Indice del forum

Dark Door

un mondo horror tra misteri e cultura

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

LEGGENDE METROPOLITANE
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> L'ORRORE OGGI
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Ven Mag 09, 2008 6:45 pm    Oggetto:  LEGGENDE METROPOLITANE
Descrizione:
Rispondi citando

SALVE A TUTTI,
MI PIACEREBBE INAUGURARE UN TOPIC SULLE LEGGENDE METROPOLITANE.

* Secondo un sondaggio effettuato negli Stati Uniti, la leggenda metropolitana più diffusa è quella del ragazzo che va in discoteca ed incontra una bellissima donna sconosciuta. Passa con lei una notte di sesso; al mattino seguente non la vede a letto: prova a cercarla in bagno, e sullo specchio nota la scritta "Benvenuto nel mondo dell'AIDS", tracciata col rossetto.[2] In Italia è maggiormente diffusa la versione secondo la quale la notte di sesso viene consumata in auto e il mattino seguente il ragazzo viene trovato svenuto nell'auto e i medici che gli prestano i primi soccorso scoprono che gli è stato espiantato un rene.

* Tra gli esempi classici di leggenda metropolitana, ripresi spesso nei media, vi sono il cagnolino messicano (un animaletto apparentemente innocuo trovato durante un viaggio all'estero, che una volta portato a casa si scopre essere un topo di fogna) o l'autostoppista fantasma (una misteriosa donna che, presa a bordo, scompare nel nulla dopo avere avvisato l'autista di un pericolo, proprio nel punto si scopre poi essere morta per un incidente; in una variante invece chiede di essere riaccompagnata a casa e guida l'autista fino al cimitero).

* Un'altra leggenda urbana piuttosto diffusa, con diverse varianti, è quella che narra di un'ipotetica tecnica segreta, appartenente al repertorio di una non precisata arte marziale, la quale sarebbe in grado causare una morte "ritardata" (dopo alcuni passi o addirittura dopo alcuni giorni) a coloro che ne siano vittime. Nel cartone animato giapponese Ken il guerriero il protagonista fa spesso uso di tale "tecnica"; nel film Kill Bill viene chiamata tecnica dell'esplosione del cuore con cinque colpi delle dita.

* Agghiacciante in merito al contenuto è quella leggenda, diffusa soprattutto in Nord Italia, per la quale un pazzo si aggirerebbe d'estate per i parchi acquatici applicando, lungo gli scivoli delle piscine, alcune affilatissime lame da rasoio al fine di provocare dei tagli profondi e dolorosissimi alla schiena degli ignari natanti.

* Un'altra leggenda è quella secondo la quale i gestori delle piscine scioglierebbero nell'acqua dei reagenti chimici che a contatto con l'urina si colorano di rosso, individuando così il "colpevole". In realtà il fenomeno dell'"acqua rossa" si può verificare, anche nei rubinetti di casa, a causa delle vecchie tubazioni, nelle quali si formano depositi di ferro e calcio che sono poi trasportati dall'acqua corrente.[citazione necessaria]

* Un'altra leggenda molto diffusa nel mondo riguarda i coccodrilli nelle fogne (in particolare in quelle di New York). È vero che ogni anno questi animali vengano prima comprati, poi liberati o abbandonati, anche da piccoli, ma è altamente improbabile che riescano a sopravvivere nelle fogne.

* Diffusissimo in tutte le aree agricole e montane di Italia centro-settentrionale, Svizzera e Francia è il racconto del lancio di vipere da elicotteri da parte di vari soggetti quali forestale, Verdi o addirittura case farmaceutiche.

