Dark Door

STORIA E MISTERO - Egitto

Noctifer - Ven Set 22, 2006 1:59 pm
Oggetto: Egitto
Salve a tutti!
Mi sta a cuore questa discussione e, dal momento che ho appreso che una dei nostri utenti è un'egitttologa, mi fregio delle sue conoscenze per chiedere ragguagli e chiarimenti su una ddelle civiltà più misteriose della storia!
Propongo di seguito un breve sunto storiografico, giusto per inquadrare il discorso in maniera cronologicamente ordinata.

La reale storia dell'Egitto inteso come paese unitario ha inizio nel cosidddetto III Periodo (Djed), quando alla guida di questo paese vi furono delle figure identificate come "dei - sovrani" ("Regnanti Horus").
Tale era è ddefinita "Predinastica" e termina con l'ambigua figura di Horus Narmer.
Gli studiosi più autorevoli concordano nel ritenere probabile che Horus Narmer sia identificabile col Faraone Menes, fondatore della storia Egizia, storia che inizia con la Ia Dinastia in Età Tinita.
Di questi Faraoni è sconosciuta la durata di ciascun Regno.
Le fonnti fanno risalire al 2.960 a. C. l'inizio dei regni, ma appare lecito ritenere che questa prima Dinastia abbia avuto origine intorno all'anno 3.500 a. C. - 3.000 a. C. proprio con il Faraone Menes. E' verosimile fissare all'anno 2.770 a. C. la fine di questa Dinastia. Di seguito un elenco compilatorio dei faraoni di tale Dinastia:


PERIODO TINITA
E' compreso tra il 3000 ed il 2700 circa a. C.
Prima Dinastia dal 2950 al 2770 a. C.

AHA ovvero MENES
DJER
WADJ
DEN
ADJIB
SEMERKHET
QU'A

Alla Prima Dinastia subentra la Seconda, al potere dal 2.770 al 2.700 a. C. periodo di tempo in cui si alternarono sette Faraoni:


Seconda Dinastia:
HOTEPSEKHEMUJ
NEBRA
NYNETJER
SENEDJ
PERIBSEN
SEKHEMIB
KHASEKHEMUY

La terza Dinastia è inquadrabile nel periodo definito dell' "Antico Egitto". -
Anche per questi Faraoni i periodi di governo sono poco attendibili, ma dai dati disponibili possiamo indicare date non esatte, ma attendibili. -
Questa Dinastia fu sovrana dal 2.700 a. C. al 2630 a. C. , anno in cui subentrò la Quarta Dinastia

ANTICO REGNO
Questo periodo va dal 2700 al 2200 circa a. C.

Terza dinastia dal 2700 al 2630 circa a. C.

I Faraoni individuati e che appartengono a questa dinastia, sono:

SANAKHT - Probabilmente NEBKA - Epoca: dal 2700 al 2680 a. C.
DJOSER - Epoca: dal 2680 al 2650 a. C.
SEKHMKHET - Epoca: dal 2650 al 2640 a. C.
KHABA - Epoca: dal 2640 al 2635 a. C.
HUNI - Epoca: dal 2635 al 2630 a. C.
La IV Dinastia è caratterizzata dalla realizzazione di grandi opere come le Piramidi della Piana di Gisa che videro la partecipazione di tutto il Popolo Egizio. -
Questa Dinastia inizia nel 2.630 e termina nel 2.510 a. C.

Quarta dinastia dal 2630 al 2510 circa a. C.

I Faraoni individuati che appartengono a questa dinastia, sono:

SNOFRU - Epoca: dal 2630 al 2606 a. C.
CHEOPE - Epoca: dal 2606 al 2583 a. C.
DIDUFRI - Epoca: dal 2583 al 2575 a. C.
CHEFREN - Epoca: dal 2575 a. C. non bene identificata la data della morte.
MICERINO - Epoca: dal 2535 al 2517 a. C.
SHEPSESKAF - Epoca: 2517? al 2510 a. C.
Quinta dinastia dal 2510 al 2500 circa a. C.

I Faraoni che appartengono a questa dinastia, sono:

USERKAF - Epoca: dal 2510 al 2500 a. C.
SAHURA - Epoca: dal 2500 al 2490 a. C.
NEFERIRKARA - Epoca: dal 2940 al 2480 a. C.
SHEPSESKARA - Epoca: dal 2480 al 2470 a. C.
NEFEREFRA - Epoca: dal 2470 al 2460 a. C.
NIUSERRA - Epoca: dal 2460 al 2430 a. C.
MENKAUHOR - Epoca : dal 2430 al 2420 a. C.
DJEDKARA - Epoca: dal 2420 al 2380 a. C.
UNIS - Epoca: dal 2380 al 2350 a. C.
Sesta dinastia dal 2350 al 2195 a. C.

I Faraoni appartenenti a questa dinastia, sono:

TETI - Epoca: dal 2350 al 2320 a. C.
USERKARA - Epoca: non ben identificata.
PEPY 1° - Epoca: dal 2320 al 2300 a. C.
MERENRA 1° - Epoca: dal 2300 al 2293 a. C. - (2280 al 2270)
PEPY 2° - Epoca: dal 2293 al 2223 a. C. - (2270 al 2200)


Primo Periodo Intermedio - Dal 2200(2195)a circa il 2065 a. C.

MERENRA 2° - Epoca: dal 2200 ?
NITOCRIS - Epoca: dal 2200? al 2195 a. C.

VII ed VIII Dinastia - Dal 2195 a circa il 2160 a. C.

Non si hanno precise indicazioni. -

IX e X Dinastia - Dal 2160 a circa 2133 a. C.

Non si hanno precise indicazioni


XI Dinastia - Dal 2137 a circa 2064 a. C.

Prima Parte - Dal 2137 al 2064 a.C.




INYOTEF (ANTEF) dal 2137 al (sconosciuta la fine)
ANTEF I - Dal (sconosciuta la data) al 2121 a. C.
ANTEF II - Dal 2121 al 2072 a. C.
ANTEF III - Dal 2072 al 2064 a. C.


MEDIO REGNO - Dal 2060 al 1786 circa a. C.


XI Dinastia (seconda Parte - Dal 2064 al 1991

MENTUHOTEP I - Dal 2064 al 2013 a. C.
MENTUHOTEP II - Dal 2013 al 2001 a. C.
MENTUHOTEP III - Dal 2001 al 1991 a. C.

XII Dianstia - Dal 1991 al 1783 a: C.

AMENEMHAT I - Dal 1991 al 1962 a. C.
SESOSTRI I - Dal 1973 al 1928 a. C.
AMENEMHAT II - Dal 1929 al 1897 a. C.
SESOSTRI II - Dal 1897 al 1878 a. C.
SESOSTRI III - Dal 1878 al 1843 a. C.
AMENEMHAT III - Dal 1842 al 1798 a. C.
AMENEMHAT IV - 1799 al 1790 a. C.
SOBEKNEFERU - Dal 1790 al 1786 a. C.

SECONDO PERIODO INTERMEDIO - Dal 1786 al 1587 cica.

XIII - XIV Dinastia - Dal 1780 a circa il 1635

ANTEF IV - Dal (date non ben identificate)
MENTUHOTEP V - Date non ben identificate)
MENTUHOTEP VI - Date non ben identificate)
AMENEMHAT V -Date non ben identificate
AMENEMHAT VII -Date non ben identificate

XV - XVI Dinastia - 1635 al 1545 circa a. C.


KHYAN - Date non ben identificate
APOPI - Dal 1585 al 1545

XVII Dinastia - 1545 ? al 1543 circa

ANTEF V - Date non ben identificate
SEBEKEMSAF I - Date non ben identificate
SEBEKEMSAF II - Date non ben identificate
ANTEF VI - Date non ben identificate
ANTEF VII - Date non ben identificate
TACO I - Date non ben identificate
TACO II - Date non ben identificate
KAMOSE - Dal 1556 al 1548 circa a. C.

NUOVO REGNO - DAl 1567 al 1080 circa a. C.

XVIII Dinastia - Dal 1543 al 1292 circa a. C.

AHMOSE - Dal 1548 al 1526 a. C.
AMENOFI I (AMENHOTEP) - Dal 1526 al 1505.
TUTHMOSI I - Dal 1505 al 1501
TUTHMOSI II - Dal 1501 al 1479
HATSHEPSUT - Dal 1479 al 1457
TUTHMOSI III - Dal 1479 al 1425
AMENOFI II - Dal 1425 al 1402
TUTHMOSI IV - Dal 1402 al 1394
AMENOFI III - Dal 1394 al 1356
AKHENATON (AMENOFI IV) - Dal 1356 al 1339
SMENKARE - Dal 1339 al 1336
TUTANKHAMON - Dal 1336 al 1325
AY - Dal 1325 al 1320
HOREMHEB - Dal 1320 al 1292
XIX Dinastia - Dal 1292 al 1186

RAMSES I - Dal 1292 al 1291
SETHI I - Dal 1290 al 1279
RAMSES II - Dal 1279 al 1212
MERENPTAH - dal 1212 al 1202
SETHI II - Dal 1201 al 1196
AMENMESSE - Dal 1200 al 1197
MERENPTAH SIPTAH - Dal 1195 al 1189
TAUOSRE - Dal 1188 al 1186

XX Dinastia - Dal 1188 al 1078 circa

SETNAKHTE - Dal 1184 al 1182 a. C.
RAMSES III - Dal 1182 al 1151 a.C.
RAMSES IV - Dal 1151 al 1145 a.C.
RAMSES V - Dal 1145 al 1141 a.C.
RAMSES VI - Dal 1141 al 1134 a.C.
RAMSES VII - Dal 1134 al 1128 a.C.
RAMSES VIII - Dal 1128 al 1126 ? a.C
RAMSES IX - Dal 1126 al 1108 a.C.
RAMSES X - Dal 1108 al 1106 a.C
RAMSES X - Dal 1106 al 1078 a.C


TERZO PERIODO INTERMEDIO - Dal 1080 al 665 circa a. C.


XXI Dinastia - TANITA - Dal 1080 al 665 circa a. C.


SMENDES - Dal 1078 al 1043 a. C.
PSUSENNES I - Dal 1043 al 997 a. C.
AMENEMNESU - Dal 997 al 993 a. C.
AMENEMOPE - Dal 993 al 984 a. C.
OSORKON I - Dal 984 al 978 a. C.
SIAMON - Dal 978 al 959 a. C.
PSUSENNES II - Dal 959 al 945 a. C.

XXII Dinastia - LIBICA - Dal 945 al 730 - Faraoni Neri.


SHESHONQ - Dal 945 al 924 a. C.
OSORKON II - Dal 924 al 889 a. C.
TAKELOT I - Dal 889 al 874 a. C.
SHESHONQ II - Dubbia la datazione.
OSORKON III - Dal 874 al 850 a. C.
TAKELOT II - Dal 850 al 825 a. C.
SHESHONQ III - Dal 825 al 773 a. C.
PAMY - Dal 773 al 767 a. C.
SHESHONQ V - Dal 767 al 730 a. C. - Il Faraone Sheshonq IV non regnò mai. -


XXIII Dinastia - Detta Bubastica - Libica - Dal 818 al 793 a. C.


PETUBASTI - Dal 818 al 793 a. C.
OSORKON IV - Dal 787 al 757 a. C.
TAKELOT III - Dal 764 al 757 a. C.
RUDAMON - Dal 757 al 754 a. C.
OSORKON V - Dal 730 al ? a. C.

XXIV Dinastia di Sais - Dal 727 al 720 a. C.

TEFNAKHT - Dal 730 al 720 a. C.
BOCCORIS - Dal 720 al 715 a. C.

XXV Dinastia - Nubiana - Dal 760 al 656 a. C.




KASHTA - Dal 760 al 747 a. C.
PIANKHY - Dal 747 al 716 a. C.
SHABAKA - Dal 716 al 695 a. C.
SHEBITKU - Dal 695 al 690 a. C.
TAHARQA - Dal 689 al 664 a. C.
TANUATAMUN - Dal 664 al 656 a. C.

XXVI Dinastia - Saita - Dal 672 al 525 a. C.


NEKO I - Dal 672 al 664 a. C.
PSAMMETICO I - Dal 664 al 610 a. C.
NEKO II - Dal 610 al 595 a. C.
PSAMMETICO II - Dal 595 al 589 a. C.
APRIES - Dal 589 al 570 a. C.
AMASIS - Dal 569 al %"& a. C.
PSAMMETICI III - Dal 526 al 525 a. C.
Noctifer - Ven Set 22, 2006 2:00 pm
Oggetto:
Il recente ritrovamento della tomba di Zed-Khons-uef-ankh, il Governatore di Bahriya, risatente alla XXVI dinastia ha messo un pò in crisi le mie ccertezze:
al suo interno è stato rinvenuto un sarcofago di pietra contenente un altro sarcofago di alabastro.
Ma come è possibile che un sarcofago della XXVI dinastia contenga un secondo sarcofago di alabastro, infrangendo una prassi di sepoltura in vigore da decenni?
E perchè proprio per un "semplice" governatore?
Se qualcuno può darmi delucidazioni, attendo con ansia.
Grazie.
Noctifer - Ven Set 22, 2006 2:00 pm
Oggetto:
Mai sentito parlare di "traspositio deitatis"?
Vale a dire comunanze tra figure mitologiche di civiltà diverse...
Il dio sumerico Anu aveva una figlia, Bau (suono onomatopeico del latrato del "cane", auau), che era una divinità dalla testa di canide. Il dio egizio Anubi era una divinità dalla testa di cane.
COMMENTI???????????
Noctifer - Ven Set 22, 2006 2:01 pm
Oggetto:
Non dirò nulla, suggerirò una lettura che, con sommo stupore, ho trovato sul web (avevo letto tutto sul cartaceo)

Rantola - Ven Set 22, 2006 2:02 pm
Oggetto:
Ciao Nocitifer, ho letto con molto interesse tutto quelo che hai scritoo e mi devo complimentare con te, sei molto ben informato!!! Mi sto informando riguardo al ritrovamento della tomba del governatore, essendo una scoperta recente, è tutto ancora in fase di studio. Appena avrò notizie dettag.iate te le farò sapere... Ci tenevo a precisare che io sono un'egittologa specializzata nella traduzione dei geroglifici egizi e aramaici.. A presto.. Sto per aprire un topic sul vampirismo, se ti va di leggerlo.. Wink Twisted Evil
Dark Door - Ven Set 22, 2006 2:04 pm
Oggetto:
a quanto vedo state dando sfoggio delle vostre conoscenze...bravi! Sono lieto di così tanta cultura!
Complimenti NOCTIFER! A breve anche i misteri dell'egitto saranno svelati nella sezione mitologia...
Noctifer - Ven Set 22, 2006 2:06 pm
Oggetto:
GRAZIE!
ALLORA SARò IMPERTINENTE A CHIEDERTI, PIù IN AVANTI, UN RAFFRONTO CON LE TRADUZIONI CHE HO EFFETTUATO E SULLE QUALI, SINCERAMENTE, HO MOLTI DUBBI Embarassed
GRAZIE ANCORA.
Anonymous - Ven Set 22, 2006 2:08 pm
Oggetto:
Noctifer, quando vorrai inviarmi i geroglifici sarò molto lieta di tradurli e di dargli un senso logico per quanto sarà possibile... Ho delle informazioni sul governatore ZED-KHONS-UEF-ANKH che ti invierò prossimamente... A proposito, posso sapere di cosa ti occupi nella vita? Non sarai un egittologo anche tu? O solo un appassionato dei misteri dell'egitto?
Rantola - Ven Set 22, 2006 2:09 pm
Oggetto:
P.S. L'OSPITE PRECEDENTE SONO IO, RANTOLA... OPS, GRANDE GAFFE... Mad Razz Embarassed
Noctifer - Ven Set 22, 2006 2:10 pm
Oggetto:
in realtà sono aavvocato, ma leggo molto e ficco il naaso dappertutto!!!!
eheheheh Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil
Rantola - Ven Set 22, 2006 2:12 pm
Oggetto:
PROFEZIA DELLA GRANDE PIRAMIDE
La grande piramide è la piramide di Cheope, la maggiore, la più settentrionale e la più perfetta della quarantina di piramidi costruite in Egitto, presso il Nilo. Risale a un periodo compreso fra il 3400 e il 2144 a.c. Secondo una leggenda, la Grande Piramide è il luogo in cui sono state nascoste le grandi conoscenze segrete degli antichi sacerdoti egiziani. I primi archeologi che vi penetrarono trovarono un intrico di stretti corridoi che sfociavano in una grande sala lunga 10 metri e larga 5 in cui c'era un sarcofago vuoto di granito rosso. Altri corridoi portavano a sale minori. In seguito furono fatte alcune scoperte singolari. Ad esempio i quattro lati della base hanno una lunghezza complessiva di 36.506 pollici egiziani (il pollice egiziano, corrisponde quasi esattamente al pollice inglese e cioè a due centimetri e mezzo oltre a una trascurabile frazione di millimetro); mettendo una virgola decimale a questo numero, si ha il numero esatto dei giorni dell'anno. Si cominciò allora a supporre che le misure interne ed esterne della piramide fossero state stabilite in corrispondenza a misure spazio-temporali di carattere storico o astronomico e si ottennero delle conferme o per lo meno delle coincidenze che sembravano tali: ad esempio l'altezza della piramide, moltiplicata per un miliardo, ci dà esattamente la distanza minima della Terra dal Sole. Per questa via alcuni studiosi, come il Davidson. il Piazzi Smith, il Moreux, intrapresero una serie minuta di misurazioni, prendendo per unità di misura il pollice egizio e fecero varie constatazioni singolari. Partendo dalla porta di ingresso e calcolando, lungo il sistema dei corridoi, matematici, si giungeva a una sorta di profezia in cui erano elencate numerose date senza che fossero precisati gli avvenimenti a cui si riferivano. Ad esempio: 4 aprile 1486 a.c., che corrisponderebbe all'esodo degli ebrei; 4 ottobre del IV secolo a.c., che secondo alcuni storici sarebbe la vera data della nascita di Cristo. La data della crocifissione appare fissata al 7 aprile dell'anno 30 del calendario giuliano. Venendo a tempi più recenti, troviamo il 1492, anno della scoperta dell'America; il 1517 anno in cui Lutero dava inizio alla sua riforma affiggendo le sue 95 tesi alle porte della cattedrale di Wittenberg, e via di seguito. Nell'ultimo corridoio vi è un grande masso che ostacola il passaggio: le date da esso indicate vanno dal 4 agosto 1914 al 10 novembre 1918: si noti la quasi perfetta concordanza con le date di inzio e di fine della prima guerra mondiale:. Si ricavano poi altre date: 29 maggio 1928, messa al bando di ogni guerra con il Patto Kellog; 16 settembre 1936, data che segue di 7 mesi l'occupazione della zona demilitarizzata della Renania da parte della Germania, e procede di due il Patto Anticomintern fra Germania, Italia e Giappone; 20 agosto 1939, data quasi esatta dell'inizio della seconda guerra mondiale; 4 marzo 1945, data anche questa quasi esatta, della fine di questa guerra; 20 agosto 1953, anno della morte di Stalin e della fine della guerra in Corea. Dal 1909 in poi, le date si fanno più fitte: ogni pochi anni vi è un'indicazione importante. Date future che ci possono interessare sono ancora tra le mani dei piramidologi. Twisted Evil Evil or Very Mad Shocked
Rantola - Ven Set 22, 2006 2:12 pm
Oggetto:
Noctifer rimango sempre in attesa dei tuoi geroglifici. Sei talmente bravo e informato che sicuramente queste notizie che ho inserito saranno a te già note. sei davvero in gamba nel campo dell'egittologia per essere un avvocato...Embarassed Laughing Surprised
Noctifer - Ven Set 22, 2006 2:14 pm
Oggetto:
Grazie per i complimenti... Embarassed
Ti invierò i ggeroglifici appena me li restituiscono... Laughing
Sì, conoscevo l'argomento... Ma le date interessanti, che io sappia, erano il 1979-80, che per alcuni avrebbe dovuto corrispondere al terzo conflitto mondiale, e il 1991-92, che avrebbe dovuto indicare grossi cambiamenti di ordine terrestre e celeste e avrebbe dovuto corrispondere alla venuta del Grande Monarca, profetizzato anche da NOSTRADAMUS (Il grande Monarca e il grande Papa precederanno l’Anticristo), portatore di pace nel mondo sconvolto dalla falce e dalla mezzaluna, ma predecessore dell'Anticristo.
L'ultima data fissata dalla piramide, che io sappia, è il 2001. Forse sarebbe dovuta essere la data della fine del mondo? Magari non avevano tutti i torti, perchè la cometa Linear, scoperta grazie al Lincoln Near Earth Asteroid Research project , in transito attorno al Sole il 16 novembre 2001, ha generato un'attività insolita di meteoriti, quindi (e questo i media non l'hanno detto), se volessimo credere alle pprofezie, dobbiamo pensare che uno di essi stava per colpirci ma che, con un qualche bombardamento, i nostri esperti siano stati in grado di neutralizzarlo.
Questo spiegherebbe il riserbo intorno alla cometa e all'attività da essa generata!
Anonymous - Ven Set 22, 2006 2:15 pm
Oggetto:
Se non erro, riferendomi a Nostradamus, questo Papa attuale dovrebbe essere il penultimo? Poi dopo di lui ne dovrebbero eleggere un altro di colore e ancora dopo dovrebbe giungere sulla terra l'anticristo? Correggimi se sbaglio, non sono molto esperta sulle profezie di Nostradamus.. I complimenti te li meriti tutti!!! Laughing Surprised Smile Very Happy
Rantola - Ven Set 22, 2006 2:16 pm
Oggetto:
Come al solito l'ospite sono sempre io... Laughing La pasticciona rantola Embarassed
Noctifer - Ven Set 22, 2006 2:18 pm
Oggetto:
ti ringrazio...
che io sappia, non c'è una vera e propria collocazione ttemporaale dell'Anticristo rispetto ai papi.
I primi due Anticristi erano Napoleone ed Hitler, ma la loro venuta non era altrettaanto ben collocata temporalmente...
Questo terzo "MABUS", "ALUS", che dir si voglia, dovrebbe venire dopo il Papa Nero, ma nero perchè di colore? Nero perchè gesuita (appunto, ordine monastico con colore - guida nero)? Nero perchè rimarrà nell'ombra (come l'attuale pontefice che vive e vivrà nell'ombra del precedente)?
Queste sono solo mie opinioni, ma mi farebbe piacere aprire un post su nostradamus...
magari...
Rantola - Ven Set 22, 2006 7:49 pm
Oggetto:
Per papa nero, intendevo perchè di ordine gesuita. Cmq non è una cattiva idea aprire un topic su nostradamus... Io mi sto documentando così ti posso dare una mano! E' un argomento affascinante!!! Rolling Eyes Question
Noctifer - Ven Set 22, 2006 7:51 pm
Oggetto:
ok, allora vada per il topic di Nostradamus...
Ma con tutti questi topic, non ci andremo a rimettere col formaggio?
Rantola - Ven Set 22, 2006 7:53 pm
Oggetto:
Io sono ghiotta di formaggio, penso di mangiarne più di un topo! Embarassed Idea Twisted Evil Perciò rimaniamo in tema... Laughing
Noctifer - Ven Set 22, 2006 7:55 pm
Oggetto:
Chiedo venia...
ho smaarrrito la via nie meandri delle freddure sceme...
UNA SCIOCCHEZZA DI TANTTO IN TANTO AIUTA TUTTI GLI UOMINI A VIVERE D'INCANTO!
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:01 pm
Oggetto:
L'Egitto tolemaico e romano Idea


La vicenda dell'Egitto tolemaico e romano va proiettata su ampio sfondo. A partire dal 1580 a. C. la Nubia era stata governata dai Faraoni come vicereame e acculturata. Degli egiziani i nubiani avevano appreso la lingua e scrittura, le arti e la religione.
Questa per sapiente trapianto delle divinità egizie, che erano tutte "cittadine" di una o altra località, a similmente "cittadine" in Nubia; ad esse inoltre vennero affiancate divinità nubiane configurate all'egiziana. Per le une e per le altre si costruirono templi, e per i defunti sepolcri in tutto simili agli egizi.

La decadenza della monarchia egizia, iniziata nel X sec. a. C., trascinò seco la caduta del Vicereame, ma anche diede spazio, nella regione fatta indipendente, in anni attorno al 750 a. C., alla formazione di un regno, che si consolidò nel Sud con una splendida capitale, Napata, più tardi, affiancato e poi sostituito da un altro, con Meroe.
Insieme con tali monarchie fiorì una notevole Mischkultur: sepolcri reali a piramide, ma assai più aguzza dell'egizia; tombe di principi di tipo indigeno "a torta", in pietrame, gigantesche; templi, egizi in quanto alla struttura e agli schemi delle integrazioni sculturali, ma realizzati per robusta ipervolumetria; palazzi di tipo greco-orientale.
Più importante per crescita da compagine a Stato, la fissazione della lingua locale in scrittura, nella scrittura egizia dapprima, poi in una nuova, che più non usava, come l'egizia, un alfabeto consonantico e alcune centinaia di segni policonsonantici, ma soltanto l'alfabeto - secondo perfezionamento già attuato dai Fenici, qui, nel III sec. a. C. dal re Atakamani, Ergamene in dizione greca, che era stato istruito da sofisti - e dunque forse per imitazione della scrittura greca. Tale alfabeto era però tuttora consonantico: più probabile una imitazione di quello aramaico, apportato da gruppi di giudei discesi fino alla Nubia in due tornate, nel sec. VIII e poi nel VI.
Il regno costruito in tal modo era tuttavia formato di popolazioni legate al sovrano soltanto per patto di fedeltà. Non riuscì a ostacolare, quindi, ripetute scorrerie, iniziate nel III sec. d. C., di un'altra popolazione, e aggressiva, proveniente dal Deserto Orientale, i Blemmi, che puntarono alla Nubia Settentrionale e alla fine vi s'insediarono. Nuovi potenti d'Africa, gli Axumiti, nel 350 gli diedero il colpo di grazia - distrussero Napata e Meroe.

