tradizionali attraverso il mezzo del sogno, i viaggi onirici dei Pumé delle Ande, tutte queste pratiche evidenziate ed analizzate da tanti antropologi, ci pongono di fronte ad un'altra concezione del sogno, alla sua estensione a tutta l'esperienza della continuità nei rapporti con gli uomini, la natura, gli dei. Ma queste questioni hanno ancora un senso nelle società post-moderne ? e la psicoanalisi che cosa può dire ?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Arx

Non Morto






Registrato: 10/09/07 15:35
Messaggi: 35
Arx is offline 

Località: Vanzago
Interessi: IL VISIBILE E L' INVISIBILE
Impiego: nessuno


MessaggioInviato: Mer Nov 14, 2007 4:05 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La misteriosa morte di Rino Gaetano
Fu rifiutato da 5 ospedali romani
Venticinque anni senza sapere perché quell’ambulanza che trasportava Rino Gaetano non trovò mai un ospedale pronto a soccorrerlo. La notte del 2 giugno del 1981 alle prime ore dell’alba, infatti, la Volvo 343 guidata proprio dal cantautore crotonese si schianta contro un camion sulla Nomentana a Roma, all'altezza di via XXI Aprile, poco prima di arrivare a casa sua (abitava con i genitori, portinai di un palazzo).
L’impatto è tremendo. Subito arriva l’ambulanza che cerca di trasportare il cantante in ospedale. Ma, inspiegabilmente, cinque nosocomi ne rifiutano il ricovero. Gaetano arriva la Gemelli di Roma, ma ormai è troppo tardi. Muore appena 31enne.
Prevveggenza ?
Eppure la sua tragica morte era stata descritta dallo stesso cantautore in una sua lirica, mai apparsa in alcun disco e riconducibile al periodo del cosiddetto Folkstudio. Stiamo parlando de "La ballata di Renzo", che racconta la storia di un giovane che, a seguito di un incidente d’auto, non riesce a trovare un ospedale per il ricovero.
E la sorte fu ancora più cattiva con lui.
Ben tre dei cinque ospedali che rifiutarono di prestargli soccorso sono citati nel testo della canzone. Una coincidenza agghiacciante acuita dal fatto che di li a poco avrebbe sposato la sua fidanzata «Ameliuzza», la studentessa universitaria a cui era legato da tempo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Gio Nov 15, 2007 12:29 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Effettivamente un caso singolarissimo.
Si consideri, inoltre, che La Ballata Di Renzo, risale a diverso tempo prima della tragedia.
Torna in cima
Brandani

Anima Vagante






Registrato: 19/09/07 10:38
Messaggi: 176
Brandani is offline 

Località: 43° 10' 17" n 10° 56' 12" e

Impiego: Orefice e Necromante


MessaggioInviato: Gio Nov 15, 2007 4:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

( Faccio una parentesi sul caso di premonizione di R Gaetano , ma a proposito della sua morte ricordo bene allora , come in certi ambienti si discutesse a proposito di quel fatto, di come certe dinamiche dell' incidente non fossero molto chiare , di come tutto venne rapidissimamente insabbiato, di come quel cantautore desse moolto fastidio a "qualcuno" , di quanto , gia' prima, ci fossero stati dei segnali di "insofferenza" verso di lui , e di come fosse moltoo meno gestibile dei vari De Gregori, Dalla , Venditti , & Co ......
Ed in Italia in quel tempo , piu' di oggi, qualcuno, non andava molto per il sottile , di fronte ad un pur minimo intoppo .. che poi minimo "canzonare" ironicamente persone e situazioni, in un contesto così ampio, non era .. )
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Noctifer

Demone Inferiore






Registrato: 22/09/06 13:12
Messaggi: 914
Noctifer is offline 

Località: Napoli
Interessi: Horror
Impiego: AVVOCATO, SCRITTRICE, GIORNALISTA, MUSICISTA, OCCULTISTA, SERIAL KILLER


MessaggioInviato: Ven Nov 16, 2007 6:14 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

concordo. con ogni probabilità il poveraccio già sapeva (minacce) come sarebbe finito, ed ecco la Ballata di Renzo, solo incisa e mai pubblicata o, non rammento, solo scritta e mai incisa...
_________________
BETTER BETTER REIGN IN HELL, BETTER BETTER REIGN IN HELL, THAN TO SERVE IN HEAVEN, THAN TO SERVE IN HEAVEN!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ESOTERISMO Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Dark Door topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008