* In alcuni casi invece, come spesso avviene per la mitologia, vi sono leggende metropolitane che poggiano su fatti autentici. Un esempio, sempre in Italia, sono le voci che circondano il piccolo borgo di Consonno, una frazione di Olginate in provincia di Lecco, la cui popolazione è emigrata fino a trasformarlo in una vera e propria città fantasma. Le cause di questo abbandono derivano principalmente da una fallita speculazione edilizia. Le strutture deserte, ancora visibili e visitabili, continuano però ad esercitare un certo fascino e spesso vi sono giovani che, per lo più di notte, si recano a esplorarle. Di qui sono nate innumerevoli versioni sul tracollo demografico subito dal paese: alcune sostengono che la scarsa raggiungibilità del posto avrebbe spinto gli abitanti a scegliere luoghi più a contatto con il mondo; altre parlano del misterioso crollo di un ponte che univa il borgo alla strada principale della valle. A queste si sono aggiunte le immancabili dicerie di stampo metafisico e soprannaturale (fantasmi, demoni, anime dannate e così via).

* In un articolo pubblicato su L'espresso del 19 agosto 1999 il giornalista Giampaolo Pansa ha riportato la leggenda metropolitana riguardo la studentessa assente che, avendo scambiato, nella lettura degli appunti di una compagna, la x nel cognome di Nino Bixio come abbreviazione di per, interrogata da un professore di storia contemporanea avrebbe chiamato il garibaldino "Biperio". Pansa sostiene che la storia sia vera in quanto afferma di averla tratta dal racconto di alcuni testimoni della vicenda.

* Un'altra leggenda metropolitana riguarda la morte del cantante Elvis Presley. Molti statunitensi ritengono che non sia affatto morto. Tra i motivi addotti dai sostenitori di questa teoria sono il peso della bara e l'aspetto del cadavere.

* La canzone di Elio e le storie tese Mio cuggino è un compendio delle leggende metropolitane più famose, riferite secondo il tipico incipit "mi ha detto mio cuggino che..." (con la voce narrante di Aldo Baglio).

* Una leggenda molto diffusa nel mondo della musica, in questo caso probabilmente alimentata da un'operazione di marketing, conosciuta anche con la sigla PID (Paul Is Dead), riguarda Paul McCartney: il bassista dei Beatles sarebbe morto in un incidente stradale nel 1966 e sostituito da un sosia. All'inverso, soprattutto negli Stati Uniti, c'è chi crede che Elvis Presley sia ancora vivo.

* Altre leggende riguardano famose canzoni che, ascoltate al contrario conterrebbero messaggi subliminali. Una delle più famose accuse fu quella fatta al gruppo inglese Led Zeppelin che, secondo varie voci, ascoltata al contrario la canzone Stairway to Heaven, una delle loro più celebri, diventerebbe un inno a Satana.

* Molto famose sono anche le dicerie su Ozzy Osbourne, ex cantante dei Black Sabbath, la cui personalità bizzarra e controversa ha generato leggende metropolitane che lo hanno aiutato ad accrescere la propria fama. Ne sono state raccontate tante su di lui, ma la più famosa è probabilmente quella in cui si dice che oltre ad aver mangiato un pipistrello, abbia staccato la testa ad una colomba viva con un morso [11].

* Leggende di questo tipo non sono l'esclusiva delle società urbane contemporanee. Il cantante berbero algerino Slimane Azem in una sua celebre canzone ricorda ironicamente diversi fatti che si tramandano di bocca in bocca, e spesso fanno la fortuna di chi approfitta dei creduloni:

Akkagi i d yeffeɣ lexbar

nnan-t-id di mkul mkan

lukan d ṣṣeḥ, a t-nżar

yibbwas labudd ad iban

ma yella d lekdeb, nesteɣfar

lḥaṣulin akka i d-nnan...

"Così è uscita la notizia / la raccontano per ogni dove / se sia vera, lo vedremo / un giorno forse sarà evidente. / Se salterà fuori che è falsa, chiedo scusa / sta di fatto che è così che la raccontano..."