Fece seguito a tal evento un medioevo oscuro, che perdurò fin al VI sec. e alla formazione di tre saldi regni cristiani.
La cultura cosmopolita di Napata e Meroe che abbiamo descritto, può spiegare il perché di un pacifico rapporto definibile come di "convivenza religiosa", intrattenuto sempre dalle due capitali con i Tolomei.
Troppo impegnati, i Tolomei, infatti, nelle aspre guerre in Siria contro gli Antigonidi, si rivolsero verso il Sud solo con Tolomeo II, che vi spinse una spedizione scientifica; i successori occuparono quindi la Valle del Nilo oltre Assuan fino a Hierà Sykaminos-Maharraka, lungo una fascia chiamata quindi Dodekaschoinos, "delle dodici miglia"; in certi periodi andarono oltre, fino a Primis-Kasr Ibrim: affidarono il relativo territorio allo stratego di Elefantina, dipendente dall'epistratego della Tebaide ossia dell'Alto Egitto.
Per il resto si dedicarono soprattutto a costruire templi, alcuni su sacrari già egizi: uno grandioso a File, per Iside; altri modesti a Debod, Uadi Hedid, Kalabsha, Aguala, Pselcis-Dakka e nella stessa Maharraka, per altre divinità, sia egiziane sia nubiane. Templi prettamente egizi in quanto ad architettura, ma con decorazione a rilievo innovata, fatta corposa - assai meno tuttavia della nubiana. Templi tra i quali i situati a File, Debod e Dakka, recano segni di interventi dei Meroiti.
Sullo stesso registro della convivenza religiosa cade un Atto tolemaico, secondo cui il territorio esteso da Assuan fino alla II Cateratta, detto Triakontaschoinos, doveva considerarsi sacro a Iside - dea cui i Nubiani erano devotissimi; la celebravano con un grandioso pellegrinaggio annuale per nave, che trasportava l'idolo della dea in visita al suo sposo, qui non l'antico egiziano Osiride, ma il nubiano Mandulis residente in Kalabsha.
Autori principali di tal fioritura monumentale furono Tolomeo IV e il VI con il coevo Ergamene, negli anni tra la fine del III sec. e la metà del II a. C.

Negli anni successivi, dopo Azio, 31 a. C., subentrò Roma.
Fiumi d'inchiostro sono stati spesi per rievocare la vicenda di Cleopatra (la VII), Ottaviano e Antonio, ma non una stilla per altre figure di quel tempo altrettanto degne di "scavo" letterario.
Giulio Cesare, che in Egitto apprese lo schema dello Stato con amministrazione del territorio "piramidale", quale mai costruita altrove nell'antichità; si propose di ricalcarla su Roma; pagò quel disegno nelle Idi di Marzo.
Cornelio Gallo, delicato poeta novus della cerchia di Tibullo e del giovane Virgilio, compagno di studi di Ottaviano e valente condottiero al suo fianco ad Azio: inviato dall'amico a occupare la Valle del Nilo e vincitore contro aspre resistenze nella Tebaide - culla da sempre, di popolazione forte e riottosa - e nella Triakontaschoinos, elevò a File una grande stele con iscrizione geroglifica e greca e latina a propria gloria; fu richiamato immediatamente a Roma da Ottaviano. Ivi anche apprese d'essere stato tradito dalla donna amata; non resse, e si diede stoicamente la morte; Virgilio cancellò un panegirico che per lui aveva scritto nelle Georgiche.

Né una stilla si è spesa per una Candace (ossia "regina" nella lingua nubiana, ma il nome fu creduto dai latini personale) di Napata, che guidò una rivolta dei Nubiani contro il dominio imposto da Cornelio Gallo; un'orda guerriera si spinse sino a File: saccheggiò il tempio di Iside e ne riportò a Meroe alcune statue d'Augusto, che gli archeologi hanno ritrovato recentemente. Venne ricacciata verso sud dal Prefetto dell'Egitto Gaio Petronio, che le inflisse una dura sconfitta nel 23 a. C. a Dakka; si rinchiuse nella rocca di Primis ma non resse ad assalto di Petronio; questi proseguì fino a Napata, ivi offerse pace ai cittadini contro restituzione degli ostaggi e delle statue di Augusto; ricevette un rifiuto, prese quindi d'assalto la città e la distrusse - Napata sopravvisse come centro religioso, fu in parte ricostruita da Meroe, che ad essa si sostituì completamente.

Ma la Candace ancora una volta tornò all'offensiva e attaccò Primis, ora caposaldo di Roma; un'altra volta intervenne Petronio, e le impose durissimi patti di pace. Essa non si rassegnò tuttavia: chiese e ottenne di trattare direttamente con Ottaviano; si portò fino al suo Quartiere Generale a Samos, e ivi ottenne di segnare il confine tra Roma e Meroe a Maharraka - la data di tal evento si colloca nel 22 o 21 a. C.
Fu dunque, la Candace, una contro-Cleopatra. Da una parte Cleopatra, non bella come la si dipinge - si veda il ritratto sulle sue monete - ma certo raffinata e sicuramente fascinosa nel parlare animato da una vasta cultura, quale descritta dagli storici, sì che riuscì a sedurre un Giulio Cesare - per incontro paragonabile a quelli di Vittoria Colonna con Michelangelo e della Signora di Staël con Vittorio Alfieri. Ma non smosse di un dito Ottaviano. Ci riuscì la Candace, nemmeno lei bella - fu descritta come orba - né forse altrettanto colta, ma incontrò la saggezza del politico: Ottaviano non volle mai vendicare la sconfitta di Carre, né quella di Teutoburgo; l'Impero andava chiuso entro confini sicuri, quindi giustamente limitati.

La pace di Samos tenne per due secoli, fino al 250, anno di una prima, rovinosa incursione dei Blemmi, estesa fino alla Tebaide, respinta a fatica da Traiano Decio. Altre seguirono, similmente e inutilmente respinte, finché Diocleziano, nel 197, ritirò la frontiera a File. Diede il via in tal modo a un medioevo, che più tardi si saldò a quello nel Sud, e chiuse una stagione in cui la Nubia Settentrionale venne antropizzata quale mai in precedenza.
Innanzitutto con una catena di forti elevati sui nodi delle piste costeggianti il Nilo e delle carovaniere connesse, a difesa da scorrerie di nomadi dei deserti.

Rifacendosi a Itinerari romani e a resti archeologici, si è accertato che il primo anello di tale catena era costituito da Siene-Assuan e Contra Siene, il secondo da File e Shellal; seguivano sulla sola riva occidentale Parembole - oggi Debod - e Tzitzis - oggi Uadi Kamar - in un tratto dove la costa opposta è inaccessibile, e quindi Kertassi, senza testa di ponte sulla regione orientale di Dehmit, pianeggiante ma non pericolosa, perché aperta su un uadi che ripiegava verso Assuan.

Più a sud, la valle si restringe nella stretta di Bab el-Kalabsha, costituendo un punto strategico importante, protetto da Tafis - oggi Tafa - e Contra Tafis, collocate nel punto dove le due piste volgevano verso l'interno per aggirare i promontori, e al successivo sbocco delle stesse sul fiume, a Talmis - oggi Kalabsha - e Contra Talmis; piccoli forti sorgevano inoltre su isolotti che emergevano dalla corrente nella stretta medesima. Più oltre si incontravano gli accampamenti stabili di Aguala sulla riva orientale, e Tutzis - oggi Dendur - su quella occidentale; quindi un'altra coppia di forti a Pselcis - oggi Dakka - e Contra Pselcis, questa seconda collocata sul luogo degli antichi forti di Kuban, ma non più con la funzione di guardare la via di accesso alle miniere d'oro di Uadi Allaki ormai abbandonate. Infine, sulla sola riva occidentale, erano state previste le difese di Corte - oggi Kurta - e Hierà Sykaminos - Maharraka - sul confine. Ancora, non ci fu bisogno di guardare le carovaniere sul Deserto Arabico; si fortificarono invece quelle verso il Mar Rosso.
L'intero sistema era completato da torri d'avvistamento e di guardia, elevate a intervalli regolari da forte a forte.

Roma sigillò inoltre la sua presenza nella Dodekaschoinos così come avevano già fatto i Tolomei, in un buon numero di templi. Di questi indicheremo i principali, seguendo un itinerario da nord a sud "avanti-sommersione".
A File, il tempio tolemaico di Iside, fu arricchito sotto Augusto, Tiberio e Antonino di estesi rilievi; lo stesso Augusto fece costruire sui fianchi del cortile di accesso al santuario - forse completando un'opera tolemaica - due lunghi porticati; Adriano aggiunse al recinto del medesimo santuario, sul lato orientale, un grande e magnifico portale. Nella parte settentrionale dell'isola, Augusto murò un tempio - dove gli archeologi ritrovarono la stele di Cornelio Gallo - oggi purtroppo in completa rovina; nell'occidentale, Claudio costruì un tempio dedicato a Harendotes, una forma del dio Horus. Più tardi fu elevato sulla riva orientale quel "chiosco di Traiano" che si inserisce fra i gioielli dell'architettura d'ogni tempo e luogo: infine, di fronte al tempio di Augusto, Diocleziano edificò una grande porta di città.
Procedendo oltre, dopo il tempio tolemaico-meroita di Debod, aggrandito da Augusto, dopo un chiosco a Kertassi e un altro tempio a Tafa, augustei, s'incontravano, a Talmis-Kalabsha un tempio pure augusteo, che per essere il maggiore della Nubia, fu chiamato "la Karnak del sud". Costruito sopra l'edificio tolemaico già ricordato, serbò la dedica a Mandulis. Quindi, ad Aguala, località meno nota, sulla riva orientale del Nilo, poco a sud di Kalabsha, un sacrario dedicato allo stesso dio nella medesima epoca. E ancor oltre, a Dendur, e ancora augusteo, un tempio non grande, ma di finissima esecuzione, consacrato a diverse divinità, fra le quali due personaggi del posto assurti a semidei, Pedeisi e Pehor.

Ultimi incontri, l'antico santuario tolemaico e meroitico di Thot a Pselcis-Dakka completato con un grande portale "a pilone", un sacrario di Iside a Kurta, e uno a Hierà Sykaminos-Maharraka di Serapide, nuovo dio creato dai Tolomei e fatto sposo di una Iside ellenizzata in Alessandria.
In tutti questi rifacimenti o completamenti o costruzioni a nuovo, furono ripresi fedelmente gli schemi e lo stile tolemaici. Solo nel cortile a trapezio fronteggiante il tempio di File, si potrebbe additare una ricerca di teatralità tutta romana, visibile anche in Egitto, nel tempio di Esna.
Da notare che gli stessi templi sono per noi indizio di città sorte nei pressi, purtroppo ricostruite in seguito - la più importante a Kalabsha.

Non va taciuto tuttavia, a chiusura di questo rapido resoconto, il progresso notevole apportato all'agricoltura dai Tolomei e incrementati dai Romani. Alle coltivazioni della dura e della palma da datteri, certo già ivi esistenti, si aggiunsero l'ulivo, la vite e il limone. Ne sono testimoni i trovamenti di grandi frantoi per olive a Kalabsha e Uadi Kamar, di pressoi per le uve in diverse località; un'iscrizione a File in cui si riferisce che nel 176 Marco Aurelio donò dei vigneti al tempio. Un incentivo a tale progresso fu dato dall'introduzione della noria, agibile con forza animale, assai più efficace per sollevamento idrico dell'antichissimo secchia bilanciata o mazzavallo. Ambedue erano ancora in uso nello scorso secolo - note con nome arabo di sákia e shaduf.

Probabilmente fu creato allora il paesaggio che la Nubia Settentrionale ancora serbava prima della recente sommersione - in binomio con l'Egitto, analogo a quello della Svizzera rispetto all'Italia. Villaggi con impianto urbanistico preciso e case con strutture adatte al clima che ancora aspettano uno studio e pubblicazione, le strade linde; le esigue coltivazioni perfette.

Purtroppo, la grandiosa opera di salvamento archeologico della Nubia voluta dal Governo egiziano, ha potuto soltanto salvarne i templi, poiché in pietra. Fra di essi, quelli di Debod, Tafa e Dendur sono stati donati a Madrid, Leida e New York, a portarvi il loro messaggio di cultura - insieme con quello dedicato da Thutmosi III in Ellesija, ora a Torino. Gli altri sono risorti nella loro terra, sulle rive del Lago Nasser; unico monumento tuttora in sito, emergente dallo specchio d'acqua, il forte di Primis, abbandonato dai romani con la pace di Samos e variamente rimaneggiato nei tempi nuovi. Twisted Evil Rolling Eyes Wink
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:03 pm
Oggetto:
Surprised Shocked Embarassed
Una nuova esposizione a Villa Adriana analizza l’influenza della cultura egizia su Adriano.
Negli anni successivi al rientro a Tivoli (134 d.C.), dopo un viaggio nella provincia d’Egitto, l’ammirazione di Adriano per il paese delle piramidi e i culti misterici, in particolare quello di Iside, si ritrova in una serie di opere rinvenute nella Villa nei secoli scorsi e in gran parte conservate a Roma presso i Musei Vaticani e i Musei Capitolini. Ad esse si aggiungono i recenti rinvenimenti, sia dall’Antinoeion che dalla Palestra.

Si tratta essenzialmente di opere raffiguranti Iside, Antinoo-Osiride, sacerdoti, offerenti; e ancora basi di statue e vasi, realizzati in un’estrema varietà di materiali, dal marmo bianco al bigio morato, dal basalto alla diorite, dal cipollino al rosso antico. La numerosa presenza di immagini di Iside e del suo seguito va considerata nel contesto generale dei rinvenimenti di carattere egittizzante pertinenti alla Villa. Questi includono infatti non solo divinità del pantheon egizio, ma anche tutta una serie di personaggi (sia maschili che femminili) e animali (coccodrilli, scimmie, leoni, sfingi), oltre a decorazioni ed elementi vari di arredo, il cui impiego sembra rispondere in gran parte alle esigenze dettate da un certo gusto per l’esotico, piuttosto che essere interpretati come espressione di vera e propria religiosità.

Gli scavi hanno restituito numerosi frammenti di statue egittizzanti simili a quelle rinvenute in passato nella Villa durante gli scavi del Settecento, in particolare ad opera dei Gesuiti e del Michilli, proprietari di terreni in questa zona della Villa. Questi elementi hanno suggerito l’ipotesi che le numerose statue egizie, tra cui l’Iside e l’Antinoo-Osiride, ora nell’allestimento permanente dei Vaticani, 1744 e ritenute provenienti dal Canopo, siano state in realtà trovate nell’edificio a esedra che fiancheggiava l’ingresso monumentale della residenza imperiale, che è stato identificato come l’Antinoeion, un santuario-tomba in onore del giovane Antinoo.

Il percorso della mostra, che si articola in tre sezioni, illustra il significato della tematica “egizia” a Villa Adriana, attraverso l’analisi delle testimonianze finora note e delle ipotesi proposte dai vari studiosi, alla luce delle recenti scoperte e ricerche, e del contesto di provenienza delle opere, nonostante sia spesso difficile individuare con sicurezza l’ubicazione esatta dei singoli reperti.

Adriano e l’Egitto
Sede : Tivoli, Villa Adriana, Antiquarium del Canopo
Via di Villa Adriana, 204
tel. 0774-382733
Periodo: 11 aprile – 15 ottobre 2006
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:03 pm
Oggetto:
Hyksos: gli Ebrei d'Egitto?



Il nome "Hyksos" viene generalmente tradotto come "re pastori" Però il suo etimo è "Hikau Khasut" che, in egizio, significava "re di paesi stranieri" .

Il nome "Hyksos" viene generalmente tradotto come "re pastori" Però il suo etimo è "Hikau Khasut" che, in egizio, significava "re di paesi stranieri" In origine, provenivano probabilmente dal nord, dato il loro uso di cavalli e carri, che importarono in Egitto e dove giunsero dalla Siria e dalla Palestina. Di origini nomadi, come indicano le tipologie di vasi loro attribuiti, decisamente povere, avevano costituito un grande impero che comprendeva le terre degli Amorriti, degli Hurriti ed Edomiti. Qui, erano situate le città di Hebron, residenza di Abramo, e di Haran, dove viveva suo fratello.
Adoravano Senekh, una forma di Baal siriano (nome che significa "il Dio") che gli Egizi identificarono poi con Seth. Regnarono in Egitto per circa 200 anni (il secondo periodo intermedio: ca. 1780-1570 a.C.) ed in questo periodo si colloca anche la figura di Giuseppe che, evidentemente, era uno dei loro. E' perciò più che probabile che siano proprio Hyksos (o comunque una parte di loro) gli "Ebrei" che rimasero in Egitto dopo la restaurazione della XVIII Dinastia. Da qui anche il disprezzo degli Egizi nei loro confronti e il loro stato inferiore nella scala sociale (comunque, non schiavitù). Di loro dicevano: "non conoscono Ra" e li consideravano "asiatici infidi e degni di disprezzo" come tutti quelli che vivevano ad est di Pelusio. Quindi, si possono capire le vere ragioni che hanno spinto parte di loro (solo la tribù di Manasse, quella di Ephraim rimase) ad espatriare verso la terra di Canaan dove sorgeva Hebron, città di Abramo, ma dove, per un bel po', non li hanno proprio voluti (il termine biblico "quarant'anni" significa solo "lungo tempo").
D'altra parte, noi li chiamiamo "Ebrei", ma credo che sarebbe più esatto chiamarli "Hyksos". La religione ebraica, com'è oggi, pur basandosi su antichi libri biblici (Genesi, ecc.), si forma dopo Mosè.
Tant'è che Davide, per dare unità al popolo ebraico nella costituzione di Israele, diede ordine di uccidere chiunque (uomini, donne, vecchi, bambini) non aderisse a questa religione (è nella Bibbia!) e questo dimostra che nelle dodici tribù non c'era una completa identità religiosa.
Poi, un altro fatto evidente è che questi asiatici rimasti in Egitto avevano senz'altro assorbito molto della cultura egizia, tanto da costruirsi un vitello d'oro, cioè nient'altro che la statua del Dio Api.
Noctifer - Ven Set 22, 2006 8:06 pm
Oggetto:
per me c'è la stessa radice tardo aramaica di elhoim...
qui ci troviamo con riferimenti divini ripresi nei codici segreti bizantini.
domani posto tutto... eheheh
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:08 pm
Oggetto:
LE ALF DI 15.000 ANNI FA

Un'ipotesi suggestiva incarnata in statuette con caratteri non umani.

Dal 1948 al 1955 furono effettuati alcuni scavi a Jarmo, nei pressi di Chemchemal, nel Kurdistan Iracheno, che riportarono alla luce cucchiai, aghi di osso, fusi di pietra, lame di ossidiana originaria di Nemrut Dag e ben 5500 statuette, formate dalla sola testa, alcune delle quali con strani lineamenti: volti allungati, labbra sottili, occhi socchiusi ellittici.
Nel 1922, vicino a Ur, l'archeologo Sir Woolley rinvenne numerose statuette, appartenenti alla cultura Ubaid, discendente da quella Samarra. Presentavano strane teste definite del tipo "a lucertola" risalenti oltre il 5500 a.C., quando la cultura Ubaid discese dai monti Zagros. Cranio allungato, con grandi occhi obliqui, alte acconciature, con i caratteri sessuali ben marcati nei particolari sia maschili che femminili. Reperti ritrovati più tardi anche nella cultura Sumera. Figure con mani ai fianchi, conserte o lungo il corpo snello, ben fatto, sempre a gambe unite e slanciate. Una delle raffigurazioni femminili tiene al petto un piccolo, anch'esso con testa di serpente, a comprovare che era nato così. Restiamo attoniti davanti alla prima rappresentazione della maternità, antica di circa 7000 anni. Avrebbe potuto essere concepita anche da un moderno artista un po' estemporaneo che l'avrebbe titolata "donna con bambino": considerando però che è sempre stata ritenuta la rappresentazione della "Dea Madre", questo ci sconvolge. I Sumeri associarono questo tipo di statuine con le divinità da loro adorate. Il dio Enlil viene descritto come "il serpente dagli occhi splendenti".
Le sculture ricordano i Veglianti dai capelli bianchi, definiti in molte scritture gli "stranieri dal volto di vipera". Innegabile che rappresentino una razza diversa da quella umana. Di quali serpenti si parla? Quelli delle famose stanze di Dzyan, i dzyani appunto, che fecero pace con la quinta razza , ammaestrandola e istruendola? Probabilmente fu questa razza dall'aspetto di serpente a divulgare il sapere nascosto all'umanità. Enoc parlando dei Veglianti nomina Gadriel come colui che fece errare Eva, e Kasdeya come colui che insegnò agli umani a sventare i morsi del serpente e i colpi del figlio di un serpente chiamato Tebaet.
Edward Thompson, in un articolo edito nel 1879 su "Popular Science Monthly", scrisse che i capi Olmechi vivevano a Chanes e i Maya li chiamavano "Canob", il "popolo dei serpenti a sonagli".

Eva, progenitrice dei Nefilim
I Serafini, mandati da Dio "come suoi strumenti", vengono definiti "Serpenti Fiammeggianti". In arabo serpente si dice "Hayya", in ebraico "Hevia". Il nome di "Eva", in ebraico "Hawwah", è simile all'arabo "Hawwa", ed è collegata alla parola araba "hayat", che significa "vita"; per gli Ebrei Eva è "colei che fa vivere", la progenitrice dei Nefilim, descritti nei miti ebraici come gli "awwim", i "serpenti". Il rettile è sempre presente nei miti della creazione: da malefico tentatore di Adamo ed Eva a Dio creatore nel "serpente piumato" Inca, Azteco e Maya. Nell'antichità i serpenti erano tenuti in grande considerazione, lo testimoniano le loro immagini riscontrate sui sepolcri della cultura Ubaid, come amuleti a protezione dei morti.
Questo richiama l'usanza cinese di porre dischi forati, di pietra o di giada, nei siti sepolcrali. Usanza che potrebbe derivare da una vicenda ritenuta leggendaria, quella dei piatti di pietra di Bayan Kara Ula, oggi Bayan Har Shan. L'uso sciamanico delle statuette di Ubaid verrebbe confermato dalle raffigurazioni in argilla di un essere con testa di capra che sembra dominare "i serpenti".
Il collegamento alla cultura dell'avvoltoio sciamanico è rilevabile su molte di queste statuette, che rappresentano divinità con un lungo becco, braccia ad ala e una coda a ventaglio; altre hanno occhi obliqui che ricordano le teste di Jarmo, di cui abbiamo parlato all'inizio.
Hanno occhi simili al chicco del caffè. Interessante il particolare rilevato in una statuetta maschile. Ha fra le mani quello che è stato definito "uno scettro". Osservandolo, appare come un piccolo cilindro levigato, con la parte terminale superiore visibile, formata da una pietra scura a forma di goccia. Una tradizione dei pellerossa Navaho parla di esseri luminosi dotati di quei "tubi" con i quali paralizzavano le persone. Il contatto con la "bacchetta" viene descritto come lo sfregamento con aghi di cactus. Inutile aggiungere che alcune persone fatte oggetto di rapimenti alieni spesso riportano testimonianze simili.

Semidei e dinosauroidi
Ad avvalorare la tesi che forme di vita aliene vivessero fra gli umani nel 5500 a.C., se non addirittura antecedentemente, c'è il fatto che nel 1878 è stato rinvenuto ad Abido, in alcune tombe egizie del tardo periodo predinastico, un tipo etnico completamente diverso dagli antichi e moderni abitanti dell'Egitto. Questi presentava un cranio dolicocefalo di forma ovale e allungata. Si tratta dei resti di individui con cranio più grande e di statura superiore rispetto agli abitanti locali, che Walter Bryan Emery, archeologo, identifica con gli Shemsu-Hor, la stirpe di semidei seguaci di Horus, i quali, come scritto su un'antichissima lista conservata al Museo di Torino, dominarono l'Egitto per 13.420 anni, fino al 3100 a.C. Sempre Emery ci informa che rimangono ignote sia l'origine etnica di questi esseri, definiti "invasori", sia il loro percorso per penetrare in territorio egiziano, dando per scontato che provenivano da un altro luogo. Individui simili, dalla grande testa, si sono trovati nelle più antiche tombe Sumere, a Kish e Jadmet Nast . Certamente le statuette raffiguravano una razza diversa che a quel tempo viveva con gli umani. gli egizi consideravano divini anche gli Urshu, esseri che svolgevano un ruolo di intermediari fra gli umani e gli dei. La conformazione degli arti superiori non è molto chiara; dal modo di impugnare la bacchetta si deduce l'esistenza di un pollice opponibile, ma per quanto riguarda le altre dita, alcune mani sembrano formate da tre dita, altre da quattro.
Cercando di restare oltremodo obiettivi, non si può fare a meno di raffrontare questi particolari con le descrizioni, tutte concordanti fra loro, di "pur" presunti alieni, che sembrano essere stati oggetto di avvistamenti negli ultimi cinquant'anni. Se, comunque, si vuole escludere l'ipotesi extraterrestre, si può prendere in esame quanto esposto da Dale Russel. Il paleontologo canadese, ipotizzando che una specie di sauri sia sopravvissuta, trasformandosi, nella sua evoluzione, in una specie più intelligente dell'Homo Sapiens, costruì un modellino di un umanoide, detto "omosauro", o "sauroide", attualmente conservato al Museo di Scienze naturali di Ottawa, come risultato di un'evoluzione simile a quella umana. Vi si notano i tratti dei volti di "vipera" delle statuine di Ubaid e dei Sumeri e vi si riscontrano anche i particolari menzionati nelle descrizioni degli "alieni". Che la sua ipotesi non sia, poi, solo "un'ipotesi"?