Il romanzo Ring di Kōji Suzuki (1991) è ispirato a una leggenda metropolitana: narra di una misteriosa videocassetta la quale circola, per cause ignote, nelle case private: chiunque la veda muore (apparentemente per cause naturali) esattamente una settimana dopo. Si scoprirà alla fine che per salvarsi dalla maledizione occorre propagarla, ossia duplicare la videocassetta e mostrarla a qualcun altro, come in una catena di sant'Antonio.

Nel racconto Riding the Bullet - Passaggio per il nulla (2001), l'autore Stephen King ribalta la classica leggende dell'autostoppista fantasma: in questo racconto infatti è un cadavere a concedere un passaggio ad un autostoppista vivo.


* Tecniche di arti marziali che causano la morte "ritardata" di una persona sono uno dei temi centrali dell'anime Ken il guerriero, ma sono comuni anche alla tradizione dei B-movie di arti marziali (da cui probabilmente la leggenda metropolitana deriva). Quentin Tarantino ha ripreso questa idea nel suo film Kill Bill 2. Una delle più diffuse leggende fiorite sulla morte di Bruce Lee, risalente ad almeno la fine degli anni ottanta, vuole proprio la più famosa star dei film di arti marziali vittima di uno di questi letali colpi leggendari.

* Il film Tre scapoli e un bebè (USA, 1987) diretto da Leonard Nimoy, divenne celebre alcuni anni dopo l'uscita nei cinema per una leggenda metropolitana che ancora oggi continua a circolare. Durante il film appare l'immagine di quello che sembra un bambino nascosto dietro una tenda, il quale non ha nulla che vedere con la trama. La leggenda narra di un bambino uccisosi accidentalmente col fucile del padre proprio nell'appartamento dove fu girato il film. La voce ha numerose varianti: secondo alcune la madre, scoprendo il figlio nel film, ebbe un malore o addirittura diventò folle. L'immagine è effettivamente visibile, ma sembra in realtà trattarsi di una semplice sagoma di cartone dell'attore Ted Danson dimenticata sul set, tanto più che gli interni del film furono girati in studi cinematografici e nessuna vera abitazione fu affittata.[12]

* Il film Candyman (USA, 1992), diretto da Bernard Rose, s'ispira ad un racconto di Clive Barker e narra di una studiosa di leggende urbane che si imbatte per caso in un essere (Candyman, appunto) terribile, simile ad un fantasma con un grande uncino al posto di una mano, che la utilizza come spettatore inerme dei suoi efferati delitti. Il personaggio di Candyman sembra ispirata dalla "storia dell'uncino", molto diffusa negli USA: due fidanzati sfuggono fortunosamente all'assalto di un maniaco omicida con un uncino al posto della mano e, giunti a casa, trovano l'uncino incastrato nella portiera della macchina. Questa storia è talmente celebre che è stata utilizzata anche da Stephen King come titolo di un capitolo del suo saggio sull'horror Danze macabre, dedicato appunto al racconto dell'orrore nella sua forma più basica: il racconto davanti al fuoco, da cui si passa facilmente alla leggenda urbana.

* Il film Leggende metropolitane (USA, 1998), diretto da Jamie Blanks e che vede la partecipazione di Joshua Jackson (uno dei protagonisti della serie tv statunitense Dawson's Creek), riassume e integra nella propria trama le principali leggende urbane passate alla fama mondiale: da "la banda dei fari" al "cagnolino nel forno a microonde", senza dimenticare la "baby sitter assassinata". Sono stati realizzati due seguiti, Urban Legend Final Cut e Urban Legend 3.

* I film Ring (Giappone, 1998) di Hideo Nakata e The Ring (USA, 2003) di Gore Verbinski sono ispirati al romanzo Ring citato nella sezione letteratura, con diverse varianti. In particolare, nella versione statunitense è una telefonata che avvisa le vittime della propria morte nel giro di una settimana.


* Nel cartone animato televisivo i Simpson molte delle puntate di Halloween, incentrate sulla paura, si ispirano anche a leggende metropolitane.

* Nella serie animata Daria l'episodio "Legends of the Mall" è interamente basato sulle leggende urbane, tra cui anche una versione rivisitata della "storia dell'uncino".

* Il programma televisivo Urban Legends, trasmesso su Italia 1 e condotto da Andrea Pellizzari, tratta di leggende metropolitane.

* In una puntata del telefilm Genitori in blue jeans, durante la quale i protagonisti raccontano storie del terrore, Mike narra di aver dato un passaggio ad un'autostoppista fantasma.

* Nella trasmissione scientifico-divulgativa Mythbusters i due conduttori cercano in ogni puntata di sfatare, o confermare, famose leggende urbane.
* Nel programma divulgativo Voyager, in onda su Rai Due e condotto da Roberto Giacobbo, in diverse puntate si è parlato di leggende metropolitane.


# Un caso di "frottola celebre" è quello del calciatore nordcoreano Pak Doo Ik, il quale segnò la rete contro l'Italia che ne sancì l'eliminazione dal campionato mondiale del 1966. Ancora oggi viene ricordato come "il dentista che eliminò l'Italia". In realtà la sua professione è sempre stata quella del professore di educazione fisica.
# Altro sportivo oggetto di "leggende metropolitane" è stato Luis Silvio Danuello, il "bidone" per antonomasia del calcio italiano, alla Pistoiese nella stagione 1980-81. Secondo alcune voci aveva aperto un bar o una pizzeria in Italia, oppure era diventato attore porno o, secondo la versione più comune, venditore di gelati durante le partite allo stadio di Pistoia. In realtà Luis Silvio, secondo quanto ha detto personalmente alla Gazzetta dello Sport, ha lasciato l'Italia per non farvi più ritorno nel 1981, ha proseguito la sua attività calcistica in Brasile fino a inizio anni Novanta ed attualmente è imprenditore nel settore dei ricambi industriali.

* Una delle più famose riguarda il videogioco Metal Gear Solid. Questa leggenda narra che dopo una serie di partite vinte terminando il gioco alternando i vari finali presenti nel gioco (chiamati Meryl e Otacon), all'inizio dell'ennesima partita, al posto del personaggio Solid Snake apparirà il Ninja. La molteplicità delle varianti della sequenza "corretta" di successione dei finali fa però credere che sia solo una leggenda.

Questa superstizione è stata alimentata dal fatto che completando il gioco, terminando con successo entrambi i finali, la terza partita inizierà con Snake in smoking, in stile James Bond. Altro fattore che fa parlare della leggenda è che nella versione PC del gioco, al termine dell'installazione, appare uno screenshot del porto (nel gioco Dock) di Metal Gear Solid, dove iniziano le partite, con al posto di Snake il famoso Ninja. Alcuni sostengono che questa immagine (e addirittura la leggenda stessa) sia una manovra commerciale.

* Altra famosa leggenda parla di Tekken 3. Secondo la tesi, nel gioco Lei Wu Long, uno dei personaggi del picchiaduro, che di mestiere fa il poliziotto potrebbe usare una pistola durante gli scontri e sparare all'avversario, uccidendolo istantaneamente. Questa teoria però non è mai accompagnata da una particolare spiegazione delle modalità di esecuzione. In genere viene accennato il fatto che questa si componga di una serie di mosse e di pulsanti da premere al momento giusto, difficilmente eseguibili con una mano sola.

* Numerose sono le leggende e le dicerie riguardanti il famoso videogioco Final Fantasy VII, incoraggiate certamente dal gran numero di sotto-missioni e curiosità realmente presenti nell'opera. Tra le varie ricordiamo quella secondo cui si sostiene che esista un modo per resuscitare Aeris. Inoltre, con riferimento ai Chocobo (grossi uccelli simili a struzzi, il cui colore varia a seconda delle loro abilità), si dice che in alcune delle foreste che compongono il mondo del gioco, sia possibile incontrarne esemplari bianchi in grado di volare, mentre in realtà gli esemplari più avanzati, quelli dorati, sono solo in grado di camminare sulla superficie del mare. Infine, alcune guide non ufficiali del gioco descrivono complicati procedimenti per utilizzare la spada di Sephiroth.