Note:
Secondo molte tradizioni diffuse tra i popoli di tutto il mondo, noi saremmo la quinta umanità. Altre quattro civiltà evolute ci avrebbero preceduto, scomparendo a causa di eventi catastrofici naturali e/o artificiali.
Enoc è uno dei patriarchi dell'Antico Testamento. La sua ascesa al cielo è collegabile al moderno fenomeno dei rapimenti, attraverso il suo stesso scritto "Il libro di Enoc", considerato un apocrifo. La storia venne pubblicata su "FATE Magazine", nel settembre 1949.
Gli Shemsu Hor erano una stirpe nata dall'incrocio tra uomini e dei, i Neteru. Questi ultimi regnarono sull'Egitto nel "Primo Tempo" (Zep Tepi).
Crani dalla forma allungata sono stati trovati anche in siti archeologici in Mesoamerica. Si tratta di un'antichissima usanza Maya, di replicare la forma del cranio allungato della progenitrice degli uomini "Orejona", un essere femminile sceso dal cielo, dall'aspetto rettiliforme o anfibio, che regnò per qualche tempo, sino a ritornare donde era venuta. Gli Incas la identificavano con il pianeta Venere.
Lo Stenonychosaurus, un dinosauro bipede e dagli arti superiori prensili. Embarassed Rolling Eyes Surprised Twisted Evil Shocked
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:09 pm
Oggetto:
Lo sport





«Rendi il tuo corpo forte e veglia su di te per rispetto al Signore dell'Universo». Le parole del saggio Amenemapt indicano il modo in cui gli egizi consideravano lo sport: un riflesso spirituale del rafforzamento del corpo.

Gli sport maschili preferiti dagli antichi egizi erano la lotta, il pugilato e la scherma con pali. Molti di questi esercizi facevano parte anche della preparazione militare. La lotta è documentata nelle pitture murali di Beni Hasan, del Medio Regno (2040-1786 a.C.), e in frammenti di terracotta del Nuovo Regno (1552-1069 a.C.). Le regole e i movimenti usati in queste competizioni erano abbastanza simili a quelli della lotta libera moderna. Si praticava anche la scherma con pali o bastoni. Prima di iniziare la gara, i lottatori salutavano il pubblico, inchinandosi e abbassando i pali, e portavano la mano sinistra alla fronte. Un arbitro interveniva per separare opportunamente i contendenti. Alla corte di Ramesse II si svolse un campionato internazionale di scherma, in cui si affrontarono i soldati del faraone e gli alleati stranieri dell'Egitto. Gli uni e gli altri indossavano caschi di cuoio come protezione. Era praticata anche l'atletica: corsa individuale o di gruppo, salto in alto e salto in lungo, sollevamento pesi. In tempi molto antichi si svolsero a Menfi gare di lancio del giavellotto o di lotta, tra contendenti nudi. Alle competizioni più importanti assisteva il faraone stesso, che poi premiava i vincitori. Lo sport, sia a livello agonistico sia come divertimento personale, godeva di una certa dignità, che lo poneva su un piano particolare.

Sulle pareti delle tombe dell'Antico e del Medio Regno vi sono scene di lotta tra barcaioli. Come armi essi usavano i pali con cui manovravano le barche. I barcaioli situati a prua tentavano di spingere e di far cadere in acqua gli avversari; quelli a poppa controllavano l'imbarcazione. Come la caccia, anche la pesca era uno sport comune in Egitto. Praticata in zone paludose dalle acque superficiali, essa costituiva un piacevole passatempo quando saliva il livello del Nilo. I giovani aristocratici si divertivano a compiere escursioni in barca sul fiume e pescavano non solo con la canna. Essi infatti cacciavano anatre mettendo alla prova la propria abilità con l'aiuto di una specie di boomerang. Lo sport era praticato anche dalle donne. Le ragazze si dedicavano alle danze acrobatiche, che avevano spesso una connotazione di carattere religioso. Un altro passatempo femminile consisteva in complicati giochi di equilibrio con palle. Gli egizi conoscevano le piroette e vari movimenti del balletto. Uno sport molto popolare era il nuoto; un altro sport acquatico era costituito dalle regate, con rematori in piedi e seduti. La pesca con la canna era un altro piacevole passatempo, così come la caccia, che veniva praticata di solito dai principi e dai membri dell'aristocrazia. Oltre alla caccia agli uccelli con una sorta di boomerang, si praticava quella agli ippopotami, ai leoni e ai leopardi. Dalla caccia derivarono l'equitazione, a partire dal Nuovo Regno (1552-1069 a.C.), e il tiro con l'arco, che si praticava anche come sport. Le corse con i carri a due ruote venivano svolte da re, principi, gente di alto rango e militari. In Egitto sono documentate anche le corse a cavallo.

I giochi degli adolescenti erano simili agli esercizi sportivi. I ragazzi si sfidavano nella corsa, in esercizi di equilibrio o di forza o nel gioco della guerra. Le ragazze salivano sulle spalle delle compagne e facevano diversi giochi di equilibrio con le palle. Eseguivano un ballo agitando le trecce, alle quali avevano legato palline di tela. Il tiro con l'arco veniva praticato durante la caccia e come sport. Soprattutto a partire dalla XVIII dinastia, i faraoni e i nobili si divertirono con il tiro al bersaglio con l'arco, spesso su carri a due ruote. Nella cosiddetta Stele del Tiro con l'Arco, trovata nel lato nordorientale della sfinge di Giza, Amenhotep II fece incidere la descrizione delle proprie capacità sportive. Le iscrizioni esaltano la forza fisica del sovrano: «Conosceva l'equitazione e non aveva eguali... non c'era nessuno che potesse piegare il suo arco e non poteva essere raggiunto nelle corse».

La corsa della festa Sed
Nel trentesimo anniversario di regno, il faraone compiva la corsa cerimoniale che si svolgeva durante la festa Sed. In questa prova il sovrano doveva dimostrare di essere fisicamente in forma e, pertanto, doveva correre da solo per un lunga distanza. Si trattava di un "percorso intorno al muro". Alcuni blocchi di pietra, come quelli che si possono ancora vedere nel recinto funerario di Zoser, a Saqqara, indicavano il traguardo della corsa. In realtà si trattava di un rito magico, che comportava una rigenerazione del sovrano, un modo per far recuperare al re egizio la propria energia attraverso la comunione con le forze cosmiche. Il faraone doveva mostrare al popolo la propria vitalità e rendere chiara la propria sovranità sull'Alto e sul Basso Egitto. È dunque evidente che in alcune epoche la destrezza del faraone ebbe un significato simbolico o religioso. La caccia nel deserto o nelle zone paludose veniva praticata dai faraoni e dai principi come passatempo. Il re cacciava leoni e orici, che inseguiva con le sue frecce. Con l'arpione attaccava ippopotami e coccodrilli. Per gli uccelli usava una sorta di boomerang. Si dice che Thutmosi III «...abbia ucciso sette leoni, lanciando frecce, in un momento..., abbia catturato dodici coppie di tori selvatici in un'ora..., abbia fatto una strage in un branco di elefanti, uccidendone 120...». Durante il Nuovo Regno si consacrò, dunque, l'immagine del sovrano come il più forte, il più atletico e il miglior guerriero. Il faraone Amenhotep II fu lodato per le sue imprese e gli esercizi legati alla preparazione per la guerra, come il tiro con l'arco o l'equitazione. Senza tener conto del fatto che tali lodi avevano un carattere propagandistico, bisogna sottolineare che la mummia di questo faraone è la più grande fra tutte quelle dei sovrani della XVIII dinastia e ha rivelato una costituzione fisica straordinaria.
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:10 pm
Oggetto:
Il Lato Oscuro della Lemuria:

i Vampiri e Non-Morti del Muspellheim

Il Regno dei Vampiri Neri del Muspellheim.

Sotto le torride dune di sabbia che ricoprono il vastissimo deserto del Muspellheim, nel settore orientale di questa desolata regione, si trova un reame sotterraneo abitato da nefande creature della notte, denominato dalla regina vampira Akeshatput.

I Saggi della Lemuria narrano che all’epoca del regno del faraone Ahmose, penultimo sovrano di quella che è ricordata come la "17A Dinastia", si perpetrò uno dei molti misfatti attribuiti al dio Seth.

Mentre la Lemuria veniva devastata prima dalle orde degli Uomini Bestia e poi dall’epidemia della peste nera, nel sud il Regno di Kush era al suo massimo splendore. I Sovrani di quel lontano regno avevano adottato in pieno i costumi dei Lemuri, e si facevano chiamare Faraoni del Regno del Sud. Essi governavano il loro vasto impero dal superbo palazzo innalzato al centro della superba città di Zimbabwe, dalle piramidi d’oro, le cui cuspidi erano costituite da enormi diamanti.

Eludendo la sorveglianza degli altri Dei, che lo avevano bandito dal pianeta dopo la fine della terribile guerra dei Sette Oscuri Signori, Seth riuscì a compiere una veloce incursione, in forma di puro spirito, nella città di Zimbabwe, capitale dell’impero di Kush.

Assumendo poi le sembianze del faraone kushita Shabataka, dopo aver preso possesso del corpo di un aitante soldato della Guardia del Faraone, ed aver addormentato magicamente tutti quelli che si trovavano nel palazzo imperiale, il supremo Signore degli Inganni generò una figlia con Amenirdis, la prima moglie del faraone, donna di straordinaria bellezza, che il dio aveva provveduto a risvegliare.

Terminata quella piacevolissima incombenza, il dio Seth se ne tornò velocemente nella dimensione cosmica ove era stato confinato dagli altri Dei. La sua brevissima fuga passò del tutto inosservata.

L’ignara Amenirdis, certa di aver giaciuto con il suo vero sposo, portò a termine la difficile gestazione, morendo però poche ore dopo il parto. Alla neonata venne dato il nome di Akeshatput.

L’affranto, ignaro Shabataka crebbe la neonata ritenendola figlia propria, nell’harem imperiale assieme agli altri suoi numerosi figli e figlie; quando Akeshatput ebbe l’età da marito, essendo diventata una splendida donna dall’epidermide d’ebano com’era stata sua madre, venne dal Faraone destinata al proprio primogenito, Taharqa, affinché ne diventasse la sposa reale e salisse al trono assieme al Principe, quando fosse venuto il tempo del suo trapasso.

Tale evento non si sarebbe fatto attendere molto a lungo.

La conquista della Lemuria.

Nel frattempo, era avvenuto che approfittando delle misere condizioni nelle quali versava il Regno del Nord, il faraone Shabataka aveva portato le sue armate alla conquista della Lemuria, i cui eserciti erano stati travolti dalle tribù nubiane della savana, che dopo aver saccheggiato il paese si erano poi ritirate nel deserto. Da esse presero origine i popolo degli Ophiri e dei Saraceni.

L’anziano faraone Ahmose si era rifugiato nella fortezza di Tanis, con le poche forze che gli erano rimaste, deciso a difendere la propria famiglia fino alla morte, con la speranza che il proprio figlio, poco più che un ragazzo, potesse poi succedergli sul trono.

I Kushiti erano così rimasti padroni dell’intera Lemuria, ed il faraone Shabataka aveva chiesto ai sacerdoti lemuri sopravvissuti nelle altre città di riconoscere in lui il nuovo, unico Faraone della Lemuria e di Kush, Signore dell’Alto e Basso Impero.

Dei molti Dei e Dee della Lemuria, che anch’essi veneravano, i Nubiano-Kushiti avevano una particolare predilezione per la dea Sathi, che era stata scelta come patrona dagli abilissimi arcieri nubiani; veniva raffigurata con in testa la corona dell’Alta Lemuria e due corna di antilope; oltre ad essere una dea guerriera, Sathi era anche la dea nubiana della lussuria, dell’amore e della fertilità. Era anche considerata una divinità funeraria, e la sua immagine era stata spesso riprodotta sulle porte delle segrete camere dei morti all’interno dei sepolcri e delle piramidi, come guardiana delle porte del mondo dei defunti.

Per ottenere l’appoggio di almeno una parte del sempre potente clero lemure, il faraone Shabataka rafforzò la posizione delle divine adoratrici del dio Khum e della sua divina sposa, la dea Sathi. Egli creò un ordine di Vestali guerriere che venivano anche chiamate "spose divine". Tale carica, che in precedenza era riservata alle figlie del Sommo Sacerdote di Amon-Ra ed alle mogli dei faraoni lemuri, venne estesa alle principesse nubiano-kushite di sangue regale che entravano a far parte del nuovo Ordine.

Shabataka fece quindi nominare la sua figlia prediletta, Akeshatput, suprema sposa divina di Khum, personificazione della stessa dea Sathi, assicurandosi in tal modo l’appoggio dei Sacerdoti di tale divinità ed i benefici che ne derivano nel tenere a bada il potente clero lemure che aveva nei sacerdoti di Amon-Ra e di Osiride il suo punto di forza.

I Lemuri più ortodossi non vedevano di buon occhio la venerazione dimostrata dai kushiti loro dominatori per la dea Sathi, ritenendola una divinità che in qualche modo poteva essere influenzata dal dio Seth, del quale si diceva fosse stata la segreta amante ed avesse generato la dea Anuci, anch’essa venerata dai soli Kushiti, sui quali, agli occhi dei Lemuri, gravava ancora la colpa dell’antico tradimento perpetrato quando essi avevano abbandonato gli dei della Luce per adorare quelli delle Tenebre, in particolare gli dei Baahl e Tanit, all’epoca antecedente la Guerra dei Sette Oscuri Signori.

Nell’ambiente religioso lemure si pensava che la venerazione di Sathi potesse nascondere il culto blasfemo di Tanit e del suo oscuro sposo, il dio Baahl venerato dagli Orchi.

Checché ne pensassero i suoi sudditi lemuri, Akeshatput si trovava a meraviglia ad impersonificare durante le fastose cerimonie religiose la sposa divina del dio Khum. Nel tempio di questa divinità era stata addestrata a diventare una valente guerriera, e non vi era altra vestale che potesse starle alla pari, dimostrandosi essa, in alcune occasioni, persino più abile di alcuni campioni maschi, durante dei combattimenti incruenti organizzati a corte per allietare il Faraone suo padre.

Akeshatput diventa faraone.

Qualche mese dopo il fastoso sposalizio tra il principe Taraqa e la principessa Akeshatput, un male misterioso, mortale, colpì molti cortigiani e membri della famiglia reale, ed anche il Faraone e diverse delle sue mogli. Ma il contagio non colpì la Principessa e neppure il suo sposo, che così, con l’aiuto dei sacerdoti di Knum, salirono al trono.

Trascorsero alcuni anni di calma apparente, durante i quali il faraone Taraqa consolidò il suo potere sull’intera Lemuria, estendendone i confini ad est ed ad ovest. L’unica città che era rimasta ancora da conquistare era la fortezza di Tanis, ove il faraone Ahmose continuava a resistere strenuamente, aiutato anche da rinforzi di mercenari argivi che gli erano stati inviati dall’Imperatore di Argos.

Taraqa, ormai padrone assoluto della Lemuria, di Kush e di buona parte della Nubia, che governava con mano ferrea da Zimbabwe innalzata al rango di capitale dei tre regni, non poté però godere a lungo dei suoi trionfi.

Qualche tempo dopo, pure lui cadde vittima della stessa mortale malattia che aveva iniziato a fare strage anche tra il suo stesso popolo, una vera e propria epidemia che né gli sciamani kushiti, né i medici lemuri riuscivano a curare.

La Regina Akeshatput, sostenuta dalla sua ferocissima Guardia del Corpo delle Ancelle di Sathi, si autonominò Faraone. I dignitari ed i sacerdoti, sia lemuri che kushiti, che osarono opporsi alla sua incoronazione, o anche solo esprimere apertamente il loro dissenso, finirono in pasto ai coccodrilli, quale grazioso omaggio del neo eletto Faraone al dio Sobek.

Ebbe così inizio l’infausto regno dei vampiri, perché di questo si trattava!

Akeshatput era in realtà una demone vampira, che con l’inganno e l’aiuto del suo potente vero padre si era impadronita del regno, diffondendo tra i Nubiano-Kushiti il terribile morbo del vampirismo. A Zimbabwe e nelle altre città del regno di giorno la vita scorreva apparentemente normale, ma durante la notte torme di vampiri assetati ed assatanati, via via sempre più numerosi, uscivano dalle tombe per saziarsi col sangue di quelli che ancora non erano stati colpiti dal maleficio.

Fu così che per il potente regno dei Kushiti iniziò un inarrestabile declino, permettendo ai Lemuri sopravvissuti nelle città del nord di riscattare la loro libertà. Sviluppatasi inizialmente con una serie di azioni di guerriglia, la ribellione degli Elfi sopravvissuti alla strage del loro popolo, operata prima dalle orde degli Uomini Bestia e poi dagli invasori dall’epidermide nera, sfociò in una aperta rivolta alla quale gli esanimi eserciti nubiano-kushiti di Zimbabwe, debilitati dal vampirismo, non riuscirono ad opporsi.



La riscossa dei Lemuri.

All’anziano Ahmose era nel frattempo succeduto il gagliardo figlio Amenofi, che si dimostrò essere un valente guerriero ed un abile condottiero. Sostenuto dai rivoltosi delle altre città lemuri, Amenofi uscì da Tanis con il suo piccolo ma agguerrito esercito, che era rinforzato da una formidabile formazione di Picchieri Sparthani, dei mercenari che era riuscito ad arruolare grazie ad un accordo che aveva siglato con l’Imperatore di Argos. I Lemuri diedero a quei baldi guerrieri il nome di "Guerrieri di Bronzo", per il fatto che indossavano armature e si proteggevano con grandi scudi rotondi fabbricati con codesto robusto metallo.

La Falange di Amenofi, appoggiata da Unità di Carri veloci da battaglia che montavano Arcieri, ebbe la meglio sulle forze disperse dei Kushiti lasciate a presidiare le molte città lemuri, nelle quali il popolo si era sollevato contro i dominatori dalla pelle nera.

Pochi furono i Kushiti che riuscirono a scampare al massacro. I mercenari argivi non avevano alcuna pietà, e neppure i Lemuri, che da orgogliosi padroni erano stati ridotti a fare da servi e schiavi ai guerrieri che un tempo avevano dominato.

Lo scontro finale del lungo, sanguinoso conflitto ebbe luogo con una grande battaglia campale nella pianura prospiciente Zimbabwe, nella quale il risorto esercito lemure colse una grande vittoria, la prima della Nuova Era. La città, rimasta senza difensori, aprì le porte al nuovo Faraone: i Lemuri tornavano a governare la Nubia ed il Kush.

Prima che facesse notte, i soldati di Amenofi penetrarono nelle segrete dei templi, nelle tombe ove riposavano i Vampiri, e ne fecero strage, mozzando loro il capo e trafiggendone il cuore con un paletto, e poi apponendovi i sacri sigilli di Horus e Osiride affinché codeste nefande creature della notte non potessero più risorgere.

Dopo quella vittoriosa impresa, Amenofi tornò a nord, ed a Tebe si fece incoronare faraone dai sacerdoti di Amon-Ra, assumendo il nome di Amenofi I^.

Il risveglio della Regina dei Dannati.

Non tutti i Vampiri di Zimbabwe erano stati sterminati.

Akeshatput ed un certo numero dei suoi più fedeli accoliti riuscirono a porsi in salvo nel vasto mondo sotterraneo che si estende per miglia e miglia sotto le sabbie del Muspellheim, già regno del Titano di Fuoco, Surt e di altri abominevoli demoni.

Venuto a conoscenza del fatto che in quella regione erano stati segnalati dei Vampiri, l’immortale Meheetep sguinzagliò i suoi Inquisitori, al fine di porre termine una volta per tutte a codesta spregevole genia. Molti furono i Vampiri che vennero rintracciati e definitivamente eliminati. Molti ma non tutti, e tra questi anche Akeshatput.

Non si sa come sia avvenuto, fatto sta che l’Inquisitore che riuscì a penetrare nel nascondiglio segreto della Regina dei Vampiri di Kush non riuscì a portare a termine il suo lavoro.

Avvenne però che un giorno un incauto viaggiatore, un bardo degli Elfi dei Boschi, lì giunto alla ricerca di un favoloso tesoro, il cui nome era Lestatix, finì non si sa come nella grotta dove vi era il sarcofago nel quale la bellissima donna dormiva; essendo rimasto ferito ad un braccio, alcune gocce del suo sangue caddero sulle labbra socchiuse della vampira, e furono sufficienti a riportarla in vita. Per gratitudine verso il suo salvatore, Akeshatput non lo uccise ma gli donò l’immortalità della non-morte trasformandolo in un vampiro e nominandolo suo auriga ed araldo.

L’infernale Regno dei Vampiri.

Seth aveva in precedenza concordato con il suo degno compare Ahriman che sua figlia avrebbe governato uno dei regni sotterranei del Tartaro, in una regione che si trova nel settore orientale del Muspellheim. Ma per poter assurgere al rango di Regina delle Tenebre la semidea vampira avrebbe dovuto guadagnarsi tale onore, combattendo vittoriosamente in uno dei tornei infernali che di tanto in tanto si organizzavano nelle cavità infernali, uno dei quali si sarebbe tenuto di lì a poco, qualche mese dopo che Lestatix aveva riportato in vita la Regina dei Dannati.

Fu così che Akeshatput partecipò al gran torneo infernale del "Duello Mortale", organizzato nel regno sotterraneo di Agharte, ove regna il principe Ghorork, un gigante con quattro braccia.

Le prove che la principessa vampira dovette superare furono tremende, i Demoni che dovette affrontare non ebbero alcuna gentilezza nei suoi riguardi. Dando prova di una forza fisica e mentale veramente straordinarie, Akeshatput riuscì a superare le varie eliminatorie fino alla finale, ove riuscì a sconfiggere anche uno dei più potenti Signori del Caos, il demone Abaddon, il cui none significa "Distruzione" del quale poi divenne l’infernale amante e alleato della Vampira Nera.

Fu così che, per la prima volta, il "Duello Mortale" venne vinto da una femmina. Grazie a questa impresa, Akeshatput ottenne la corona di Regina dei Vampiri Neri del Muspellheim e la protezione di Abaddon, il quale a volte viene evocato da Akeshatput per affiancare in battaglia una delle Armate delle Tenebre del Muspellheim.

Il Regno della Notte di Akeshatput venne costituito nel sottosuolo dell’oasi di Hamunaptra, ai piedi delle fondamenta del tempio di Anubis, ove si trovava il sarcofago di Imothep, un sacerdote lemure che per avere tradito il Faraone era stato condannato all’orribile pena dell’Ohm-dahi, la cui storia vale la pena raccontare.

La guerra civile tra i fedeli di Ramses II e la Casta dei Sacerdoti.

Dopo un lunghissimo, ininterrotto, travagliato periodo di guerra che aveva devastato la Lemuria lasciando questa regione, che era stata la terra benedetta degli Dei, prostrata ed in balia dei molti nemici esterni che più volte l’avevano percorsa in lungo ed in largo depredandola, finalmente la pace tornò a regnare nella terra dei Faraoni.

Terminato senza nessun vinto né vincitore il secolare conflitto che avevo visto contrapposti gli eserciti dei Lemuri e quelli degli Ittiti, i Barbari scesi dal nord, dopo la battaglia di Qadesh (vedere il libro dell’esercito della Lemuria), venne firmata la pace tra il principe Ramses II ed il Re Muwattali.

Il giorno seguente al festoso ritorno a Tebe del giovane, valoroso principe alla testa delle truppe vittoriose, suo padre Seti I morì e Ramses salì al trono col nome di Ramsete II.

A tale evento nella città e villaggi della Lemuria seguirono numerose settimane di festa, con una serie ininterrotta di festini orgiastici celebrati in onore degli Dei che proteggevano il regno degli Elfi del Sud. Il neo eletto, giovanissimo Faraone arricchì il proprio harem con bellissime concubine, alcune delle quali di razza ittita.

Ma, ahimè, il Male non aveva abbandonato la Lemuria, neppure in questo momento di trionfo.