* Secondo alcuni appassionati, in Mortal Kombat deception è possibile sbloccare il personaggio di Motaro. La vicenda è stata alimentata dal fatto che spesso in Mortal Kombat vengono aggiunti dei trucchi per utilizzare o combattere personaggi extra (per esempio, è possibile,con un trucco, affrontare Reptile in Mortal Kombat I, che non è disponibile), ma la vicenda è stata smentita.

* Ulteriori dicerie riguardano i videogiochi dei Pokémon, soprattutto della prima generazione.

La più conosciuta è relativa a Mew. Secondo una leggenda diffusa, questo Pokémon raro (presente nel codice sorgente del gioco, poiché nei tornei nazionali e internazionali di Pokémon è stato messo in palio come premio per i vincitori, ed è ottenibile tramite Action Replay modificando alcuni valori del salvataggio) si trova nella città di Aranciopoli (Vermilion City nella versione originale). Per catturarlo bisognerebbe recarsi in prossimità della nave Sant'Anna, ancorata al porto di quella città e nuotare sopra un Pokémon alla destra del molo, fino a scorgere un "camioncino". Arrivati a questo punto le teorie sono molto discordanti. Alcuni siti parlano di girare attorno al camion fino a quando apparirà Mew, altri sostengono di salire nel retro del camion e di scontrarsi con lui. Una tesi molto fantasiosa sostiene che con tale camion si potrebbe giungere ad una città particolare, in cui il re è Mew e, dopo aver parlato con lui e accettato la sua sfida, sconfiggendolo lui accetta di seguirvi durante il corso dell'avventura. Naturalmente tutte le soluzione proposte sono false, visto che il camion citato è solo un elemento di sfondo. Molti tentano di avvalorare la tesi affermando che ciò avviene solo nelle versioni americane o giapponesi di Pokémon (alcuni specificano che si tratta di Pokémon Giallo, altri parlano di Pokémon Verde, che è uscito solo in Giappone).
Le stesse tesi con varianti vengono applicate a Celebi, altro Pokémon non catturabile, nelle versioni della seconda generazione. Tutte le tesi si accomunano per il fatto che presentano il Bosco di Lecci e la presenza di un Pokémon a livello 100 (il massimo raggiungibile nel gioco). Una tesi anonima specifica che necessita la presenza di un Meganium al livello 100 (per avere un Meganium bisogna quasi obbligatoriamente scegliere Chikorita all'inizio del gioco). Altra tesi sostiene che appaia di martedì e solo quando si è in possesso della Master Ball (un particolare tipo di Poké Ball). Queste leggende sono con molta probabilità false, soprattutto per la mancanza di screenshot o video correlati.

La variante più divertente è la presenza di Celebi nelle prime versioni dei Pokémon che, molto probabilmente, è una bufala che si prende beffa di tutte le leggende precedenti.

* Anche tra gli appassionati del gioco GTA: San Andreas è nota una leggenda secondo la quale in un bosco sarebbe possibile avvistare il Bigfoot. Terry Donovan della Rockstar Games, ha smentito ufficialmente le voci sull'esistenza del mostro nel videogioco, nella rivista Electronic Gaming Monthly nel gennaio 2005 [14].