Molti Sacerdoti, devoti al culto di Ishtar e degli altri Dei di Luxor, non tolleravano il fatto che Gilgamesh, (vedere il libro degli eserciti di Apofis e del Re Scorpione) figlio della Dea da essi venerata, non potesse sedersi sul trono del faraone, al posto di un rude guerriero quale era Ramses, che seppur appartenente alla superba casta degli Ashdhar era pur sempre un mortale; così organizzarono numerosi complotti contro il giovane sovrano.

Ramses, grazie anche all’aiuto dell’amico semi-dio figlio di Ishtar, il quale era del tutto ignaro di quanto si complottava a suo nome e di essere in definitiva la causa di tali congiure, riuscì a sfuggire alla maggior parte di questi complotti ma, giorno dopo giorno, il suo animo divenne sempre più malvagio: ai complotti seguirono rappresaglie sempre più violente contro la casta sacerdotale.

La situazione precipitò quando Ramses minacciò i Sacerdoti di proibire tutti i culti degli Dei, ad eccezione di quello di Amon-Ra, come già aveva fatto un precedente faraone (Achenaton, il padre di Tutankhamon). Quella fu la goccia che fece traboccare il vaso, scatenando la rabbiosa protesta dei Sacerdoti che diede il via ad una nuova guerra civile, che per alcuni anni nuovamente devastò la Lemuria ancora molto provata a causa delle precedenti guerre ed invasioni.

Gilgamesh, non riconoscendo più il nobile principe che aveva servito precedentemente, amareggiato abbandonò la Lemuria e si ritirò nel deserto, promettendo che sarebbe tornato solo quando il Faraone si fosse ravveduto ed il suo popolo fosse stato di nuovo unito.

La guerra civile terminò senza vincitori. Un inutile spargimento di sangue che fece gioire solo il Male. Si arrivò ad una forma di compromesso fra il Faraone e i Sacerdoti: il regno di Lemuria sarebbe stato governato dal Faraone, ma i sacerdoti di Osiride e degli altri Dei, soprattutto quelli di Ishtar, avrebbero avuto una maggiore influenza sulla questione della scelta dei futuri sovrani e sulle decisioni politiche.

Negli anni a venire numerose altre guerre avrebbero sconvolto Naran e tutti questi conflitti avrebbero visto i Lemuri come protagonisti. Nella sua fortezza nel deserto, nel Krak dei Cavalieri, l’immortale Meheetep (vedere il libro del suo esercito) si disinteressava di quanto avveniva a corte, anche perché era costantemente impegnato, alla testa dei suoi Cavalieri Templari (che pure non si erano schierati da nessuna delle due parti durante la guerra civile), nel contrastare i tentativi di infiltrazione delle tribù dei Predoni del Deserto, che mantenevano sotto una costante pressione tutta la frontiera meridionale.

A fianco del Faraone, in qualità di consigliere, per sostituire Gilgamesh su consiglio di Meheetep venne posto uno dei suoi allievi più bravi, che si chiamava Imothep, il quale però era un elfo molto ambizioso ed anche un segreto accolito del culto oscuro della dea Tanit, il quale iniziò a tramare nell’ombra al fine di eliminare l’unico ostacolo che si frapponeva tra lui ed il trono: Ramses.



Imothep e il culto di Tanit.

Non sono noti i motivi che spinsero alcuni sacerdoti Lemuri a ripudiare i loro Dei ed iniziare ad adorare la sanguinaria dea che era stata venerata secoli addietro dagli Orchi di Karthork, Tanit, che dai Lemuri era disprezzata a causa del fatto che, ad imitazione di Seth, pretendeva sacrifici umani. Si ha però ragione di pensare che dietro tutto questo vi sia stato proprio Imothep.

Per ottenere i favori di Tanit, codesti Lemuri eretici eressero a Nabata una grande piramide a gradoni, in cima alla quale innalzarono un tempio nel quale posero un’enorme statua di bronzo della Dea, un essere simile ad una Gorgone ma con sei braccia, e vicino alla statua innalzarono l’ara sacrificale dove immolare le vittime per soddisfare la sete di sangue di quella terribile divinità.

Quando quei Lemuri eretici lo ritenevano opportuno, nel tempio di Tanit venivano celebrati orrorifici sacrifici umani e, quando la Dea era abbastanza sazia di sangue, il suo spirito entrava nella statua, animandola e conducendola in battaglia al fianco dei suoi adepti e del loro esercito.

Imothep era infatti riuscito a convincere il Faraone a dare il suo permesso per la costituzione di un nuovo Ordine militare-religioso di sacerdoti guerrieri, da porre come guarnigione nella città di Nabata per controllare quel tratto di confine con il deserto del Muspellheim. Per celare la vera divinità che essi adoravano, essi si diedero il nome di "Sacerdoti di Anubis", ed utilizzarono un elmo dalla forma della testa del dio sciacallo.

Imothep divenne - o forse lo era sempre stato - il Gran Sacerdote di Tanit ed il capo dei Sacerdoti di Anubis del tempio di Nabata; era lui che presiedeva ai sacrifici umani in onore della Dea, ed era sempre lui che, col volto coperto da un elmo avente la stessa foggia del volto animalesco del dio Anubis, che gli celava completamente il viso, accompagnava in battaglia il carro sul quale il simulacro della dea veniva trasportato.

Sentendosi più forte di Gilgamesh e di Enkidu (capitano della Guardia del Corpo del Faraone), grazie ai suoi guerrieri sacerdoti, una squadra dei quali gli fungeva da Guardia del Corpo anche quando si trovava a Tebe, Imothep riuscì quasi a portare a compimento il suo diabolico piano per eliminare il Faraone. Egli era infatti riuscito a sedurre la più bella tra le giovani concubine del faraone, la splendida Anck-Xun-Amun, una delle Vestali di Iside, abilissima combattente, seconda - forse - solo alla prediletta figlia di Ramses, la gentile e casta Nefertiti.

Quando però Imothep era riuscito a convincere Anck-Xun-Amun ad uccidere il Faraone, per merito di Nefertiti la congiura venne scoperta. Avvisati da Nefertiti, Gilgamesh ed Enkidu, con la Guardia del Faraone, arrestarono i due amanti diabolici proprio quando essi stavano per assassinare Ramses.

I due traditori vennero allora condannati all’orribile pena dell’Ohm-dahi, che consiste nel mummificare da viva la vittima, ricoprendola, per giunta, con una intera covata di migliaia di scarabei sacri, che si nutriranno delle sue carni per l’eternità. Per prima cosa veniva loro strappata la lingua, così che non potessero urlare mentre venivano estirpati, uno ad uno tutti gli altri organi, poi sigillati in appositi "canopi".

Questa fu la pena cui vennero sottoposti Imothep e Anck-Xun-Amun, ed anche tutti i sacerdoti di Tanit che si celavano sotto le false vesti dei monaci-guerrieri di Anubis.

Le loro mummie viventi vennero sotterrate nei sotterranei del tempio di Anubis, nell’oasi di Hamunaptra, lontanissima nel deserto, a diverse miglia di distanza da Nabata, in pieno deserto del Muspellheim, fuori da ogni pista carovaniera, affinché di essi se ne perdesse persino il ricordo. Vi era ad Hamunaptra un antico tempio dedicato al dio dell’oltretomba, Anubis, che a causa della posizione dell’oasi era poi stato abbandonato e non veniva più usato.

Le cose però non andarono come Ramses, Gilgamesh e Enkidu avevano previsto.

I sacerdoti di Tanit avevano fatto proseliti anche presso una tribù di Tuaregh, stanziata nella regione controllata da Nabata, e così era sorto un ordine oscuro di Predoni del Deserto, Gli Hamra: i Tuaregh di Seth. I membri di questa tribù abitavano in una fortezza edificata sulle montagne che sorgevano a non molta distanza dall’oasi di Hamunaptra.

Per distinguersi dalle altre tribù che sono rimaste fedeli agli Dei della luce, questo gruppo si veste di rosso e si colora con la stessa tinta anche la faccia, e per questo sono chiamati Hamra, che significa "quelli dalla faccia rossa".

Il risveglio di Imothep ad opera di Akeshatput

Gli Hamra di Hamunaptra erano stati resi succubi ad opera di Akeshatput, la nera regina dei Vampiri, il cui regno si estendeva sotto il tempio di Anubis.

La Regina dei Vampiri Neri aveva ricevuto in dono, come premio per la sua vittoria nel Duello Mortale di Agharte, una copia dell’antico "Libro dei Morti" nel quale si trovava la formula magica scritta - narra la leggenda - dalla stessa dea Iside quando fece resuscitare il suo sposo Osiride che era stato assassinato a tradimento dal fratello Seth.

Con quel libro, Akeshatput officiò la cerimonia per la resurrezione di Imothep, il quale così tornò a vivere come Non-morto, anch’egli una sorta di vampiro cannibale che per mantenersi in vita deve nutrirsi di esseri viventi, preferibilmente elfi o uomini.

Il redivivo Imothep fece poi tornare in vita la sua amata Anck-Xun-Amun, utilizzando il giovane corpo di una bellissima ragazza, forse una figlia dello stesso Ramses, che fece rapire dal palazzo reale di Tebe.

Diventato il fedelissimo "braccio destro" di Akeshatput, Imothep ha costituito un potente esercito di Non-morti, facendo risorgere i suoi monaci-guerrieri., con i quali ha già iniziato a compiere delle incursioni lungo i confini, per saggiare le difese dei Lemuri e dei loro alleati Tuaregh.

L’Armata delle Tenebre del Muspellheim.

Akeshatput è riuscita a corrompere, trasformandoli in orrendi vampiri, anche nove Cavalieri Templari di Meheetep, che, trovandosi circondati da forze soverchianti, non ebbero la forza di immolarsi per la giusta causa e cedettero alle lusinghe del Caos. Per avere salva la vita accettarono di essere trasformati in vampiri. Ora essi costituiscono l’oscura Guardia Nera della Regina dei Vampiri Neri, e sovente uno o più di essi affiancano lei o il demone Abbadon in battaglia. Sono identificati con il nome di "Esiliati" perché vagano per tutte le terre di Naran alla ricerca di nuovo sangue ed adepti per la loro Regina.

La Regina dei Dannati ha costituito l’Ordine delle Vestali di Tanit, con fanciulle nubiane e kushite fatte rapire dai villaggi delle zone di confine col deserto, poi trasformate in vampire ed addestrate a diventare delle feroci guerriere della notte.

Akeshatput è anche riuscita a portare sotto il proprio controllo i possenti Leoni Titani, che si ritiene siano figli del demone Abbadon, principe del Regno del Caos.

Agli ordini di Imothep combattono invece dei Guerrieri di una razza simile a quella dei Goblins, forse una mutazione di questi ad opera di Abbadon. I Goblins di Imothep combattono a dorso di enormi scarabei giganti, alcuni di tipo terrestre altri dotati di ali.

Altra formidabile componente dell’esercito di Agharte è costituita dai Giganti Non-morti e dalle Mummie di antichi, giganteschi guerrieri le cui tombe sono state ritrovate da Imothep sotto le dune del deserto nella regione dove si trova Hamunaptra.

L’Alleanza Oscura del Muspellheim.

Akeshatput e Imothep sono riusciti nella non facile impresa di accordarsi con Humbaba, il Re Scorpione che ha rifondato il suo regno nel deserto di Al Ham Share. Insieme, i tre oscuri signori hanno giurato di vendicarsi e di uccidere Ramses e tutti i Lemuri, instaurando nella Lemuria uno dei regni delle Terre Maledette dove si venererà solo Seth e la dea Tanit.

L’alleanza tra i Vampiri e gli Uomini e le Donne Sciacallo è una anomalia che si riscontra solo in questo regno, dove Vampiri e Licantropi sembrano convivere senza alcun problema, mentre è risaputo che un odio atavico divide queste due stirpi di nefande creature della notte.

Al loro fianco si è poi schierato Apofis, misteriosa creatura che si ritiene sia il figlio del Titano che porta lo stesso nome, un demone Naga, essere metà uomo e metà serpente, che ha preso sotto il suo controllo alcune tribù di Uomini Rettili, con i quali vi sono anche degli Uomini Coccodrillo del dio Sobek.

Queste orrende creature hanno ricostruito l’antica piramide di marmo vermiglio, che s’innalza al centro della Valle Oscura, ove si trova l’antica città di Ombos. I Kalibi (Uomini Coccodrillo), gli Uomini Rettile e gli Uomini Serpente formano le Unità guerriere messe in campo da Apofis.

L’ostilità e l’odio che queste tre sinistre creature di Apofis e di Sobek nutrono per gli Elfi e gli Uomini nulla di buono fanno presagire per la Lemuria ed i sultanati saraceni, separati dai territori controllati da questi esseri infernali solo dalla non inviolabile estensione desertica e dalla cortina di montagne che delimita il Muspellheim.

Quando codesti Signori del Caos decideranno di scatenare un attacco in grande stile, allora per i Lemuri, ed anche per i Saraceni, si annuncerebbero tremendi lutti e forse persino il totale sterminio in un orrendo bagno di sangue.
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:12 pm
Oggetto:
Saggi sulle radici storiche del monoteismo.



Il faraone Akhenaton e la genesi della Gnosi ebraico-cristiana.

Le tesi di Freud sulle origini del monoteismo .



L'origine egiziana della religione ebraica è stata affermata da numerosi autori antichi e moderni.
Tra questi assume una certa importanza S. Freud perché nel suo libro "Mosè e il monoteismo" ricostruisce in un quadro d'insieme le vicende che hanno portato alla nascita del monoteismo ebraico a partire dal fallimento della riforma religiosa, volta a introdurre il monoteismo in Egitto, varata dal faraone Akhenaton.
Freud afferma che:

Mosè era egiziano, probabilmente una persona vicinissima al Faraone Akhenaton, che ne aveva abbracciato le convinzioni religiose;
Mosè dopo la morte di Akhenaton, in un clima di generale restaurazione dei vecchi culti pagani, ha deciso di lasciare l'Egitto con quanti restavano fedeli al culto di Aton e con alcune tribù semitiche che si trovavano nelle province che sotto il regno di Akhenaton erano sottoposte alla sua sfera di influenza e che tale esodo è stato probabilmente pacifico al contrario di quanto afferma la Bibbia;
Mosè, despota autoritario, è stato ucciso da una rivolta;
A Cades, la minoranza di origine egiziana che si rifaceva al culto di Aton e le tribù semitiche che si rifacevano al culto di Jhavè hanno dato vita ad una nuova religione, che fondeva i due culti, e ad un nuovo popolo.

Queste tesi di Freud sono vere, ma solo in parte.
Il culto di Aton in realtà non inizia con il faraone Akhenaton, ma è un culto esoterico sorto al tempo della costruzione delle piramidi, nell’Antico Regno. In quel tempo, si è formata accanto alla religione del popolo una particolare forma di culto solare, che vedeva nel dio Atum, il Sole, il simbolo stesso del Sole Divino che alberga nel cuore di ogni essere umano.

Il viaggio del dio Atum negli inferi, secondo questo insegnamento segreto riservato a pochi iniziati della cerchia del Faraone, rappresenta il cammino iniziatico del neofita verso la liberazione del proprio pneuma divino dall’attaccamento psichico alla realtà del molteplice.

Tale insegnamento esoterico trova la sua massima espressione nel Libro Egizio degli Inferi.

Akhenaton non realizza semplicemente il passaggio dal politeismo ad una forma di monoteismo. Le raffigurazioni del dio Aton (il Sole), che invia i suoi benefici raggi non sul mondo in genere, ma solo sulle mani dell'Uomo, dimostrano che il culto solare del dio Aton è solo una metafora per esprimere il carattere divino dell'essere umano, per il quale è stato fatto non solo il più importante tra gli esseri fisici, il Sole , ma anche, come affermato tanto nel'Inno ad Aton del faraone Akhenaton, quanto nei frammenti autenticamente scritti da Tutmoses (Mosè) del Genesi, tutta la natura.
Il Genesi è un libro che, nonostante la presenza di una indubbia influenza javhista ed elhoista dovuta a tarde deformazioni, rivela in tutta la prima parte una indubbia origine atonista. Da dove, infatti, l'autore del Genesi può avere mai tratto frasi del tipo: "finchè tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere sei e in polvere tornerai!"? Una concezione del genere conduce direttamente alla negazione dell'esistenza dell'oltretomba. L'influsso del pensiero di Akhenaton, che, appunto, negava l'esistenza dell'oltretomba, in questo come in altri passi del Genesi, è evidente. Nessuna religione del mondo antico era mai arrivata a far pronunciare ai propri dèi simili affermazioni.
Nel Genesi, il più importante testo sacro della religione di Aton che ci sia rimasto, l'idea di un'origine divina dell'essere umano è ulteriormente esplicitata laddove è scritto che tutti gli elementi del cielo e della terra sono stati fatti per l'Uomo, un essere creato "a immagine e somiglianza di Dio", affermazione che probabilmente nell'originario testo egizio, che, nel più profondo ed esoterico del triplice significato di cui sono rivestiti i geroglifici egizi con cui erano scritti i testi sacri egiziani, come ci suggerisce Schurè con cognizione di causa, doveva suonare: "fatto della stessa natura di Dio".
A questo proposito, per inciso, si può fare tranquillamente l'affermazione che lo stesso Gesù, secoli più tardi, abbia tratto la propria concezione sul carattere divino della natura umana, per come ci appare nel 3° loghion del Vangelo di Tomaso, da qualche versione del Genesi meno rimaneggiata di quella giunta fino a noi, che probabilmente girava nella comunità essena in cui è cresciuto.
Non è inoltre vero che l'esodo dei seguaci di Aton sotto la guida di Mosè sia avvenuta in maniera pacifica: è probabile che nel testo biblico si rifletta un clima di guerra civile tra un capo, Mosè, probabilmente un generale rimasto fedele alla riforma religiosa di Akhenaton, e i suoi seguaci e quanti durante il regno di Tutankhaton e di Horembeb cercavano di restaurare gli antichi culti pagani. Probabilmente, il Faraone che ha inseguito gli Habiru (o Ebrei, cioè l'insieme delle tribù egiziane e semitiche rimaste fedeli a Mosè e al culto di Aton) fino al Mar Rosso, altri non era che il Faraone Horembeb.
In questo senso, aveva ragione Celso, che forse poteva ancora avere accesso a fonti storiche attendibili di origine egiziana sull'argomento, nel suo libro intitolato "Contro i cristiani", quando afferma che "gli Ebrei, Egiziani di stirpe, hanno lasciato l'Egitto perché si ribellarono allo Stato Egiziano e perché disprezzavano la consuetudine religiosa" egiziana. Ma, se erano egiziani anche gli Ebrei, avrebbero dovuto avere le stesse consuetudini religiose degli altri egiziani…
Questa frase di Celso ci indica che egli attingeva a fonti che oltre ad affermare l'origine egiziana degli Ebrei, affermavano che gli Ebrei in origine erano sì egiziani ma egiziani che avevano consuetudini religiose diverse da quelle degli altri egiziani, che disprezzavano le convinzioni religiose di questi ultimi e che, spinti da questo disprezzo si sono ribellati contro lo Stato Egiziano e la restaurata religione politeista.
Questa frase di Celso, quindi, allo stesso tempo conferma la tesi di Freud secondo cui la religione ebraica nasce dal culto monoteista di Aton e smentisce la tesi dello stesso autore secondo cui l'esodo sia avvenuta in maniera pacifica.


La lotta di classe nell'Egitto di Tutankhamon



Le affermazioni di Celso e il racconto biblico ci fanno intuire che la lotta religiosa nell'Egitto del dopo Akhenaton sia stata anche il frutto della lotta di classe tra gli strati più oppressi e sfruttati della popolazione egiziana e dei popoli semitici "ospiti" che, liberati da Akhenaton con la nazionalizzazione dei beni e, quindi, degli schiavi e dei servi di proprietà delle caste sacerdotali degli dèi pagani, non hanno accettato di ritornare alla loro condizione primitiva al momento della restituzione dei beni alle caste sacerdotali sotto Tutankhaton, figlio e successore di Akhenaton.
La riproduzione sintetica del Libro Egizio degli Inferi nella tomba di Tutankhaton dimostra tuttavia il persistente favore del nuovo faraone verso l’antico culto esoterico propugnato dal padre.
L’esodo dei seguaci della religione di Aton dall’Egitto è dunque successivo alla morte del giovane faraone Tutankhaton ed è avvenuta probabilmente sotto il regno del faraone Horembeb.



L'esodo dei fedeli della religione esoterica di Aton




A Cades, i capi del nuovo popolo sorto dall'Esodo hanno deciso di fondere il culto di Aton, rimasto prerogativa dei Leviti - di origine egiziana - dopo la morte di Mosè, con il culto del dio pagano Javhè e degli altri dèi minori delle tribù semitiche che erano confluiti a costituire il popolo ebraico.
Si convenne non tanto di mantenere il rigido monoteismo universale Atonista, quanto di costituire un unico dio nazionale per tutto il popolo ebraico.
A questo periodo risale probabilmente la stesura della seconda parte dell'Esodo che riabilita la figura di Mosè e le leggi che egli ha dato al popolo ebraico. A conferma di questa ipotesi c'è la presenza nei passi in cui vengono riportati i comandamenti dell'appellativo "Dio Geloso" per definire il Dio Mosaico, che sta a indicare che per gli Ebrei non devono esistere altri dèi, ma non che non esistevano in assoluto.
Il nuovo Dio Adonai (Aton)-Jhavè-Elhoim nelle intenzioni dei capi politici delle tribù ebraiche più che un Dio unico doveva, quindi, diventare nulla più di un dio nazionale, che cementasse tribù e popolazioni di origine tanto diversa e tale in effetti divenne.
I Leviti di origine egiziana accettarono l'accordo, ma per lungo tempo continuarono a interpretare il dio della nuova religione secondo gli stessi canoni con cui in passato interpretavano i testi della religione atonista ed è probabile che per decenni continuarono a circolare tra di loro molti dei tasti sacri della religione di Aton, che si erano certamente portati con sé dall'Egitto, e che con ogni probabilità hanno costituito lo strumento base su cui si sono fondati l'interpretazione in senso monoteistico della nuova religione e il rigetto di qualsiasi rituale magico, che gradualmente sono diventati un patrimonio acquisito della cultura del popolo ebraico. Questa ipotesi trova un riscontro preciso nel salmo 103 (104) della Bibbia, risalente all'XI secolo a. C., che contiene l'Inno a Dio Creatore, che altro non è che una riformulazione dell'Inno ad Aton scritto dal Faraone Akhenaton.
Tra questi testi vanno annoverati indubbiamente anche frammenti dei libri che costituiscono il Pentateuco, scritti quasi certamente da Tutmoses (Mosè) o da persone a lui vicine.
Del culto javhista venne accettata nella nuova religione soprattutto la concezione antropomorfa di un Dio che premia e punisce e l'idea dell'esistenza di un oltretomba.


L'influenza del culto solare di Aton sul Cristianesimo Gnostico



Gli gnostici del II° secolo d. C. sapevano benissimo che nell’Antico Testamento convivevano diverse tradizioni teologiche originate dal culto di diverse divinità orientali (Aton, Javhé ed Elhoim).

Lo stesso Ireneo, per confutare il tentativo gnostico di distinguere le diverse tradizioni teologiche che convivono nell’Antico Testamento, è costretto a scrivere:



Se qualcuno vuole obiettare che secondo l’ebraico vi sono nomi differenti nelle scritture, per esempio Sabaoth, Elhoim, Adonai e altri simili, cercando di arguire diverse potenze e divinità, imparino che tutte indicano e si riferiscono ad uno e identico (Dio) (Ireneo, Adversus Haereses, II, 35, 3).



Il fatto che per i Cristiani Gnostici il Padre di Verità non fosse altro che Aton è provato da un tardo testo gnostico intitolato: “Risposta di Abammone, suo maestro, alla lettera inviata da Porfirio ad Anebo, e spiegazione delle questioni che essa pone” (Pseuso-Giamblico, “De Mysteriis”), falsamente attribuito da Proclo e da Psello a Giamblico, dove troviamo scritto:





Ermete colloca al primo posto come capo degli dèi celesti il dio Emeph, che egli dice essere l’intelletto che pensa se stesso e volge verso se stesso i suoi pensieri. Avanti a questo egli colloca l’Uno indiviso e quello che egli chiama “primo parto” e a cui dà il nome di Ikton (cioè Aton/Adonai): in lui risiedono il primo intelligente e il primo intelligibile, il quale è venerato solamente con il silenzio (Pseuso-Giamblico, “De Mysteriis”, Libro Ottavo, 3).





E’ evidente che Ikton non è altro che il Dio Aton/Adonai, cioè il Padre di Verità, mentre il Dio Emeph non è altro che il nome gnostico egiziano dello Spirito Santo, da cui trarrà origine il Logos, cioè Cristo.

Ikton/Aton/Padre di Verità, Emeph/Spirito Santo e il Logos/Cristo vanno quindi a formare la trinità cristiana gnostica, che trova la propria unità nell’Uno indiviso o Abisso. Le tre persone della trinità sono però qui disposte secondo una gerarchia ben precisa: Aton, cioè il Padre di Verità, precede Emeph, cioè l’Ennoia o Intelletto Pensante del Padre o Spirito Santo; Emeph precede il Verbo, cioè la Parola. L’Uno, cioè l’Abisso, a sua volta, riporta ad unità le tre persone della trinità al di fuori di qualsiasi prospettiva sincronica o diacronica.

Nella speculazione tardo gnostica del De Mysteriis troviamo quindi già tutti i principali temi del subordinazionismo ariano del Logos rispetto al Padre.

La comunità gnostica cristiana che ha espresso il De Mysteriis si ricollegava direttamente agli insegnamenti esoterici originari del Salvatore, che affondavano le proprie radici nella tarda tradizione atonista risalente al re Davide.

Il carattere Cristiano Gnostico del De Mysteriis è autorevolmente illustrato dal Sodano, che scrive:





Nel Trattato sui Misteri è delineata una gerarchia che pone, dopo gli dèi, i demoni, gli eroi e le anime. Essa rientra nella tradizione greca. Questa gerarchia, nel libro II, si moltiplica, inserendosi, fra gli dèi e i demoni, due ordini divini, e cioè gli arcangeli e gli angeli, e fra gli eroi e le anime altri due ordini, gli arconti cosmocratori o sublunari e gli arconti della materia. […] Occorre riconoscere che queste nuove classi divine, tra le quali la differenza spesso è segnata con notevole fatica, hanno pochissima eco nella speculazione neoplatonica e in quella dello stesso Giambico. Esse indirizzano piuttosto verso speculazioni cristiano-gnostiche e di tendenze popolari”.





In effetti, gli arcangeli, gli angeli, gli arconti cosmocratori o sublunari e gli arconti della materia appartengono a classi divine che fanno parte esclusivamente della tradizione gnostica cristiana e non hanno nulla a che fare con le coeve filosofie pagane, tanto meno con quelle neoplatoniche…

Lo stesso Agostino nella sua opera “Le eresie” ci parla di una Chiesa Gnostica, che si richiamava esplicitamente al Salmo 103 (104) della Bibbia, cioè ad una tarda versione dell’Inno ad Aton, risalente circa all’XI° secolo a. C.:



I Seleuciani o Ermiani, chiamati in questo modo dall’autorità di Seleuco o di Erma, […] negano che il Salvatore incarnato sieda alla destra del Padre, ma vogliono che Egli abbia deposto il suo corpo e collocato nel Sole, desumendo questa credenza dal Salmo dove si legge: “Ha posto nel Sole il suo tabernacolo” (Agostino, Le eresie, LIX).





A questo punto risulta evidente che la dottrina gnostica secondo cui tutte le cose sono state create per mezzo del Verbo (cfr. Prologo del Vangelo di Giovanni 1, 3) è nata dalla tendenza ad identificare il Verbo con la divinità solare di cui parla il Salmo 103 (104), espressione di Aton, il principio divino che permette l’esistenza e la vita di tutti gli esseri viventi.

Il legame esistente tra l’antico culto esoterico egiziano di Atum-Aton, la tradizione profetico-Qabbalistica che fa capo ad Adonai e il culto solare delle antiche comunità cristiane gnostiche trova un notevole riflesso simbolico nel Vangelo di Nicodemo e in altri Testi Sacri del Cristianesimo primitivo:



Pilato allora prese dell’acqua, si lavò le mani davanti al sole, dicendo: “Sono innocente del sangue di quest’uomo giusto. Vedetevela voi!” (Vangelo di Nicodemo, 9, 4)



A questo proposito vale la pena di ricordare che i romani, dopo la distruzione di Gerusalemme, hanno restituito a quella città il nome che essa aveva sotto Akhenaton, cioè Eliopoli, e che la stessa Grande Chiesa, sotto l’influsso della teologia gnostica Seleuciana ha fissato la nascita del Salvatore proprio il 25 dicembre, cioè il giorno della festa del Dio Sole (Helios-Atum-Aton).















Il crollo del culto gnostico di Aton-Adonai in Israele.





Nel Primo Libro di Samuele leggiamo la storia del crollo del culto monoteistico di Aton subito dopo l’avvento della monarchia in Israele (XI° secolo a.C.).

Il profeta Samuele, Giudice di Israele, fu l’ultimo Gran Sacerdote del culto di Aton.

Egli, spinto dalle pressioni dei notabili di Israele, fu costretto a procedere alla nomina di un sovrano. Saul venne consacrato re da Samuele con la stessa liturgia con cui furono incoronati gli immediati successori di Akhenaton, cioè con il sacramento dell’unzione, seguito dal bacio del Gran sacerdote di Aton-Adonai:





Samuele prese allora l’ampolla dell’olio e gliela versò sulla testa, poi lo baciò dicendo: “Ecco: il Signore ti ha unto capo sopra Israele suo popolo. Tu avrai potere sul popolo del Signore e tu lo libererai dalle mani dei nemici che gli stanno intorno” (I Samuele, 10, 1)





L’avvento della monarchia ebbe delle conseguenze immediate.

Saul, spinto dalle continue guerre con i popoli vicini e in particolare con i Filistei, si rese conto che l’antico culto di Aton-Adonai per il suo carattere universale e per il suo messaggio di amore e di pace non avrebbe mai potuto rendere compatto il popolo di Israele contro i nemici esterni.

A Saul serviva il culto di un Dio nazionale, simile a quello dei popoli circostanti. Ogni popolo del Medio Oriente osservava il culto di uno o più dèi, che avevano il copito di proteggere il popolo dalle guerre, dalle pestilenze e dalla carestia.

L’occhio di Saul cadde sul culto palestinese di Jhavè (Geova), ma sul momento non ebbe il coraggio di abbattere l’antico culto di Aton-Adonai grazie al quale aveva conquistato il trono.




Il conflitto fra i sacerdoti di Aton-Adonai e il re Saul





Il Gran Sacerdote di Aton-Adonai, Samuele, comprese immediatamente il pericolo e decise di consacrare re un fanciullo della città di Betlemme di nome Davide, proveniente da una famiglia fedele all’antico culto di Aton-Adonai.

La consacrazione, come già era avvenuto per Saul, si tenne secondo l’antica liturgia atonista dell’unzione:





Disse il Signore: “Alzati e ungilo: è lui!”. Samuele prese il corno del’olio e lo consacrò con l’unzione in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore si posò su Davide da quel giorno in poi (I Samuele, 16, 12-13)





Trascorsi alcuni anni, Saul in qualche modo venne a conoscenza di quanto era stato preparato dai sacerdoti di Aton-Adonai e la sua ostilità nei confronti di Davide cresceva.

Quando il sospetto divenne una certezza, Saul decise di annientare l’intera casta sacerdotale di Aton in Israele:





Il re subito convocò il sacerdote Achimelec figlio di Achitub e tutti i sacerdoti della casa di suo padre che erano in Nob ed essi vennero tutti dal re. […] Il re disse ai corrieri che stavano attorno a lui: “Accostatevi e mettete a morte i sacerdoti del Signore, perché hanno prestato mano a Davide e non mi hanno avvertito pur sapendo che egli fuggiva”. Ma i ministri del re non vollero stendere le mani per colpire i sacerdoti del Signore. Allora il re disse a Doeg: “Accostati tu e colpisci i sacerdoti”. Doeg l’Idumeo si fece avanti e colpì di sua mano i sacerdoti e uccise in quel giorno ottantacinque uomini che portavano l’efod di lino. Saul passò a fil di spada Nob, la città dei sacerdoti: uomini e donne, fanciulli e lattanti; anche buoi, asini e pecore passò a fil di spada.





Davide, dopo la strage dei sacerdoti di Aton-Adonai, si rifugiò con i suoi seguaci nel territorio del Regno Filisteo di ACHIS, dove probabilmente è entrato in contatto con il culto locale del dio Jhavè. E’ in questo periodo che matura in Davide l’idea di fondere l’antico culto di Aton-Adonai, i cui sacerdoti lo avevano consacrato erede al trono di Israele, con il culto tradizionale palestinese di Jhavé.

In fondo, il progetto politico di Davide non era diverso da quello del Re Saul: sia Davide, sia Saul volevano creare una religione nazionale, un Dio nazionale. Davide però era contrario all’idea di Saul di cancellare completamente l’antica tradizione monoteistica della religione esoterica di Aton, che aveva caratterizzato per circa due secoli l’identità del popolo ebraico rispetto ai popoli pagani circostanti.

Davide, dopo la morte di Saul, divenuto re, restaurò il culto dell’antica divinità, che però venne fusa con il culto del dio Jhavè ed assunse il nome di Jhavè-Adonai, e creò una nuova casta sacerdotale.

La restaurazione del culto fu solo parziale, perché gran parte dei Testi Sacri del culto di Aton-Adonai furono distrutti durante la repressione voluta dal Re Saul. La nuova casta sacerdotale di fatto creò un nuovo culto e nuove formule liturgiche. Le tavole della legge, scritte in geroglifici egiziani dal triplice significato (cfr. Schurè, I grandi iniziati), il cui significato esoterico era stato tramandato segretamente dall’antica casta sacerdotale di Aton, non erano più penetrabili dai nuovi sacerdoti nominati dal Re Davide.

Il Re Davide, ormai l’unico in possesso degli antichi insegnamenti segreti del culto di Aton, trasmessigli dal Gran Sacerdote Samuele, per motivi politici decise di autorizzare la traduzione delle tavole della legge dall’egiziano all’ebraico.

Durante il Regno di Davide il culto esoterico di Aton si trasformò in maniera graduale ed impercettibile per i contemporanei nel culto essoterico di Jhavè, cioè nella religione ebraica per come la conosciamo oggi.

Il carattere nazionalista della nuova religione è stata il frutto dell’opera di coesione politica, culturale e religiosa messa in atto da Davide per unire il popolo ebraico contro la minaccia costante rappresentata dai Filistei e dagli altri popoli ostili circostanti.

In sostanza, Davide venne iniziato ai segreti della religione di Aton dal Gran Sacerdote Samuele e ne ha portato l’impronta per tutta la vita, ma la sorte ha voluto che la religione di Aton-Adonai morisse proprio con lui, che cercò inutilmente di difenderla e di restaurarla dopo la morte di Saul.



L'iniziazione di Gesù alla Gnosi di Adonai





L’antica tradizione esoterica di Aton-Adonai riuscì a sopravvivere a fianco della nuova religione essoterica fino al tempo di Gesù soprattutto grazie ai profeti, fra i quali spiccarono Enoc e Giovanni Battista (non va dimenticato il carattere gnostico e solare della antica religione Mandea, che secondo la tradizione affonda le sue radici nell’insegnamento di San Giovanni Battista).

L’”unzione” di Gesù e la sua incoronazione a “Re dei Giudei” rappresenta simbolicamente l’iniziazione del Salvatore ai misteri della Gnosi di Aton-Adonai.

Per Giovanni Battista Gesù Barabba era l’erede spirituale del Re-Sacerdote Davide, cioè dell’ultimo sovrano iniziato al culto di Aton-Adonai, e avrebbe dovuto riportare alla sua purezza originaria il culto monoteista ed esoterico di Aton-Adonai; in una parola, per Giovanni Battista Gesù Barabba era il Messia che gli Eletti, cioè gli uomini spirituali, del popolo ebraico aspettavano da secoli.

Lo stesso particolare riportato nei Vangeli Gnostici della Natività del Salvatore di Maria che giunge a Betlemme a cavallo di un asino e il particolare evangelico di Gesù che entra a Gerusalemme sempre a cavallo di un’asina richiamano alla mente l’immagine di Saul, che, mandato a cercare le asine del padre (è inutile ricordare il parallelo con la parabola evangelica detta “del figlio divenuto guardiano di porci”), pur non riuscendo a trovarle, ottenne l’unzione a Re Sacerdote del popolo di Israele.

Le asine in fuga rappresentano la via che conduce alla Conoscenza di Dio. Saul, il re sacerdote psichico, non era in grado di seguire le asine, cioè la via della Conoscenza, cui si può giungere solo passando per la via dell’Umiltà.

Al contrario, Maria divenne degna di portare in grembo il Salvatore proprio per l’Umiltà e l’Amore che sono in lei. Gesù entrò a Gerusalemme (naturalmente si tratta della Gerusalemme Celeste, cioè del Pleroma) a cavallo di un’asina, cioè dopo aver fatto propria la Gnosi del’Abisso, che passa per la via dell’Umiltà e dell’Amore.

Naturalmente, vi è un parallelo tra la scena evangelica della strage degli innocenti operata dal re psichico Erode e la scena della strage di fanciulli e lattanti operata dal re psichico Saul a Nob, quando cercava il giovane Davide, cioè il precursore spirituale del Salvatore Gesù.

Giovanni Battista battezzando Gesù ripetè simbolicamente il gesto dell’unzione che il Gran Sacerdote Samuele fece quando iniziò ai misteri di Aton-Adonai il re psichico Saul e il Re Pneumatico Davide.

Giovanni Battista trasmise a Gesù la Tradizione dell’antico culto esoterico di Aton-Adonai, di cui egli era venuto a conoscenza dalle coeve tradizioni ebraiche “ereticali”, che erano sopravvissute fino ad allora. Come Samuele incoronò segretamente il Re Sacerdote Davide, quando ancora regnava Saul, così Giovanni Battista ha incoronato segretamente il Re Sacerdote Gesù, quando ancora regnava il re psichico Erode.

Tuttavia, come Davide con il sacramento dell’unzione divenne prima di tutto il nuovo Sacerdote Supremo di Aton-Adonai e solo secondariamente il re politico di Israele, allo stesso modo Gesù con il sacramento del Battesimo divenne essenzialmente il nuovo Sacerdote Supremo di Aton-Adonai, cioè il Re Spirituale dei Giudei.

Erode temeva che Gesù come Davide da Guida Spirituale potesse presto diventare una guida politica e che potesse scalzarlo proprio come Davide fece con il re Saul… A questo proposito, non va dimenticato che Gesù disse “il mio regno non è di questo mondo”, esattamente come fece Davide rivolto a Saul, dopo avergli dimostrato che pur potendo ucciderlo nella grotta non volle farlo, perché “il suo Regno non era di questo mondo”.

L’insegnamento di Gesù, riportando alla sua purezza originaria l’antico culto di Aton-Adonai, non poteva tollerare il carattere nazionalista della religione essoterica ebraica, sorta ai tempi del Regno di Saul.

Questo è il motivo per cui il messaggio di Gesù è rivolto a tutti i popoli e, in particolare, ai Gentili.

Tutto questo spiega anche perché gli gnostici antichi rifiutavano gran parte dell’Antico Testamento, ma non gli Scritti del Re Davide, cioè dell’ultimo Gran Sacerdote del culto esoterico di Aton-Adonai prima dell’avvento del Salvatore (vedi l’importanza attribuita agli scritti di Davide in Pistis Sophia).
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:13 pm
Oggetto:
L’Alchimia AnticaL’Alchimia Antica





«Questa città di Tolleta solea
Tenere studio di Nigromancia
Quivi di magica arte si legea
Publicamente e di Piromancia»
Così il Pulci nel Morgante descrive Toledo, così ce la immaginiamo, dopo la riconquista cristiana nel XII secolo, quando nelle strette viuzze della città medievale studiosi curiosi venuti da tutto l’Occidente si aggirano in cerca di codici preziosi, immersi in dispute con eruditi musulmani ed ebrei, frugando senza posa in qualche bottega di scrivano, srotolando pergamene, sfogliando libri, cercando notizie di qualche autore dal nome ostico e di difficile pronuncia.
Conosciamo alcuni di questi vagabondi del sapere, Adelardo di Bath, Platone Tiburtino, Roberto di Chester, Ermanno di Carinzia, Domenico Gondisalvi, Ugo di Santalla, Petrus Alphonsi, Giovanni di Siviglia, Abraham ben Ezra e in testa a tutti il grande Gerardo di Cremona. Giunge a Toledo a vent’anni, per attingere alla scienza orientale già tanto famosa nel mondo latino. Impara l’arabo, decide di passare il resto della vita in questa città affascinante, e si getta con entusiasmo nel lavoro di traduzione di testi.
Questo in effetti è il primo compito e gli studiosi che abbiamo citato sono ricordati specialmente per questa faticosa e preziosissima opera di versione in latino di opere che l’Islam proponeva a un Occidente che sembrava aver affatto dimenticato le sue stesse origini.
In realtà sino al XII secolo i rapporti tra mondo cristiano e Islam furono molto scarsi. Anche le Crociate, se segnarono un momento di incontro importante sul piano della civiltà e della cultura –si pensi all’importanza del blasone, di probabile origine iranica, nella tradizione cavalleresca– non furono ancora il periodo della trasmissione completa.
Fu quindi la Spagna – non da sola, dovremmo ricordare la singolarità del regno siciliano – specialmente a fungere da ponte tra i due mondi. Furono i traduttori a tessere l’ordito su cui ricostruire la nuova civiltà d’Occidente, cosicché si parla di «Rinascita del XII secolo», come poi si parlerà di «Rinascimento» al rientro, per la caduta di Bisanzio, di quanto restava del patrimonio dell’antichità classica.
Interessati a tutto, tutto traducevano. Certamente i grandi greci, di cui conservavano almeno memoria del nome, primo tra gli altri il grande Aristotele, fosse opera autentica o andasse sotto il suo prestigio. Poi testi di algebra, matematica, trigonometria, medicina, astronomia, di ogni scienza curiosi e avidi. Tra questi non mancavano argomenti più occulti, magia, astrologia, negromanzia e alchimia, come ricorda il Pulci, là dove si deve considerare che «piromancia», arte del fuoco, è la stessa scienza ermetica.
La prima versione di un testo ermetico sembra sia stata quella di Morieno fatta da Roberto di Ketton, arcidiacono di Pamplona, che la dice conclusa l’11 febbraio 1144. In realtà esistono tracce di possibili opere giunte in tutto o in parte in Occidente, tra l’altro direttamente da Bisanzio. Comunque, anche ammettendo che esistesse qualche informazione sporadica dell’antica scienza esoterica, Roberto non aveva certo tutti i torti scrivendo nella sua prefazione:

«...et quoniam quid sit Alchymia et quae sit sua compositio, nondum fere cognovit latinitas...»
... e poiché la nostra latinità non sa quasi cosa sia l’Alchimia e come sia composta.

Proseguendo, Ugo di Santalla traduce il Libro dei Segreti della Creazione di Barinás, probabilmente per il vescovo Michele di Tarazona. Un altro traduttore importante è Juan Avendaut Hispano, conosciuto anche col nome di Juan di Toledo o Juan di Siviglia, collaboratore di quel Gonzalo o Gonzalez che abbiamo già ricordato, arcidiacono di Segovia, il cui nome viene latinizzato in Dominicus Gundissalinus o Gundissalivus o simili. A Juan si deve tra l’altro il Segreto dei Segreti, uno dei testi principali per i successivi studiosi di Alchimia.
A Gerardo di Cremona si attribuiscono il Liber Divinitatis de Septuaginta, il Liber de aluminibus et salis e il Lumen Luminum. Inoltre tradusse i primi tre libri delle Meteore di Aristotele, un testo la cui influenza sullo sviluppo delle teoria alchemica fu molto forte. Il IV libro non fu tradotto da lui, ma da un altro studioso spagnolo, partendo direttamente dal greco.
Tuttavia attribuzioni a nomi noti sono rare: si deve ricordare che per lo più non si hanno notizie precise sul responsabile della singola opera, e che probabilmente nessuno di questi traduttori conosceva l’arabo prima di giungere in Spagna, e forse nemmeno alla fine della sua esperienza, per cui si sono serviti almeno in parte dell’aiuto di interpreti, spesso ebrei, oppure musulmani convertiti. Di norma la versione passava per una prima stesura in lingua volgare, lo stesso spagnolo, che poi si rendeva in latino. Questo spiega in parte la rudimentalità di certe pagine, tenendo anche conto del fatto che all’epoca si riteneva una traduzione buona se letterale, con tutto quello che questo può comportare.
A questo periodo e a questo mondo appartiene l’opera che qui esaminiamo, la Turba dei Filosofi, libro famosissimo e citatissimo, che attraversa tutto il Medioevo e raggiunge il massimo fiorire della tradizione ermetica occidentale nel XVII secolo, senza mai perdere il suo carattere di fonte di ispirazione e fondamento di studio per la gran parte degli amanti dell’alchimia. Ha forma di discussione tra alcuni filosofi che dibattono i principali temi della teoria e della prassi ermetica. Il testo è indubbiamente tradotto dall’arabo, il contenuto sembra altrettanto certamente di origine più antica, cioè derivato dalla tradizione greco–alessandrina. Prima di esaminarne storia e caratteristiche dobbiamo perciò per una miglior comprensione ricostruire, almeno nelle linee generali, il percorso per cui dal mondo greco si salvò l’Ermetismo, restituito infine, arricchito, all’Occidente. L’Islam fu tramite essenziale, come per molto della filosofia e della scienza greca, qui tuttavia più che altrove perché l’alchimia nel mondo musulmano trovò nuova linfa, nuovi maestri, un prestigio che il mondo antico non le riconosceva ancora.
La storia dell’Alchimia fu spesso storia di emarginazione, esilio ed eresia: a degli eretici, almeno per l’ortodossia bizantina, infatti dobbiamo in gran parte la trasmissione dell’Arte Sacra nel Vicino Oriente. Si tratta dei Nestoriani che cacciati definitivamente da Edessa nel 489 si diressero verso una più tollerante Persia, sassanide, seguiti pochi anni dopo dagli ultimi filosofi di Atene espulsi da Giustiniano. Si insediarono a Nibisi e a Jund–1 Shápur dove sorsero i primi grandi centri di traduzione dal greco. Il Siriaco, una diramazione dell’aramaico, diventò lingua liturgica e di cultura, sinché dopo la conquista araba del VII secolo i nuovi dominatori non vollero testi nella propria lingua. Il loro arrivo comunque non provocò grandi mutamenti nella vita interna della chiesa nestoriana. Il suo capo, il «Katholikos» da tempo libero da ogni dipendenza dall’antico patriarcato di Antiochia, sotto il califfato islamico lasciò la residenza di Seleucia Ctesifonte per stabilirsi nella nuova capitale musulmana. Qui, in varie occasioni, la comunità cristiana mise alcuni dei suoi membri più colti a disposizione dell’amministrazione araba che mancava di strutture. Si attirò in tal modo la benevolenza dell’autorità civile.
Questo periodo di pace relativa permise di proseguire con un’attività sempre più intensa l’opera di trasposizione in Siria di quasi tutto il patrimonio scientifico dell’antichità.
Tradotta in un secondo tempo in arabo questa «summa», arricchita e rielaborata fu restituita molti secoli dopo a un Occidente imbarbarito, che aveva perso ogni contatto con le sue stesse radici.
Il primo traduttore di opere filosofiche compare già all’epoca dell’imperatore Gioviano, ed è Probus, ma il nome che domina all’inizio è quello di Sergio di Rash’ayna, sacerdote nestoriano (+ 536) cui dobbiamo versioni di buo–na parte delle opere di Caleno e di quelle sulla logica di Aristotele. Il lavoro proseguì sinché nel 832 (217 dell’Egira) il califfo al Ma’mún fondò a Baghdád la «Casa della Sapienza» (Bayt al Hikma) e ne affidò la direzione a Yahya ibn Másúych (+ 857) cui successe il più famoso Honayn ibn Isháq (809–873). A questi, al figlio Isháq ibn Honayn (+ 910) e al nipote Hobaysh ibn al–Hasan si deve la creazione di una vera e propria «fabbrica» dove si traduceva, o si adattava, dal Siriaco o dal greco in arabo.
Si elaborò così e si consolidò anche tutta la terminologia tecnica, teologica, filosofica e scientifica della nuova lingua.
A questi dobbiamo anche una ricca collezione di opere di alchimia, costituita in gran parte con documenti anteriori che risalgono all’epoca di Sergio che comprende tra l’altro versioni della Chrysopoeia e Argyropoeia di Democrito, i libri di Zosimo, le lettere di Pebechio, tanto più preziose in quanto parte degli originali sono ormai persi. 1 testi sono spesso accompagnati da commenti più recenti a indicare una tradizione che proseguiva non solo sul piano teorico o libresco. Le parti simili, numerose e ben riconoscibili, confermano l’origine dalla stessa fonte delle raccolte bizantine, in particolare delle opere del Cristiano e di Olimpiodoro. A ribadire la relativa primitività di questa compilazione, i nomi usati per le sostanze minerali e per le droghe sono, con poche eccezioni, ancora quelli greci, e la lista dei segni e delle notazioni ripercorre integralmente quella originale, con la sola caratteristica di un’inclinazione di un quarto di cerchio, per cui i segni verticali del greco sono diventati orizzontali, inoltre non hanno più un ordine metodico, ma sono confusi e disordinati.
Le opere di Democrito, uno dei filosofi che partecipano al dibattito della «Turba», sono precedute da un «Avviso preliminare», che introduce norme di purezza, che si ritroveranno in varia forma sino in epoca moderna, ma che non erano così esplicite negli insegnamenti precedenti a meno di non risalire a tempi antichissimi:
«Nel nome del Signore Onnipotente. Bisogna che tu sappia qual è la specie che imbianca; qual è quella che arrossa; quella che annerisce; quella che rende azzurro; quella che brucia; quella che separa; quella che riunisce. Quando tu saprai quello, guardati dalle cose seguenti che ti impedirebbero di riuscire. Sii puro (dal contatto) di una donna o di un morto, e da qualunque allucinazione e polluzione notturna. Se tu lavori, quando ti è capitata una di queste cose, la tua opera non riuscirà. Ma purificati da qualunque difetto spirituale e corporale, e fai voto di buona volontà. Allora tu puoi avvicinarti per dissolvere i corpi e mutare le nature celesti».