* Un'altra leggenda circola attorno ad un videogioco arcade chiamato Polybius. Secondo alcune testimonianze Polybius sarebbe stato un videogioco arcade creato da una società chiamata "Sinneslöschen" (parola tedesca composta, che tradotta suona come "cancella-mente"), distribuito in una manciata di unità a Portland (Oregon, USA), nel 1981. Il gioco, uno shooter piuttosto astratto dotato di alcuni elementi puzzle, probabilmente in grafica vettoriale, avrebbe avuto una sorta di effetto ipnotico su chi lo giocava, costringendolo a rimanere a giocare diverse ore, per poi provocare diversi malesseri psico-fisici come amnesie, nausee, allucinazioni e incubi. I gestori delle sale giochi avrebbero avuto diverse visite di strani "uomini in nero", che si presentavano non tanto per la raccolta dei quarti di dollaro, bensì per la lettura di misteriosi dati che il cabinato rilevava. Dopo un breve periodo le macchine sparirono nel nulla, per non riapparire più. Di Polybius esiste solamente uno screenshot, probabilmente contraffatto, che mostra la schermata iniziale.
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Ven Mag 09, 2008 6:45 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Asmodeus

Anima Vagante






Registrato: 21/09/06 16:46
Messaggi: 131
Asmodeus is offline 

Località: Napoli




MessaggioInviato: Sab Mag 10, 2008 12:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Alla faccia mia...
Qualcuno sa la leggenda del turista pazzo?
Ribicondo e amichevole, vi chiede informazioni e poi inizia a seguirvi ovunque...
dapprima lo incontrate "per caso"...
poi iniziano le molestie a casa e cosi' via!

_________________
VITA MUTATUR, NON TOLLITUR
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
TENEBRAGOTH666

Anima dell'Inferno





Età: 27
Registrato: 19/03/09 10:15
Messaggi: 648
TENEBRAGOTH666 is offline 

Località: Torino




MessaggioInviato: Lun Mar 30, 2009 7:23 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

SI, POI TI DICE: '' SIAMO DA SCHERZI APARTE...AHAHAH...IHIHIHI''
PESSIMO SCHERZO Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green

_________________
SO DI NN ESSERE RELIGIOSA MA SE DAVVERO ESISTI...SUPERMAN AIUTAMI TU!!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email Yahoo Messenger
Noctifer

Demone Inferiore






Registrato: 22/09/06 13:12
Messaggi: 914
Noctifer is offline 

Località: Napoli
Interessi: Horror
Impiego: AVVOCATO, SCRITTRICE, GIORNALISTA, MUSICISTA, OCCULTISTA, SERIAL KILLER


MessaggioInviato: Lun Mar 30, 2009 10:00 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

SI E SI BECCA UNA SBERLA DA CAPOGIRO
_________________
BETTER BETTER REIGN IN HELL, BETTER BETTER REIGN IN HELL, THAN TO SERVE IN HEAVEN, THAN TO SERVE IN HEAVEN!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Noctifer

Demone Inferiore






Registrato: 22/09/06 13:12
Messaggi: 914
Noctifer is offline 

Località: Napoli
Interessi: Horror
Impiego: AVVOCATO, SCRITTRICE, GIORNALISTA, MUSICISTA, OCCULTISTA, SERIAL KILLER


MessaggioInviato: Mar Mar 31, 2009 2:52 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

DICONO CHE DANY FILTH, DURANTE IL LORO TOUR DELLA SCANDINAVIA, VOLEVA FARE IL GANZO ED ENTRò IN UN MCDONALD CON ARIA SPAVALDA. SI SEDETTE AD UN TAVOLO PER VEDERE LA REAZIONE DEI CLIENTI MA SOPRATTUTTO DEI CAMERIERI, E... SORPRESA DELLE SORPRESE: GLI SI AVVICINA IL RESPONSABILE E GLI SERVE L'HAPPY MEAL, SORRIDENDOGLI E DICENDO: "BUON APPETITO, PICCINO!"
_________________
BETTER BETTER REIGN IN HELL, BETTER BETTER REIGN IN HELL, THAN TO SERVE IN HEAVEN, THAN TO SERVE IN HEAVEN!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> L'ORRORE OGGI Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Dark Door topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008