L’avviso termina con un’affermazione che diventerà stereotipo famoso e incomprensibile:

«Una sola cosa si impadronisce di ogni natura, produce il color rosso e il color bianco. Non la si incontra da nessuna parte eppure si trova nel letame. Gloria a Dio dispensatore di ogni cosa».
Il testo prosegue poi secondo i consueti ricettacoli. Si nota una particolare insistenza sulle definizioni paradossali della Pietra, che ritroveremo citate nella «Turba»:

«Ecco che voi avete una pietra che non è pietra, senza valore e preziosissima, superiore a tutto; il suo nome è unico ed essa riceve molti nomi, non dico parlando in assoluto, ma secondo la natura che è in lei...».

Con lo stesso fine di dubbia chiarezza, in un capitolo successivo, l’elenco degli attributi del Mercurio copre quasi tutte le simbologie utilizzate nei secoli successivi:

«I suoi primi nomi in greco sono i seguenti: solfo, arsenico, sandaracca... È così che si è nascosto il nome del mercurio e lo si è reso oscuro... Lo si chiama talvolta... argento liquido, acqua d’argento, materia che imbianca il rame, nube bianca, corpo che fugge dal fuoco, zolfo, arsenico, sandaracca e acqua di questi, acqua di solfo schiarito, mistero rivelato, acqua di rame e acqua di fuoco, acqua di vetro, selenite, schiuma di mare, schiuma di tutte le specie e tutti gli animali, principalmente di cane rabbioso, acqua di fiume e di rugiada, miele attico, colui che è intermediario di ogni cosa... acqua di Saturno...
£ anche chiamato fiele di tutti gli animali e lievito, e latte di tutti gli animali, latte e resina di tutti gli alberi e di tutte le piante, a causa della sua formazione e dei suoi rapporti col latte. Si dice che è anche chiamato urina del figlio dei tetti ... ».

A questi il lessico composto in siriaco da Bar Bahlul aggiunge un nome che susciterà ambigui sentimenti negli studiosi cristiani: «Latte di Vergine». Nello stesso testo troviamo una delle prime definizioni dell’Arte Sacra come «Chimia»:

«Pietra filosofale, lavoro dell’arte del Sole e della Luna; vi è chi spiega questa parola col nome di «Kima», le otto stelle (le Pleiadi) cioè lavorato per mezzo delle otto mescolanze...».


Preceduto dall’articolo arabo, diventerà il nome stesso della scienza ermetica in Occidente. In conclusione appare ormai come «pronta all’uso» una completa crittografia allegorica, un vero e proprio linguaggio acroamatico, sufficientemente ambiguo e duttile per prestarsi alle combinazioni più varie, ma abbastanza preciso perché l’iniziato possa trovare i giusti punti di riferimento per orientarsi.
Una delle sue caratteristiche più pregnanti, oltre a una evidente vocazione iconografica, pare una specie di indifferenza alla traduzione, per cui lo si può utilizzare in varie lingue senza che perda la sua significanza. Cosicché gli potrebbe convenire la stessa dedica «Al lettore» del Mutus Liber:

«... tutte le Nazioni del mondo, gli Ebrei, i Greci, i Latini, i Francesi, gli Italiani, gli Spagnoli, i Tedeschi, etc. possono leggerlo e capirlo ... ».

Valendo certo la condizione preliminare che il misterioso Altus non mancò di sottolineare:

«Non bisogna che essere un vero FIGLIO DELL’ARTE per conoscerlo d’acchito ... ».

Se i siriaci nestoriani furono, come abbiamo detto, una via privilegiata per la trasmissione dell’Alchimia, non va dimenticata un’altra fonte, più misteriosa. Fa capo all’antichissima città di Harrán, posta in Siria sulla grande curva occidentale dell’Eufrate superiore. Santuario d’epoca sumerica, la Bibbia la ricorda perché ne partì Abramo col fratello Lot per fondare la nazione ebraica, e vi tornò Giacobbe a guadagnarsi il titolo di «Israele». La città vantava da sempre un culto astrale incentrato sul dio Luna (in accadico «Sin», «Shahar» in aramaico) che testimonia di una persistenza della tradizione sumero–babilonese.
Bastione incredibilmente incrollabile dell’antica religione, Harrán attraversò intatta e rispettata le vicende di millenni di storia, guardando con indifferenza gli imperi che si succedevano, dai Mitanni ai Medi ai Persiani. Conquistata da Alessandro Magno, passata in dominio dei Parti sotto Mitridate, vide morire Caracalla alle sue porte, combattere persiani e bizantini, giungere i nuovi dominatori arabi, protetta da un singolare destino di intangibilità che le permise di mantenere religione e culto definiti «pagani» sin sotto i conquistatori musulmani.
Gli Harraniani tuttavia non possedevano un «Libro» portato da un profeta–legislatore che avrebbe potuto farli riconoscere come «ahl al–kitáb», «genti del Libro», le uniche che i musulmani rispettassero e tollerassero nel loro seno. I Califfi perciò cominciarono a premere per la loro conversione sin dall’epoca di al–Mamun. Nel 933 il cadì Istakhr 1, allora «muhtasib» di Baghdad arrivò a minacciarli di sterminio, ed essi dovettero infine sottomettersi. Il loro ultimo capo ufficiale noto è Hukaym ibn ‘Isa ibn Marwan, successore di Sa’dán ibn Jabir morto nel 944 (339 dell’Egira). La loro conversione si velò di un ultimo mistero: essi pretesero e ottennero di chiamarsi sabieni (Sabi’ún), cioè di assumere il nome dei primi discepoli del Profeta, un onore che fu loro stranamente accordato senza difficoltà.
Se ci siamo un po’ dilungati su questo tema è tra l’altro perché dai testi di alcuni studiosi musulmani, e di almeno un sabieno, Thábit ibn Qurra, abbiamo la possibilità di farci un’immagine abbastanza precisa del culto millenario praticato ad Harrán. Scopriamo così che questo era una specie di ermetismo tradotto in forma religiosa, che onorava delle deità planetario–metalliche i cui templi riassumevano fisicamente il simbolismo alchemico nel suo più puro e completo aspetto tradizionale. Un esame della loro successione secondo i pianeti, i metalli, i colori, i simboli e i numeri mostra delle associazioni che si sono trasmesse intatte nei secoli.
Sappiamo che gli Harrániani onoravano particolarmente Hermes, di cui lo stesso Thábit ibn Qurra (+ 901) aveva trascritto in Siriaco e tradotto in arabo le «leggi» (Kitab nawámis Harmas). D’altra parte ne dovevano esistere altre conferme, se il filosofo Sarakh@l (+ 899) discepolo di Kindi può parlarne come del fondamento della religione di Harran. Egli descrive l’ammirazione del suo maestro per l’esattezza dell’enunciazione di fede nell’unità divina (il «tawn^id» islamico) così come aveva potuto leggerla nei detti di Hermes a suo figlio. AI–Kindi^ aveva affermato che un musulmano come lui non avrebbe potuto esprimersi meglio.
Su questa base gli Harrániani cercarono di farsi riconoscere come possessori di un culto monoteistico, sostenendo l’assimilazione di Hermes con Idris, descrivendolo come un Profeta che era venuto in tempi antichissimi per iniziare gli uomini per ispirazione diretta, «ilham» opposta a «wahy», la rivelazione indiretta di Maometto ottenuta per mezzo di un angelo.
Non ebbero successo evidentemente. Sopravvissero come città di scienziati e studiosi, producendo tra l’altro astrolabi per guidare l’orientamento delle preghiere rituali giornaliere. Infine scomparvero dalla storia, assimilati nel grande crogiolo islamico.
Un testo di alchimia harrániano è rimasto in traduzione araba, il «Risalatu–hadar» (Trattato dell’ammonimento), attribuito al profeta e maestro Agathodaimone. Il trattato è databile a prima del 111 secolo d. C. ––@@cWe– né esiste un commento scritto per Ardasbir, primo re sassanide (226–241). Il testo è interessante perché la dottrina e la prassi descritta hanno molti punti in comune con quelle che la stessa «Turba» insegna. Anche qui si dà come materia base per la realizzazione dell’Opera il «Rame»:

«Il rame, quando è trattato come prescrive la scienza, diventa argento e – dopo trattamento ulteriore – oro».

Seguono istruzioni per mescolare la Pietra con il Mercurio (o Spirito, «ruh») del Corpo Bruciato (o Ceneri) secondo i pesi dell’Arte. La mistura inumidita va esposta al Sole avendo cura di mantenere il Mercurio in unione umida con il Corpo sinché diventi soffice, fusibile e ben diviso nei suoi elementi. Si avverte che se l’umidità diminuisce, la Tintura sarà imperfetta, perciò va posta molta attenzione al grado di fuoco, in modo da prevenire una secchezza che impedirebbe al Corpo di accettare lo Spirito.
Si ribadisce che l’operazione iniziale è molto difficile e può essere compiuta solo dopo molti giorni di cottura, triturazione e riscaldamento ripetuto con aggiunta di umidità. Il segreto dell’Arte è la rimozione della grossolanità e la riduzione del materiale usato a uno stato di sottigliezza senza il quale è impossibile ottenere la Tintura. L’agente per riuscirvi è il «Veleno Infuocato» estratto dalle «Nature» per mezzo del Fuoco. Sono date istruzioni dettagliate sul trattamento del Rame con questo Veleno, sinché sia ottenuta l’Unica Gomma e il prodotto, bianco come la neve, che i Saggi hanno chiamato «il Bianco».
Questo è posto in una storta e riscaldato, prima su ceneri di fimo di cavallo bruciato sinché la nerezza, che compare di nuovo, cessi, e poi su fuoco di fimo di cavallo. Il prodotto è poi trasferito in un altro strumento e si procede con altre fasi di riscaldamento, distillazione e imbibizione per un lungo periodo, sinché non resti traccia di nerezza nella natura della Sostanza, e appaia il «colore regale», la meravigliosa Porpora, il «farfir»,

«da cui viene la completa tintura che né l’eternità, né la durata del tempo possono cancellare. Né l’Acqua, né il Fuoco la faranno perire, né decadrà o cambierà sinché durerà il mondo».

Ha sapore dolce come il sangue, odore piacevole, è la più densa di tutte le cose. Un «mithqal» di questa è sufficiente per trasmutare una quantità illimitata di qualsivoglia materia in oro. Si conclude raccomandando pazienza, sia per l’operazione che per lo studio. Chi si dedica a questo deve essere di buon intelletto, amante della saggezza e – oltre allo studiare i libri dei Saggi – disposto a prolungata meditazione.
In conclusione un testo asciutto e molto tecnico che lascia ben poco spazio a divagazioni dottrinali o ad astruse allegorie. Riconosciamo facilmente processi descritti nella «Turba», a conferma di una tradizione operativa consolidata.
Non possiamo infine trascurare un’ultima fonte di trasmissione, che poté provenire da quell’Egitto che gli eserciti del Califfo occuparono due decenni dopo l’Egira del Profeta. Non esiste alcuna prova o documento che dia una testimonianza diretta di una persistenza della Tradizione Ermetica in questa regione, che le era stata per tanto tempo patria accogliente. Esiste però un trattato in lingua araba, il Libro di Crates (Kitáb Quaratis ul–Hikma) che si può ritenere di possibile origine egizia. Ha alcuni tratti comuni di linguaggio e di pratica con l’insegnamento harraniano per cui si può immaginare una qualche forma di collegamento tra i due, e quindi riconoscergli un’origine che risalga almeno ai primi secoli dell’era cristiana. Il testo è stato riscritto da un autore islamico probabilmente intorno al IX secolo. Questi ha aggiunto un’introduzione che gli attribuisce come autore un ignoto Fusathar (o Nosathar) di Misr, forse Ostane l’Egiziano.
Come per il testo di Harrán la trattazione è molto limpida. Il procedimento insegnato è lo stesso: qui la materia di partenza è definita «piombo». I due libri in un certo senso si completano, come si vede da questo passo dedicato ai nomi usati per i materiali dell’Opera:

«Quanto ai nomi che gli Artisti hanno dato... hanno così voluto indicare ciascuno dei colori che assume l’elixir... Ogni volta che si aumenta l’umidità della mistura, era determinato un nuovo colore; a ogni nuovo colore si dava un nuovo nome alla mistura... Così i libri segreti dei Filosofi l’hanno prima chiamata piombo, poi quando è stata cotta e il nero ne è stato estratto, la si è chiamata argento; in seguito quando è stata trasformata, rame. Quando su questo prodotto è stata versata dell’umidità, ruggine, quando si è eliminata la parte nera nella parte rugginosa e si è visto apparire il giallo, allora gli si è dato il nome di oro. Dopo la quarta operazione l’abbiamo chiamato fermento d’oro; dopo la quinta oro al saggio; dopo la sesta corallo d’oro; infine dopo la settima è l’opera perfetta, la tintura penetrante ... ».

Nel 622 Maometto emigra a Yathrib, poi nota come Madinát–an–Nabi, la Città del Profeta. Lo accompagnavano lo zio ‘Abbás e una settantina di convertiti alla nuova religione. Da questa data, l’Hi@ra, Immigrazione, si conta una nuova epoca con un nuovo ciclo calendariale. Poco più di mezzo secolo dopo l’impero islamico, incredibile miscela di razze, lingue e tradizioni si estende dall’Africa alle più lontane regioni dell’Asia. L’arabo ne è lingua ufficiale e sacra. Nel 680 d.C. in Damasco è Califfo («Kharifa», rappresentante del Profeta) Yazid, di stirpe ‘Umayyade. Ha un figlio, Khálid ibn Ya;rid, che per oscuri motivi non gli succedette. Forse aspirava ad altri troni, perché egli fu il primo alchimista musulmano. Discepolo di un misterioso monaco cristiano, Marienus o Morienus, così è ricordato da Ibn al–Nadim nel «Fihrist al’ ulúm»:

«Decima sezione. Questa sezione racchiude delle informazioni sugli alchimisti e su quelli tra i filosofi antichi o moderni che hanno praticato la Grande Opera...
Colui... che si occupò per primo di pubblicare i libri degli antichi sull’alchimia fu Khálid ibn Yazid ibn Moavia. Era un predicatore, un poeta, un uomo eloquente, pieno di ardore e di giudizio. Fu il primo che si fece tradurre i libri di medicina, di astrologia e di alchimia... Si assicura, e Dio sa meglio di chiunque se questo è vero, che Khálid riuscì nelle sue imprese alchemiche. Ha scritto su questa materia un certo numero di trattati e composto versi e ho anche visto tra le sue opere il suo libro dei Colori, il grande trattato della Sahifa, il piccolo trattato della Sahifa e il libro delle sue raccomandazioni a suo figlio nel riguardi dell’Opera...».
Non è rimasta traccia delle opere in arabo del principe ’umayyade, ma non abbiamo motivo per dubitare di questa testimonianza così precisa e personale. Resta nella tradizione latina un piccolo «corpus» di testi che gli sono attribuiti: egli sarà per gli studiosi d’occidente «Calid filius lazichi», e rispettato come un Adepto.
Manteniamo da queste scarne notizie l’immagine di un uomo d’eccezione e di un germe che prometteva grandi frutti. Certo non poteva essere infisso in terra migliore. Questi frutti non si fecero attendere, bastò una generazione perché l’Islam generasse il suo più grande maestro, uno dei più grandi che la storia dell’Alchimia ricordi: Jábir ibn Hayyan, che i latini onoreranno col nome di Geber.
Questo, descritto molto brevemente, il cammino avventuroso che preservò e trasmise la dottrina alchemica dal mondo greco a quello arabo, per restituirla poi all’Occidente. Di questo la «Turba» volle essere riassunto e testimonianza, ricongiungendo idealmente, nella forma e nei contenuti, i filosofi passati e quelli più recenti, in un dibattito che doveva riunire i punti essenziali della teoria e della pratica dei diversi insegnamento.
Nella forma, perché la struttura dell’opera porta sulla scena fittizia dell’assemblea antichi greci e nuovi filosofi. Tra i greci Iximidrus, Exumdro, Pandolfo, Arisleo, Luca, Locustor, e Eximene sono stati riconosciuti dagli studiosi per essere probabilmente Anassimandro, Anassimene, Empedocle, Archelao, Leucippo, Ecfanto e Senofane. Dei filosofi presocratici si è notato che i discorsi riportati, pur se riferiti ad argomenti ermetici, sono coerenti con le teorie che venivano loro attribuite in età classica.
A questi si aggiungono Anassagora, Parmenide, Democrito, lo stesso Socrate, Platone e primo tra tutti il grande Pitagora considerato il Maestro per eccellenza. là tradizione consolidata. Già Jabir in uno dei suoi testi aveva scritto:

«Pitagora è il più antico dei filosofi... i filosofi posteriori, viventi in epoche più recenti, hanno preso l’abitudine di parlare di 6 ( nostro padre Pitagora», conferendogli questo titolo a causa della sua antichità ... ».

Bonellus, il «Barinás» o «Barlnús» degli arabi, è Apollonio di Tiana. P– un ulteriore esempio di come nel passaggio tra più lingue la storpiatura dei copisti o traduttori abbia prodotto nomi che saranno famosi nel medioevo, ma affatto irriconoscibili. Così Zosimo di Panopoli, uno dei più importanti maestri alessandrini, diventa «Zimus» in arabo. La «z» che in arabo si distingue dalla «r» solo per un punto diacritico, lo trasmette ai latini come «Rosinus», che diventa anche nome simbolico.
Mosè sarà Musa; Bacsen, l’arabo «Baqsam», è Paxamos, altro fìlosofo alessandrìno; Bolus o Belus, l’arabo «Búlús», è Paolo di Egina e così molti altri nomi si leggono, per lo più ignoti e comunque non riconoscibili, da Ac–subofen a Morfoleo: possono essere ancora nomi greci stravolti, in parte sono probabilmente arabi o persiani.
Per quanto riguarda i contenuti, da un confronto tra quanto abbiamo detto e una scorsa anche superficiale agli insegnamenti del testo, è facile rendersi conto della it dall’epoca più antica.
Non ci riferiamo soltanto alla teoria e prassi operativa: sarebbe facile dimostrare che questa è sempre stata costante nei secoli; in effetti, dato che la Grande Opera è un dato obiettivo e sperimentale, non ci si possono attendere né modifiche né insegnamenti originali. Quello che può essere singolare è il punto di vista in cui si pone il Maestro che parla, cosmologico, spirituale, metafisico, morale o altro, a seconda dell’applicazione che vuol farne, e il simbolismo usato.
Nel caso della «Turba» il linguaggio è in massima parte ancora quello greco–alessandrino, che abbiamo potuto leggere in qualche esempio nei testi citati, l’unica novità è l’insistenza iniziale sul tema delle Nature e degli Elementi, della loro mutua circolarità e conversione. Tutto induce a ritenere che questa sia una teorizzazione nuova nata in ambito arabo, almeno in una forma così dettagliata.
Agli studiosi moderni che l’hanno esaminata e commentata, va fatto notare che sotto il linguaggio apparentemente cosmologico e filosofico, ancora e sempre dì alchimia si tratta. Quindi non ci si deve far ingannare dall’ambiguità «invidiosa» dei Maestri dell’Arte, le Nature e gli elementi sono «eventi» e «materie» che fanno in qualche modo parte dell’Opera sperimentale. Proprio per chiarire questo abbiamo voluto aggiungere il «Discorso di un Anonimo», che riprende, come sarà fatto spesso negli scritti dì alchimia medioevale, il simbolismo della «Turba», per tradurlo poi in un «recipe» semplicissimo, che ci riconduce al vero e autentico insegnamento che si voleva trasmettere.
La «Turba» è opera anonima, l’attribuzione ad Arisleo–Archelao è evidentemente leggendaria; del maestro alessandrino rimane soltanto un poema alchemico in lini–yi–i–a greca.
L’originale arabo del nostro testo non è noto, si è però scoperto che l’alchimista arabo Ibn Umail, vissuto nel X secolo, cita brani dell’opera, il che fa ritenere che la «Turba» non possa essere stata scritta dopo il 900. Viveva intorno a quell’epoca ad Akhmim, in Egitto, un alchimista chiamato Uthmán ibn Suwaid cui si attribuiva tra l’altro «Il libro delle dispute e delle riunioni dei Filosofi». Questo potrebbe essere il titolo originario di quella che poi divenne la Turba Philosophorum.
Per quanto riguarda la versione latina, si pone probabilmente tra le prime, cioè nella prima metà del XII secolo, perché Alano che visse intorno a quell’epoca la cita, così come poi farà Alberto Magno.
L’opera ebbe un’enorme importanza nella costruzione della tradizione ermetica occidentale. Studiata da tutti, citata da molti, inaugurava seppure in forma affatto originale e che non sarà ripresa se non raramente, il tipo di quelli che saranno chiamati «Rosari», cioè antologie di brani scelti, riuniti coerentemente da uno studioso che cercava di risolvere il problema della comprensione dell’insegnamento alchemico, di norma disperso tra più autori, o dallo stesso autore in uno o più testi.
Molto stimata ancora alla fine del XVII secolo, veniva descritta dal Borrichius (Oluf Borch, uno studioso danese) come un’opera importante anche se di difficile lettura e comprensione. Egli ricorda ancora che il Trevisano aveva trovato la retta via, dopo tanti anni di traversie, grazie al discorso di Parmenide.
Veicolo della più pura e antica tradizione, la Turba dei Filosofi resta oggi a testimoniare di età forse più felici, quando gli uomini amavano ancora sognare sogni, forse impossibili, ma splendidi. Va letta con lo stesso spirito che ispirò quegli uomini, senza ansia di risultati, in un tempo dilatato e sereno.
Rantola - Ven Set 22, 2006 8:14 pm
Oggetto:
EGITTO & MITOLOGIA EGIZIA





Abitato fin dall'età paleolitica e neolitica, le tracce rimaste dimostrano l'esistenza di una cultura caratterizzata dalla coltivazione dell'orzo, del grano, dall'allevamento di animali domestici (buoi, maiali, pecore, capre), dalla lavorazione abbastanza evoluta e varia della ceramica, dalla fabbricazione di armi e oggetti d'uso di pietra polita. Con la scoperta dell'uso dei metalli, comincia la fase eneolitica il cui inizio si può datare intorno al 6000 a.C. Già molti secoli prima dell'eneolitico il Nilo aveva normalizzato il suo corso e raggiunto pressappoco l'aspetto che ha attualmente e anche il clima del paese era diventato quale è oggi. La vita si era organizzata ed evoluta. Insieme con i primi oggetti metallici, gli oggetti litici e ceramici raggiunsero una straordinaria perfezione tecnica, ben maggiore che in altri paesi nella stessa fase. In questa età, che si suol chiamare anche predinastica e che dura oltre duemila e cinquecento anni e arriva fino alla fondazione del primo Impero (ca 3238 a.C.), comparve la scrittura geroglifica che, superata la fase ideografica, divenne presto alfabetica; venne inoltre istituito il calendario di 365 giorni. Le popolazioni che abitarono l'Egitto nell'età preistorica mostrarono una così serrata e conseguente unità di sviluppo culturale, che sono da considerare autoctone e non influenzate da altre culture. Sembra che molti secoli prima dell'età storica, nella regione più prossima al Mediterraneo, a est e a ovest del Delta, si fossero formati due regni distinti, unificatisi poi in un unico regno del Nord che avrebbe sopraffatto il regno frattanto costituitosi al sud, attuando per un certo periodo l'unità del paese. Si sarebbe poi avuta una nuova scissione. Infatti, e questo appare certo, in secoli più vicini all'età storica esisteva in Alto Egitto un regno con capitale Nhen (Hierancopolis), e nel Basso Egitto un altro regno con capitale Seb'ewe (Tell el-Farain). Fra questi due stati non correvano sostanziali differenze di civiltà, di usi, di costumi, ecc., ma indubbiamente a Nord, per il diverso clima e la diversa produttività del suolo, le condizioni economiche dovevano essere più floride. Queste diversità spinsero, gli uomini del Sud alla conquista del Delta. Un re del Sud, Scorpione, avrebbe sopraffatto il re del Nord, Nefer (che alcuni vogliono identificare con Mene), raggiungendo nuovamente l'unità del territorio Secondo la tradizione Mene (per i greci Menes) sarebbe infatti il primo Re o Faraone dei due regni uniti. Egli avrebbe fondato la «Fortezza bianca» che poi divenne Menfi (forse da Men-Nefer = la buona dimora). Si arriva così agli inizi dell'età storica.

Questa si suddivide secondo i seguenti periodi:

ANTICO IMPERO (3238-2065 a.C.):
Epoca tinita (I e II Dinastia) 3238-2778;
Epoca menfita (III-V Dinastia) 2778-2423;
I Epoca intermedia (VI-X Dinastia) 2423-2065.

MEDIO IMPERO (2065-1580 a.C.)
I Epoca tebana (XI e XII Dinastia) 2065-1785;
Il Epoca intermedia (XIII-XVII Dinastia) 1785-1580, conquista degli Hyksos.

NUOVO IMPERO (XVIII-XX Dinastia) 1580-1090 a.C.


BASSO IMPERO (1090-332 a.C.):
Epoca dei Re sacerdoti (XXI Dinastia) 1090-950;
Epoca dei Re libici (XXII e XXIII Dinastia) 950-730;
I Epoca dei Re saiti (XXIV Dinastia) 730-715;
Epoca dei Re etiopi (XXV Dinastia) 715-663;
Il Epoca dei Re saiti (XXVI Dinastia) 663-525;
Epoca del dominio persiano (XXVII-XXX Dinastia) 525-332.

IMPERO DEI TOLOMEI ED EPOCA ROMANA (332 a.C.-640 d.C.).

EPOCA MUSULMANA (640-1922).

NUOVO REGNO ( 1922-1953).


Nell'epoca tinita, sotto le due prime dinastie, avvenne la fusione spirituale del paese e si organizzò lo Stato centrale. Il paese abitato (la valle del Nilo fertilizzata dal limo delle inondazioni) venne detto dagli indigeni Keme (= terra nera) o anche Ti-mure (= terra zappata), per distinguerlo dal deserto, detto Tosre (= terra rossa); il Nilo fu chiamato Horpe o anche Jetr-o (= grande corrente). Il nome Egitto, dato a tutto il territorio dai Greci, deriva dal toponimo indigeno di Menfi, traslitterato dai Babilonesi in Hikuptah. All'epoca della prima dinastia tutto il paese fu diviso in 42 distretti o nomi (22 nell'Alto e 20 nel Basso Egitto). Il Faraone era considerato sovrano assoluto, egli però si circondò di consiglieri e il suo governo fu piuttosto democratico e quasi paternalistico. Era assistito da un Primo Ministro, al quale fu affidata anche l'amministrazione della giustizia. Gerarchicamente, dopo di lui venivano i Ministri del tesoro, dei lavori pubblici e il supremo comandante militare. L'organizzazione burocratica centrale e periferica era sviluppatissima e ben strutturata. Sotto le due dinastie menfite proseguì lo sviluppo dell'E., che raggiunse una delle fasi più floride. Ad opera di Imhotep, architetto di Soser, sorsero i grandi monumenti di el-Saqqarah a cui seguiranno la falsa piramide di Meidum e le tre piramidi di el-Gizah. Sotto la V Dinastia l'E. estese le sue conquiste in Siria, in Libia, in Nubia e fino in Somalia. Sebbene sotto la VI Dinastia si combatterono fortunate guerre ai confini meridionali della Palestina, incominciò tuttavia la decadenza, che si accentuò durante la breve VII Dinastia di Manetone e ancor più durante l'VIII. La carica di Primo Ministro, fino ad allora sempre tenuta da un principe di sangue reale, passò a semplici funzionari e aumentò la potenza dei governatori e dei nomarchi, le cui cariche diventarono ereditarie. L'E. divenne così un paese a regime feudale. Dei Faraoni della X e dell'XI Dinastia si sa piuttosto poco, ma è noto che durante il loro regno i Beduini invasero il Delta e si ricostituì un regno indipendente in Alto Egitto, sotto lo scettro del monarca di Tebe. Inoltre il monarca di Eracleopolis si fece riconoscere legittimo discendente dei Re menfiti. Scoppiò allora fra il Re di Eracleopoli e quello di Tebe una lotta che si concluse nel 2060 con la vittoria di Montuhotep II re di Tebe, che riunì l'intero Egitto sotto il suo scettro. Con lui iniziò (XI Dinastia) il Medio Impero. Durante il lungo e glorioso regno del figlio Montuhotep III e quello di Montuhotep IV, si rafforzò l'amministrazione interna, si ridusse il potere feudale dei monarchi, si estesero le conquiste in Libia, Nubia e sul confine palestinese, che venne rinforzato e guarnito di fortini per evitare l'infiltrazione clandestina di gruppi di Semiti. Montuhotep IV fu spodestato dal suo ministro Amenemhê-e che iniziò la XIII Dinastia. Per duecento anni i Re di questa Dinastia mantennero alto il prestigio dell'Egitto, ma con la morte della regina Sebknofrewie (1785-84 a.C.) iniziò una rapida decadenza e ben presto imperversò l'anarchia.

Le cinque Dinastie che si successero furono di usurpatori di bassa origine e di scarsa levatura. Il paese fu invaso a Sud dai Cusciti e a Nord dagli Hyksos (v.) (Heq'ew-he' sôve = principi della montagna) che penetrarono nel Delta verso il 1730 a.C., ponendo la capitale in Avaris e, dopo una cinquantina d'anni, da Avaris invasero tutto l'E. Questa conquista fu facilitata dal loro armamento superiore (carri da guerra trainati da cavalli, fino allora ignoti agli Egizi) e dalle miserabili condizioni del paese. Il predominio degli Hyksos che fu reale e stabile sul Delta e nel Medio Egitto, precario nelle province meridionali rimaste ai Sovrani di Tebe che pagavano un tributo, durò circa 150 anni. Il re tebano Kamose condusse fra il 1580 e il 1575 la guerra di liberazione, che fu portata a termine dal fratello Ahmose I (1571-1549 a.C.) il quale espugnò Avaris, inseguì gli Hyksos in Palestina e li annientò dopo tre anni di resistenza. Con questo Faraone ebbe di fatto inizio il nuovo Impero e la reale ripresa del paese. Sotto i Re che seguirono, i Thutmose, gli Amenofi (Amenhotpe) i Ramesse, l'E. conobbe un periodo di straordinario splendore e di floridezza all'interno e di prestigio all'estero. Thutmose III (1496-1442), in particolare, comprese la necessità di far uscire l'Egitto dal suo isolamento e di garantirne la potenza conquistando saldamente un Impero in Asia: occupò quindi la Siria e la Palestina e costrinse al tributo Hittiti, Ciprioti Cilici, Assiri e Babilonesi. Il contatto con quei popoli e con quelle fiorenti civiltà giovò molto all'Egitto, e i loro tributi permisero il diffondersi di un largo benessere e la costruzione di mirabili opere pubbliche. Sotto Amenofi III (il Memnone dei Greci) il paese raggiunse forse il massimo splendore. Amenofi IV, mistico fanatico, sconvolse il paese con la sua lotta religiosa per tentare di introdurre il monoteismo, ma l'imposizione del culto di Aton non gli sopravvisse. Il successore, il giovanissimo Tutankhamon, ritrasferì la capitale da el-Amarna a Tebe e ripristinò il culto di Ammone. Setohe I rafforzò le conquiste con guerre fortunate e Ramesse II (1299-1233 a.C.) dopo lunga lotta piegò gli lttiti nel 1278. Ma sotto il suo successore cominciò un periodo di anarchia e di depressione cui pose fine Ramesse III (1200-1168), il quale riconquistò i paesi già assoggettati in precedenza e sconfisse i «popoli del mare», ma concesse troppi privilegi agli invadenti sacerdoti di Ammone. Questi divennero sempre più potenti sotto Faraoni che seguirono finché, nel 1090, il sommo sacerdote Herithor usurpò lo scettro proclamandosi Faraone. Questi non riuscì però a pacificare il paese e per domare le frequenti sommosse assoldò mercenari libici i cui capi divennero di fatto arbitri del paese e, dopo 60 anni, uno di essi, Sesonk, divenne Faraone e fondò la XXII Dinastia. La decadenza e sempre più grande, la confusione e l'anarchia aumentano sotto le Dinastie che seguirono. Una certa ripresa si ebbe soltanto con Psammêtek I della XXVI Dinastia (II epoca saita). Egli riconquistò tutto il paese, domò i feudatari, favorì i commerci, rafforzò i confini, sconfisse gli Assiti in Siria e in tal modo diede al paese un periodo di benessere. Morì nel 610 a.C. mentre domava una rivolta degli Sciti. I successori Nekô, Psammêtek II, Apriês, Amasis dimostrarono buona volontà ma non sempre pari abilità e certamente non ebbero pari fortuna: l'Egitto declinò ancora. Infine, mentre regnava Psammêtek III, nel 525 Cambise conquistò l'Egitto, abbandonato dagli alleati. I Re persiani si considerarono successori dei Faraoni. Vari tentativi di rivolta degli Egizi per riconquistare l'indipendenza non ebbero effetto. Infine nel 404 Amyrtaios, Faraone della XVIII Dinastia riuscì a proclamare l'indipendenza del paese, che fu mantenuto libero da ingerenze persiane anche dai suoi successori. Ma nel 342 Nectanebis fu sconfitto da Artaserse III (i Persiani non avevano mai abbandonato l'idea di riconquistare l'Egitto) e si rifugiò nella Nubia. Nel 332 riuscì facile ad Alessandro Magno occupare tutto il paese che non era difeso né dai Persiani né dal Faraone. Dopo di lui regnarono sull'Egitto i Tolomei Lagidi; l'ultima di essi, Cleopatra, morì nel 30 a.C., e i Romani, che già occupavano il paese, ridussero l'Egitto a loro provincia.

Nei quasi cinque secoli dell'età protostorica, sotto le due Dinastie tinite, l'architettura si sviluppò grandemente e apparvero tombe reali più vaste e complesse di quelle predinastiche (a Saqqarah, per es.). La primitiva mastaba si complicò assumendo la forma di una piramide: l'anello di congiunzione fra i due tipi è dato dalla tomba di Nebekta. Le piramidi vere e proprie furono tipiche del periodo menfita (piramide romboidale di Dahshur di Snefru a Meidum, e infine il complesso di el-Gizah, tutte del XXVII sec. e della prima metà del XXVI a.C.). Accanto alle piramidi sorsero i templi funerari, complessi edifici ove oltre al santuario c'erano grandi portici, magazzini, abitazioni, ecc. Durante la IV Dinastia i templi furono in genere piccoli, ma molto vari di pianta e di struttura, appropriato ognuno al culto della singola divinità. Sotto la V Dinastia cominciarono a prevalere i templi solari, i quali vennero costruiti secondo quello schema che poi diventerà tradizionale e si perpetuerà. In questo periodo già comparvero tutti i più importanti tipi di capitello: palmiforme, lotiforme, papiriforme aperto e chiuso, protodorico. Durante tutto l'Antico Impero le tombe private perfezionarono e fissarono il tipo della mastaba, costituita dal pozzo funerario e dall'edificio a parecchi locali, fra cui essenziale la cappella e il tipico corridoio (Serdah) dove si conservavano le statue del defunto. L'esterno era caratterizzato dalla falsa porta e dalla tavola delle offerte. Non manca nessuno degli elementi essenziali della tomba regale (eccetto la piramide). Nell'età delle due prime Dinastie, la scultura divenne sempre più espressiva e le conquiste tecniche e la padronanza della materia aumentarono di generazione in generazione. Le statue di Soser, di Rahotpe e Nofre ne sono esempi cospicui. Anche la piccola statuaria, figurette d'uomini e di animali in pietra o in alabastro o in scisto, si sciolse dalle forme arcaiche e convenzionali. Ma l'epoca della grande statuaria fu l'età menfitica: le opere più cospicue furono le statue di Chefren, di Micerino, quella di Ranofer, il ritratto del governatore (il cosiddetto sheikh el-balad), i due scribi del Louvre e del Cairo, il nano Gnemhopte, il busto di Ankhaf (ora a Boston), il gruppo del funzionario con la moglie (ora al Louvre). Anche il bassorilievo fece grandi progressi a partire dalla III Dinastia: scioltezza di disegno, delicatezza e morbidezza del basso modellato ne furono le caratteristiche. La pittura seguì da vicino le conquiste del bassorilievo (cui era strettamente legata, poiché i bassorilievi di questa età erano dipinti): le famose oche di Meidum, per citare un pannello decorativo dei più noti fra quelli pervenutici, basterebbero da sole a testimoniare l'eccellenza della pittura egiziana di questo periodo. Il così detto periodo intermedio e anche tutto il periodo del medio Impero, segnarono una fase di arresto. Non che mancassero opere cospicue di architettura, di pittura, di scultura, ma in genere difettarono la forza e la purezza del disegno e del modellato che avevano caratterizzato la grande arte dell'Antico Impero. Col Nuovo Impero, l'Egitto, liberatosi dalla dominazione straniera, risorse a nuova vita e l'arte acquisì anche esperienze di altri popoli. Il complesso dei templi di el-Karnak e di Luxor, di questo periodo, i templi delle Valli dei Re e delle Regine, e quello rupestre di Abu Simbel, sono fra le architetture più straordinarie create dalla fantasia dell'uomo.

Durante la XVIII Dinastia e buona parte della dinastia seguente, la statuaria produsse opere d'impareggiabile bellezza. La statua di Thutmosi III giovinetto (ora a Torino) è forse il supremo punto d'arrivo della scultura egiziana. Questa subì una notevole influenza, divenendo più veristica e sciolta, durante il periodo di Tell el-Amarnah. Le statue e i rilievi di Amenofi IV e della sua famiglia (bellissimi i ritratti di Nefertite), già per gran parte a Berlino, sono mirabili opere d'arte. Così le posteriori statue di Tutankhamon, di Setohe I, di Ramesse II. La pittura e le arti minori (stupendi i lavori di oreficeria) raggiunsero anch'esse il loro culmine di perfezione in questa età. Poi iniziò una nuova decadenza. Rimase la grande abilità tecnica ma venne meno il soffio dello spirito vivificatore dell'arte, quel soffio che aveva fuso in un unico risultato il realismo della scuola menfita e la idealizzazione del primo Impero tebano nutrendoli di nuovi fermenti. Un grazioso manierismo avrebbe dominato tutta la bassa epoca, morbido nel periodo saita, più crudo poi, fino alla conquista di Alessandro. Allora lo spirito dell'ellenismo, senza distruggere le forme tradizionali dell'arte egizia, insensibilmente si insinuò con la sua raffinatezza, la sua eleganza e anche con la sua pedanteria e la sua vanità. Il Cristianesimo sembrò portare un soffio di rinnovamento a partire dalla fine del IV sec. (arte copta: v. Copti), ma la conquista araba impedì che quei germi potessero svilupparsi. La lingua parlata nell'antico Egitto subì nel corso dei secoli variazioni notevoli, dovute e all'evoluzione nel tempo e alla molteplicità dialettale. Queste variazioni, sebbene attenuate, si riflettono sulla lingua letteraria che viene distinta in tre periodi, antico egiziano, neo egiziano, demotico. I documenti scritti che possediamo vanno dal 3250 ca. a.C. fino alla fine del V sec. d.C.

AMENHOTEP (Eg) Amenhotep è un caso molto raro nel quale un uomo è assurto alle glorie divine. Era lo scrivano dell'omonimo re Amenhotep III, questi dopo la sua morte gli decretò glorie divine (il motivo è sconosciuto) e cosa alquanto strana il suo culto si estese rapidamente tanto che Tolomeo IV (in pieno periodo ellenistico) gli fece costruire un tempio sopra la sua tomba.

AMMONE (Eg) Epiteto del dio Min, significa colui che si nasconde. Ammone in questa veste è raffigurato come un re con la veste corta e la collana. In origine Ammone era il dio di Tebe. Quando Tebe divenne la capitale Dell'Egitto Ammone aumentò d'importanza incamerando pure le caratteristiche di Ra e divenendo così Ammon-Ra poté fregiarsi del titolo di re degli dei. Difatti era l'unico dio egizio ad essere adorato in tutto l'Egitto.

AMSET (Eg) Figlio di Horus.

ANUBI o ANUP o ANUPEV (Eg) figlio di Osiride, raffigurato con testa di sciacallo. Aiutò la dea Iside a seppellire Osiride e per tale motivo divenne dio dei morti e guida delle anime. I Greci e i Romani lo identificarono con Ermete, perché anch'egli conduceva nell'oltretomba le anime dei morti.

APEPI (Eg)
divinità egiziana raffigurata in forma di coccodrillo o di serpente. Capo dei demoni che ogni notte assalivano il dio Ra.

APIS o API (Eg) Era il toro sacro particolarmente adorato a Menfi. Di colore nero e pezzato di bianco nella fronte, nei fianchi, nelle zampe e nella coda. Dava oracoli battendo le zampe e accettando o rifiutando il cibo offerto. Da vivo veniva tenuto in un tempio e venerato come Osiride o Ptah. Alla sua morte riceveva sepoltura in un'apposita necropoli, il Serapeo. Si riteneva che lo spirito si incarnasse in un altro toro che aveva le stesse caratteristiche.

APOFI (Eg) Serpente che attaccava il dio Ra durante il viaggio nel regno dei morti. Il Libro di Apofi conteneva le formule magiche contro di lui.

ARPOCRATE (C1-Eg) Dal greco Har-pe-chrod cioè del dio egizio Horus che era raffigurato come un fanciullo e in tale modo con un dito in bocca. I greci scambiarono il gesto per un chiaro ordine al silenzio e dato che nel loro Olimpo non avevano un tale dio, accettarono ben volentieri Arpocrate a questa mansione.

ATON (Eg) Il faraone Amenhotep IV cercò di abolire il politeismo e di istituire un culto monoteistico, per fare ciò, egli divinizzò il disco solare Aton. I dogmi di tale religione erano molto più profondi e di livello molto avanzato della religione politeistica egizia.

ATUM (Eg) Inizialmente era il dio locale di On (Eliopoli). Il culto fu imposto da Amenofi IV Akhenaton che lo dichiarò unico oggetto di adorazione. Secondo la leggenda Atum, nato dall'acqua primordiale prima di ogni altro essere, creò se stesso poi il dio Shu e sua moglie Tefnut. In seguito divenne dio del sole tramontante, e poiché il sole tramonta a occidente dove gli Egizi pensavano si trovasse il regno dei morti, Atum ebbe pure la carica di protettore delle anime dei defunti. Venne raffigurato inizialmente come un dio dalla testa di falco, poi come un disco dalla cui parte inferiore escono raggi terminanti in mani che offrono alla coppia regale un segno di vita. Fu padre di Sev e Tefnuta e nonno di Gheb e Nut e bisnonno di Osiri, Iside, Seth e Nefti. Per questo fu detto Capo dei nove dèi di On.

BASTET (Eg) Dea della gioia, del canto, delle danze e del vino. Era raffigurata come una donna con testa di gatto, con un sirto in una mano e un cestino nell'altra.

BEBI (Eg) Conosciuto anche col nome di Omomi, era, un mostro che nell'aldilà divorava i peccatori.

BEHDETI (Eg) Dio di Behdet. Si fuse con Horus e il suo simbolo era il disco solare alato. Era il condottiero dell'esercito di Ra. Proteggeva dai pericoli e il suo simbolo si trovava in tutti i luoghi e sulle prue delle navi. BES (Eg) Era il dio egizio della danza dall'aspetto di nano.

BES (Eg)
dio dell'antico Egitto, figurato come un nano grottesco munito di coltelli o di strumenti musicali, derivato probabilmente dalla figura dell' «iniziatore» delle società primitive. Era ritenuto benefico, protettore del talamo e delle nascite, difensore contro i coccodrilli e i serpenti, amico delle donne e della letizia.

CARRI DEL SOLE E DELLA LUNA (AV) Il concetto della Luna e del Sole come carri. Gli antichi immaginavano che questi corpi celesti erano dei carri che volavano nel firmamento. L'idea del carro del sole e della luna si ritrova nella cosmogonia di molti popoli, quali: Egizi, indiani d'America, germanici, Indiani, Israeliti, Greci, Romani ecc. ecc..

CHEB (Eg)
nell'antico Egitto, era il nome del padre di Osiride.

CHAREV (Eg) Lago dell'aldilà Egizio.

CHENTI-AMENTIJEV (Eg) Dio di Eboz, nella necropoli della città di This. Fu assorbito da Osiri.

CHEPRER (Eg) Dio del sole che sorge. Si credeva che Cheprer rotolasse per il cielo la sfera del sole.

CHNUM (Eg) Dio delle cataratte del Nilo e dell'acqua fresca. Era raffigurato con testa di pecora o come vasaio.

CHONSU (Eg) A Tebe era il dio della Luna.

CNEF (Eg) Presso gli Egizi era l'Essere Supremo, raffigurato come un serpente con testa di sparviero e con in bocca l'uovo primigenio, dal quale nacque il mondo.

DEDUN (Eg)
dio della Nubia dalla forma di ariete. Di origine antichissima, entrò nel pantheon egizio come signore della Nubia alla conquista del paese; in seguito fu assimilato a Khnum di Elefantina e ed Ammone di Tebano.

DUAMTEF (Eg) Figlio di Horus.

DUAT (Eg) Parte della sfera celeste che si trova sotto l'orizzonte e Ra per fare il giro attorno alla terra deve percorrere di notte, difendendosi da mostri che lo insidiano. Duat assume perciò il significato di regno della notte.

ERMÈTE Trismegisto (Eg-C1)
(tre volte grandissimo) personificazione greca della divinità egizia Thot o Tehuti. Era considerato un antichissimo sacerdote-Re dell'Egitto, fonte di ogni pensiero e sapere e gli si attribuivano l'invenzione dell'alfabeto e della scrittura, le prime leggi e istituzioni civili e un gran numero di sacri scritti, gelosamente custoditi dai sacerdoti egizi, dal significato oggi difficile da comprendere, detti libri ermetici.

FENICE (Eg-AS1) Mitico uccello che giunto a tarda età si uccideva sopra un rogo e poi rinasceva dalle proprie ceneri. I Cinesi avevano un mitico uccello dal corpo di Drago e testa di Fagiano, simbolo dell'immortalità e fregio dell'imperatrice.

GED (Eg)
amuleto egiziano che simboleggiava il concetto di durata e stabilità temporale, e riproduceva forse il fusto diramato di un albero, feticcio del dio Osiride, oppure un altare a quattro gradini.

GHEB (Eg) dio egiziano della Terra che costituiva, insieme alla dea Nut, la coppia dell'Enneade eliopolitana. Veniva nominato con l'epiteto di Principe degli Dei. In certe raffigurazioni porta un'oca sulla testa, geroglifico del suo nome. Dato che i morti finiscono sotto terra Gheb è anche dio dei morti.

HAPI (Eg)
simboleggiava lo Spirito del Nilo da cui dipendevano le inondazioni e la fertilità.

HATHOR o ATHOR (Eg) Divinità solare dell'antico Egitto, in origine sede celeste del dio falco Hor, poi personificata come sua madre e perciò identificata con Iside. Fu venerata come dea della fecondità e dell'amore, protettrice della musica. I Greci la assimilarono ad Afrodite. Veniva raffigurata con testa e corna di vacca il suo ventre rappresentava il Firmamento.

HEH (Eg) Divinità dell'infinito.

HEKET (Eg) Dea Egizia protettrice delle partorienti, aveva il corpo di rana.

HORUS (Eg) Dio Solare, immaginato come un falco che sollevato in cielo illuminava la terra coi suoi raggi. È raffigurato anche come un bambino sul dorso di un coccodrillo, recante in mano per la coda animali dannosi. Dai Greci fu assimilato ad Apollo (Horoapollo), e venerato anche come Arpocrate, dio del silenzio. Nel periodo della decadenza Horus è raffigurato come uomo con testa di falco indossante una divisa romana, una corona doppia e a volte seduto a cavallo. Il più famoso tempio a lui dedicato fu quello tolemaico di Edfu.

IMHOTEP (Eg) Personaggio realmente esistito intorno al 3600 a.C., persona altamente colta e intelligente. Riuscì ad accentrare nella sua persona tante cariche: fu sacerdote col grado supremo di lettore dei libri sacri, ministro, e luogotenente della capitale, abile ingegnere e progettista, infatti, il tempio del dio Horus fu costruito secondo i suoi progetti 3000 anni dopo. Aveva ambizioni sia nel campo letterario sia in quello scientifico, medico e stregone gli si attribuisce l'invenzione della mummificazione. Alla sua morte la gente che era stata guarita e quella che sperava in una guarigione miracolosa si recava sulla sua tomba a pregarlo, sicché pian piano si formò il culto divino di Imhotep. In seguito i sacerdoti per dare maggiore importanza a Imhotep e a loro stessi, gli affibbiarono il dio Ptah come padre. Era raffigurato come uomo rasato a testa scoperta e impegnato nella lettura d un libro.

ISIDE
sposa di Osiride e madre di Horus, coi quali forma una triade suprema. Il suo mito è complesso e ha numerosissime versioni. Iside è principalmente, nella mitologia egiziana, la massima divinità della natura e della fecondità la madre di tutte le cose, la dea universale, adorata sotto forme svariatissime, ma per lo più con corna o testa di vacca, animale a lei sacro. I Greci identificarono Iside con varie loro divinità (Era, Demetra, Afrodite, Selene, Io, ecc.); il culto della dea egizia venne trapiantato in Grecia e più tardi in Roma, e nel periodo ellenistico si diffuse in tutto il bacino mediterraneo, in forma misterica. Faceva parte del tribunale dell'aldilà.

KA (Eg) Gli Egizi distinguevano l'uomo in tre elementi: il corpo, l'anima e il Ka, che faceva intima parte della persona e svolgeva compiti spirituali. Si può affermare che era qualcosa di simile al Genio dei Romani e al Daimon dei Greci.

KAMEFIS (Eg)
dal significato di «il toro di sua madre», epiteto del dio Min, la più importante divinità del Copto (Quft), che divenne uno degli attributi di Ammone creatore.

KEDESH (Eg) Dea del cielo, regina degli dèi. Raffigurata su un leone e regge in una mano dei fiori e nell'altra dei serpenti.

KHNUM (Eg)
ritenuto il creatore delle diverse forme vitali, che modellava al tornio. Raffigurato con la testa d'ariete, o come un ariete, il suo culto era molto diffuso nell' antico Egitto.

KHONSU (Eg)
dio lunare, membro della triade tebana come figlio di Ammon e di Mut. A Kharnak è ancora conservato un tempio in suo onore; rappresentato, tra le altre raffigurazioni, con un disco lunare, o come un bambino.

LIBRO DEI MORTI (Eg) Era una raccolta di preghiere, di invocazioni, formule magiche e norme comportamentali per lo spirito del defunto. Era posto all'interno del sarcofago così che lo spirito potesse leggerlo e avere tutte le informazioni sul come comportarsi davanti agli dèi. Ognuno doveva avere il suo personale e doveva custodirlo gelosamente.

MAAT (Eg) Dea della Verità e della giustizia. Nel tribunale dell'aldilà giudica i morti.

MIN (Eg) Dio delle carovane e dei mercanti. Min era pure il dio della fertilità e del raccolto. Era figurato come uomo azzurro ornato di piume e con un grosso membro eretto a significare la fertilità.

MONT Montu o Mentu (Eg) dio egiziano della città di Hermonthis (l'attuale Erment). Inizialmente venne rappresentato con la testa a forma di sole (ieracocefalo) e successivamente con la testa di un toro, suo animale sacro. Era dio della Guerra.

MUT (Eg)
la dea egiziana della regione di Tebe. Secondo la tradizione era la moglie di Ammone e veniva raffigurata come un avvoltoio e in seguito come una donna. Le fu dedicato un tempio a Karnak, fatto costruire da Amenofi III.

NECHBET (Eg) Dea protettrice dell'Egitto Superiore. Figurata come Avvoltoio o come serpente.

NEITH (Eg)
dea egiziana antropomorfa dal carattere guerriero, ma anche marino. Identificata dai Greci con Atena, viene ritenuta di origine libica derivata, probabilmente, da una antichissima divinità cacciatrice del mediterraneo.

NEFERTUM
divinità egizia che rappresenta il loto primordiale dal quale era uscito il dio Sole. In seguito divenne il figlio di Ptah e Sekhmet nella triade di Menfi.


NEFTI (Eg)
dea egizia; era le sorella di Iside, Osiride e Set, di quest'ultimo anche la moglie. Nel mito osiriaco aiutava la sorella Iside a trovare i pezzi del cadavere di Osiride per poi compiere i riti funebri. Viene rappresentata come una donna con il simbolo geroglifico del suo nome sul capo.

NEPRI (Eg)
dio egiziano del grano, spesso identificato con Osiride.

NILO (Eg) Divinificazione del fiume Nilo. Era chiamato padre degli dèi e degli uomini, dispensatore delle messi.

NUN (Eg) divinità egiziana dell'Acqua primordiale. Esisteva prima della creazione del mondo ed era considerato origine di tutte le cose. Naunet era il suo corrispettivo femminile, non aveva né templi né culto.

NUT (Eg)
divinità egiziana del cielo, sorella e moglie di Gheb, dio della terra; madre di Osiride, Iside, Set e Nefti. Solitamente era rappresentata come una giovane donna dal corpo inarcato ad abbracciare la terra, o come una giovenca.

OKEN (Eg) Nella mitologia egizia era il traghettatore delle anime dei defunti col battello di Chnum.

ONURI (Eg) Dio egizio dell'aria.

OSIRI (Eg) Divinità agricola, occupandosi di agricoltura finì col rappresentare anche la Luna, il Cielo, il Nilo e la stessa Terra e in questa veste divenne anche dio dei defunti. Osiri muore per poi rinascere.

PAKHET (Eg)
(Graffiante), dea egiziana del territorio di Beni Hasan. Figurata come una feroce leonessa del deserto, il suo santuario principale risale alla 18ª dinastia. Circondato da un immenso cimitero di gatti che prova la popolarità del suo culto e l'influenza della dea gatta Bastet sulle antiche dee leonesse in bassa epoca.

PETBE (Eg) Dio della ricompensa.

PSAI (Eg) Dio egizio del Destino.

PSICOSTASÌA
(dal greco=pesatura delle anime), nell'antica religione egizia, cerimonia del giudizio alla quale ogni defunto doveva sottostare. Condotta dal dio Thot, si svolgeva in presenza di Iside e Nephtis. Presente anche nel mazdeismo e nel lamaismo.

PTAH (Eg) Antichissimo dio egizio raffigurato come figura umana che regge in mano uno scettro. Ritenuto il creatore degli dèi e degli uomini, era protettore degli artisti e degli artigiani. Sposo di Sekmet, dea della guerra. I suoi sacerdoti presiedevano alle opere pubbliche, quando Ptah fu soppiantato da Atum i sacerdoti si trovarono col problema di vedere declassato il loro dio o di trovare il sistema di inserirlo nella cerchia di Atum. Scelsero di identificare Ptah con l'acqua primigenia dalla quale era nato Atum diventando a questa maniera il padre di Atum che così non era più in condizione di essere un concorrente. Era venerato specialmente a Menfi, dove era stato eretto un tempio grandioso in suo onore (centro del culto).

RA (Eg) Dio del sole (pricipale dio a carattere cosmico). Conisiderato creatore primordiale dell'universo e creatore quotidiano del mondo (sincretizzato con Atum), si affermò come dio principale del pantheon egizio a partire dalla V dinastia (Antico Regno). Dio dello Stato e della giustizia, rappresentato con corpo umano e testa di falco sormontata da un disco solare e da un serpente con testa eretta, usurpò a Osiride la funzione di dio dell'oltretomba (ebbe Eliopoli come centro principale del culto). Secondo un'antica credenza il sole e la luna sono gli occhi di Ra.

RAETTAUI (Eg) Antagonista femminile di Ra.

RESHEP (Eg) Dio egizio della guerra, figurato con una lancia nella mano destra e con una clava nella sinistra.

SACHMIS o SEKHMET (Eg) Dea della guerra e della distruzione ma anche della medicina, figurata come donna dalla testa leonina, era sposa di Ptah.

SEKER (Eg)
dio egizio della necropoli menfitica di carattere funerario; era portato in processione all'inizio dei lavori agricoli e i partecipanti indossavano collane di cipolle (puzzavano da fare paura).

SEFCHETABVI (Eg) Dea della sapienza. Era chiamata padrona della biblioteca ed annotava le gesta dei faraoni.

SERAPIDE (Eg) Inizialmente era un dio del mare, in seguito divenne anche protettore della fecondità. Il suo culto era associato a quello di Osiri.

SETH (Eg) Originariamente era il dio dell'Egitto Superiore. Nella lotta che precedette l'unione dell'Egitto Superiore con l'Egitto Inferiore Seth ebbe la peggio e fu rimpiazzato da Horus e così seth divenne dio del male e della corruzione. È raffigurato come un animale con muso aguzzo e lunghe orecchie puntute, certamente raffigurazione di un animale di deserto o di steppa. Simboleggia la bufera, la guerra e la violenza.

SFINGE (C1- EG) Esistono due Sfingi: quella egizia e quella greca. La prima rappresenta la potenza regale del faraone ed è un monumento funerario formato da un corpo leonino e dal volto del Faraone. La Sfinge greca invece è un mostro alato col corpo mezzo di donna e mezzo di leonessa nato dalla unione incestuosa del cane Ortro con la madre Echidna.

SOTIDE o Sothis (Eg) Dea egizia identificata con la stella Sirio al cui sorgere comincia la piena del Nilo e quindi l'abbondanza e la fertilità dei campi.

SOV (Eg) Dio dell'aria, figlio di Atum, sposo della sorella Tefnut e padre di Gheb e Nut.

TEFNUT (Eg) o Tefnet, nella mitologia egiziana, dea dell'umidità che con lo sposo e fratello Shu costituisce la prima coppia di dei generata da Atum.

THOT (Eg) o Thóth o Thouth, inizialmente era un dio lunare, col tempo divenne prima dio contatore del tempo, poi dio delle scienze e per chiudere in bellezza la sua carriera diviene dio della Giustizia e della Verità e con questo compito egli giudica sia gli dèi che i mortali. I Greci lo identificarono col loro Hermes (Mercurio). Era raffigurato come un uomo con testa d'ibis o di sciacallo.

TOÈRI (Eg) nella mitologia egiziana, dea protettrice della famiglia, delle donne gravide, del parto e dell'allattamento, con l'aspetto di ippopotamo.

USHABTI
o Ushebti, statuetta egizia in pietra, legno o terracotta. Posta nelle tombe, aveva la funzione di rappresentare e sostituire il defunto, quando costui era chiamato a servire gli dei. In alcune tombe sono state trovate fino a 365 Ushabti, una per ogni giorno dell'anno.

VEPVAVET (Eg) Dio egizio della guerra, dopo l'unione dell'Egitto superiore con l'Egitto inferiore cedette il comando a Horus per diventare il condottiero delle anime nell'aldilà. Era figurato come sciacallo in corsa.
Noctifer - Sab Set 23, 2006 4:32 pm
Oggetto:
Bene, ho trovato interessante il progetto di mitologia egizia dell'OSCURA SOGLIA, ma vorrei sapere di più sui misteri:
1) erosioni da pioggia sulla sfinge
2) fori sule piramidi in proiezione trasversale delle stelle della Cintura di Orione
3) mummificazione
4) dei uccelli
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:34 pm
Oggetto:
COSA SUCCEDE DOPO LA MORTE? MUMMIFICAZIONE E NON SOLO, NELLE VARIE CIVILTA' ANTICHE.Cosa succede di noi dopo la morte? O meglio non proprio di noi, ma dei nostri corpi. Quando si è trovato di fronte alla spoglia mortale, l'uomo ha dovuto fare i conti con la morte e con quell'ingombro caduco che rimane da sistemare, in qualche modo. Non sarebbe in alcun modo possibile qui trattare le infinite ragioni culturali, cultuali, simboliche e quant'altro che forniscono giustificazione ai rituali funebri. Non si ha alcuna pretesa di essere esaustivi, si capisce bene che non sarebbe possibile andare a indagare tutti questi argomenti, perciò si osserverà solo e soltanto il destino dei corpi quando sono definitivamente inerti, passando in rassegna rapidamente quali abitudini hanno scelto alcune civiltà antiche per rapportarsi alla morte nel suo aspetto concreto, il cadavere. E che cosa ne fanno i parenti, gli amici, le istituzioni.
Rimane comunque difficile sciogliere la pratica e il trattamento puro e semplice del corpo dalle motivazioni culturali che giustificano le diverse procedure post mortem. Se da alcuni (i cristiani per esempio) la morte del corpo è concepita come necessario preludio alla resurrezione e alla gloria dei cieli, presso altre civiltà la morte è un stato di perpetua tristezza. L'aldilà indistinto e tetro dei popoli antichi non causa preoccupazioni per il destino del corpo, che non è più, che 'non può' più:

Io non sono più un uomo che gioisca della vista.
Il luogo ove riposo è la polvere della terra; tra i malvagi io giaccio.
Il mio sonno è angoscia; tra i nemici dimoro.
Sorella mia, dal mio giaciglio non posso più sollevarmi! (1)

Nei sepolcri di Ur così come negli ipogei di Ebla i cadaveri erano accompagnati da numerose offerte e oggetti preziosi, mettendo così in evidenza la preoccupazione per una vita futura, ma complessivamente si puiò dire che in Mesopotamia i morti sono immaginati come "mangiatori di polvere e bevitori di acqua sporca".
Questa concezione che ha pervaso quasi tutto l'Oriente antico contrasta in modo palese con quella egizia, dove la morte, l'aldilà diventa un bel mondo, migliore di questo.



L'imbalsamazione
Nelle piramidi, sepolcri del dio-re, viene celebrata la vita dopo la morte, una esistenza serena nell'abbondanza e nella prosperità, allietata dalla compagnia dei servi, dei familiari, degli amici Così viene rappresentata dalle pitture sulle pareti delle antiche tombe. E vi si trova dipinto anche il Regno dei beati: talora sono caverne sotterranee in mezzo al deserto, più spesso è collocato in cielo, dove esistono campi fertilissimi, che i beati coltivano; e di notte ogni beato accende la sua lampada, le stelle.
Ma accanto a questa visione pacificante del regno dei morti permane tra i vivi la paura che gli spiriti (come spettri) possano tornare a spaventarli: i due regni devono restare ben distiniti e non si deve generare confusione, mescolamento e caos. A questo scopo vengono poste offerte accanto al defunto, per scoraggiarne il ritorno nel mondo dei vivi, casomai gliene venisse voglia.
Lo spirito, l'elemento immateriale dell'uomo, può desiderare di ricongiungersi al corpo che gli apparteneva. Se vuole tornare, deve trovare il suo involucro intatto; per questo è necessario che questo sia ben conservato: il cadavere non deve decomporsi. Secondo gli egiziani nell'uomo convivono l'elemento corporeo e quello spirituale (dove vanno distinti lo spirito vero e proprio, il nome, l'ombra e soprattutto il ka, il principio vitale, divino e indistruttibile). E nel cuore della sepoltura faraonica , nelle profondità della piramide, vi è la camera che contiene il sarcofago con il cadavere imbalsamato. Ecco la descrizione della pratica dell'imbalsamazione secondo le informazioni raccolte da Erodoto:

"Prima di tutto, servendosi di un ferro ricurvo, estraggono il cervello attraverso le narici, in parte, appunto, estraendolo con questo mezzo; in parte, versandovi dentro un liquido con delle droghe. Poi, con un'aguzza pietra d'Etiopia, praticano nell'addome un'incisione, dalla quale estraggono tutti gli intestini e, dopo averli purificati e lavati con vino di palma, li trattano di nuovo con aromi pestati. Poi, riempita la cavità del ventre di mirra pura tritata, di cannella e degli altri aromi, tranne l'incenso, lo ricuciono. Fatto questo, disseccano il corpo, tenendolo coperto con nitro per settanta giorni: non devono lasciarcelo di più. Quando sono trascorsi i settanta giorni, lavato il cadavere, ne avvolgono tutto il corpo con strisce tagliate di un lenzuolo di bisso, spalmandole nella parte interna di gomma, che gli egiziani usano invece della colla. Quindi i parenti, dopo averlo ricevuto, fanno fare una bara di legno in forma umana, vi pongono dentro il morto e, così chiuso, lo custodiscono gelosamente in una camera sepolcrale, collocandolo diritto contro una parete." (Hist., II, 86)



L'imbalsamazione, che sempre secondo quanto Erodoto accenna, risalirebbe al dio Anubi imbalsamatore di Osiride e quindi inventore della tecnica, è stata praticata dagli egizi fino a circa il 700 d.C. e, secondo le stime di alcuni storici, in totale sarebbero stati imbalsamati circa 730 milioni di corpi, molti dei quali si trovano a tutt'oggi in buono stato di conservazione. In realtà questa descrizine riguarda il tipo più costoso di imbalsamazione; ne esistevano altri due, più economici, che riducevano il cadavere pelle e ossa. Dall'Africa e dall'Asia la pratica dell'imbalsamazione fu esportata in Europa, dove si diffuse a partire dal 500 d.C. circa. I metodi impiegati ci sono noti grazie alle descrizioni dei medici del tempo.

Dagli egizi, la pratica dell'imbalsamazione si diffuse ad altri popoli antichi, come gli assiri, gli ebrei, i persiani e gli sciti.
Per operare correttamente, cioè per trasformare la materia organica senza farla imputridire, bisogna rispettare condizioni specifiche di ventilazione e umidità. I procedimenti di imbalsamazione, o mummificazione, restano ovunque abbastanza simili: svuotamento del corpo, riempito poi di miscele di erbe e di altre sostanze chimiche in grado di bloccare i processi di decomposizione. I sistemi di imbalsamazione moderni si differenziano da quelli antichi per il tipo di sostanze chimiche usate e per il metodo: l'imbalsamazione non è pratica poi così remota se si pensa che nel XX secolo il corpo imbalsamato di Lenin era visitabile nel suo Mausoleo sulla Piazza Rossa, aperto al pubblico, proprio fuori le mura del Cremlino. Negli Stati Uniti e in Canada molti cadaveri vengono imbalsamati per essere seppelliti 'con comodo'. È la nuova forma rituale di elaborazione del lutto. Nella nostra civiltà le convenienze, le regole sociali, il progresso della medicina, l'ospedalizzazione (la morte in ospedale e non più nel proprio letto) hanno posto un divieto molto pesante sulla morte, fino a farla diventare interdetto, tabù. Soprattutto in società dove il 'pensare positivo' è sentito come un dovere così come l'evitare a qualsiasi costo argomenti tristi, la sottrazione/privazione di un periodo (necessario) di pianto, dolore o lutto finisce per provocare spesso forme di nevrosi e depressione. Per affrontare l'inaccettabile si cerca di renderlo softly: imbalsamato, con una parvenza di vita, il caro estinto resta ancora per qualche tempo in compagnia della famiglia e degli amici che vogliano salutarlo, esposto in bell'ordine, fra rasi e cuscini, la bara aperta a metà, nella funeral home, che provvede alla musica, celestiale, rasserenante. Lo spettacolo è interamente a beneficio dei vivi.



Inumazione, cremazione
Le ritualità del mondo antico, con le preoccupazioni per il cammino o la condizione del defunto presumono la credenza in una vita dopo la morte. Aggiungere al cadavere oggetti e cibi è un modo di consegnare un viatico per l'aldilà, di fornire i mezzi di aiuto per quell'altra forma di esistenza. L'intuizione di questa formulazione astratta la troviamo nel caso di cadaveri sepolti sotto il pavimento di casa: un modo economico per i parenti di risparmiare sulle offerte, dato che la vicinanza permetteva al defunto di partecipare ai pasti. L'usanza è archeologicamente provata nella fase preistorica della civiltà asianica di Siyalk I (neolitico, V millennio), II e III (eneolitico, IV millennio-inizi del III), a sud di Teheran. Il cadavere veniva seppellito a quindici-venti centimetri di profondità in posizione rannicchiata, raggomitolata, e le ossa ritrovate si presentano colorate di rosso, traccia dell'ossido di ferro con cui venivano cosparsi i corpi al momento dell'inumazione. La sepoltura rannicchiata, con il cadavere avvolto in pelli o bende e però già posto in un sarcofago ovoidale, è comune anche al periodo preistorico dell'Egitto.
In epoca storica, nelle stesse aree, i Magi, la casta sacerdotale dei Medi, soprintendevano agli uffici religiosi e alle cerimonie dei sovrani achemenidi. Non c'è sostanziale accordo fra le tradizioni dei due popoli, entrambi di origine indo-iranica, che praticavano la religione in modo differente. I magi costituivano una casta e una confraternita piuttosto isolata e privilegiata, praticavano il matrimonio fra consanguinei, avevano l'incarico di preparare l'haoma (la bevanda inebriante usata dai persiani durante le cerimonie religiose), mantenevano il fuoco sacro nei templi, ma soprattutto esponevano i cadaveri in modo che venissero scarnificati dagli uccelli da preda e dalle bestie feroci. I persiani, invece, usavano l'inumazione. Nella zona del Luristan sono state ritrovate delle tombe comuni con le ossa di diversi defunti che hanno fatto pensare all'inumazione in due fasi, quella appunto che praticavano i magi. Prima di divenire parte integrante dell'impero persiano, i magi, come altri popoli nordici e nomadi, esponevano i cadaveri all'aperto. Le prescrizioni dello zoroastrismo vietano di contaminare gli elementi sacri - terra, acqua, fuoco - con la presenza, cioè la decomposizione, dei cadaveri, perciò i morti vengono esposti su torri speciali o sulle montagne da dove poi le ossa scarnificate vengono raccolte e depositate in ossari scavati nella roccia o deposte in tombe in muratura. (2)



Un rito particolare distingue gli Hittiti dagli altri popoli dell'Oriente antico, la cremazione del re (dopo la morte, s'intende). Il rito ha una durata di alcuni giorni. Il primo giorno si accende la pira, poi:

"nel secondo giorno, al sorgere della luce, le donne vanno alla pira per raccogliere le ossa e estinguono il fuoco con dieci boccali di birra, dieci di vino e dieci di valhi. Un anfora di argento del peso di mezza mina e venti sicli è riempita di olio fino. Prendono quindi le ossa con una lappa d'argento e le pongono nell'olio fino nell'anfora d'argento; poi le tolgono dall'olio fino e le pongono su un lino gazzarnulli, sotto il quale è posta una tela fina. Finito che hanno di raccogliere le ossa, le avvolgono insieme col lino nella tela fina e le pongono su un seggio; se invece di tratta di una donna, le pongono su uno sgabello. Intorno alla pira su cui il morto è stato bruciato, mettono dodici pani; e sui pani mettono un pasticcio di grasso. Il fuoco è già spento con la birra e col vino. Di fronte al seggio su cui giacciono le ossa pongono una tavola e offrono pani caldi e pani dolci da spezzare. I cuochi e gli inservienti della tavola pongono appena possibile i vasi e appena possibile li tolgono. A tutti coloro che son venuti a raccogliere le ossa danno da mangiare." (3)

Non si può fare a meno di notare come la descrizione ricordi un po' quelli i roghi funebri di Patroclo e Ettore nell'Iliade. Del resto gli Hittiti occuparono l'Anatolia, quindi la vicinanza geografica è un fatto storico. Perdi più, si ritrovano somiglianze e perfino corrispondenze linguistiche fra la lingua hittita e il miceneo.

Due opposte strategie della morte
Conviene a questo proposito, seguendo il Vernant, fare una prima grande distinzione fra due opposte strategie della morte: l'Oriente, l'induismo in particolare, pratica la cremazione, mentre i le diverse civiltà che hanno costituito i regni mesopotamici sono accomunati dalla pratica dell'inumazione. Il destino del corpo è diametralmente opposto: conservazione e perpetuazione della memoria del defunto da un canto e dispersione completa dello stesso negli elementi della natura. In India, benché si possa pensare che la sovrappopolazione abbia consigliato alla contemporaneità di pepetuare questa usanza, già anticamente il cadavere veniva bruciato e le ceneri disperse nel fiume sacro. La cerimonia prevede la completa disintegrazione delle spoglie mortali: si deve smettere di esistere e non deve sopravvivere traccia dell'esistenza trascorsa. Svanire vuol dire reintegrarsi nel tutto e nel respiro del mondo.
Nel quadro di un religione che crede nella trasmigrazione e nel ciclo delle rinascite mantenere un corpo, per quanto morto, costituirebbe un impedimento al libero passaggio dello spirito migrante in cerca di liberazione definitiva dall'imbrigliamento della materialità. Con una significativa eccezione: colui che già in vita ha rinunciato a tutto, l'asceta, viene seppellito, nella posizione seduta della meditazione, con la testa rivolta verso l'alto (un tratto casulamente comune al cristianesimo, che prescrive lo sguardo verso il cielo e le mani giunte sul petto). Sopra questa sepoltura viene eretto un tumulo, che diverrà luogo santo di pellegrinaggio, inteso non come fondamento civico e sociale, ma puramente spirituale. Oggi la cremazione va diffondendosi presso di noi, anche promossa e sostenuta da organizzazioni che preferiscono lascaire la terra i vivi. Diversi sono gli atteggiamenti che ne motivano la scelta. La cremazione ha rappresentato a lungo una dissociazione dalle posizioni della chiesa, sostenitrice dell'inumazione. Eppure anche nelle società laiche occidentali sopravvivono delle resistenze: si avverte un distacco troppo definitivo, e il venir meno della necessità e della ragione del culto dei morti. Nella percezione comune il corpo che si decompone lentamente sottoterra mantiene una sua consistenza che le ceneri non trattengono più. I legami con la persona morta vengono meno definitivamente (per questo stesso motivo a volte la cremazione viene preferita!).



All'esatto opposto del continente indiano le civiltà del bacino dei grandi fiumi, che fino dall'antichità hanno praticato la sepoltura del corpo e la costruzione di un monumento che custodisca il cadavere e perpetui la memoria. La statua regale è il corpo immortale del sovrano, la sua materia divina innalzata nei templi o nei palazzi; mentre il suo corpo viene inumato con la testa rivolta verso l'alto.
Conservare il segno tangibile del morto, venerare gli antenati, trasmetterne il nome fa parte di una concezione della morte come passaggio (o cambiamento di stato) e l'atteggiamento adottato nei suoi confronti mira a porre un segno tangibile che faccia da confine netto fra i due mondi. Non ci deve essere mescolanza, che genererebbe caos e male. Il mondo dei vivi deve coltivare una relazione, mantenere un legame con i defunti, ma secondo un ordine sociale, nella razionale prospettiva dell'ordine e dell'armonia, cioè nella separazione netta delle sfere di appartenenza. Il culto domestico di Lari, Penati e antenati in genere è il cuore di questa antica prassi, del venerare i morti parentali con funzione protettiva da un lato e apotropaica verso gli spiriti maligni. Sempre all'interno di questa logica l'insepolto non trova pace e tormenta i vivi, perché non ha un posto dove stare, manca di collocazione. Alla stessa stregua, il vincitore che voglia umiliare il nemico, scoperchia le tombe, le profana, togliendo le radici alla stirpe dei vinti. Perché questo propriamente sono i propri morti, il legame con il passato, il fondamento della propria storia. Ecco perché se ne conserva il cadavere.



La morte eroica
I greci condividono in parte questa concezione 'fondativa' del genos, della stirpe che si perpetua nel tempo e in uno spazio, su un territorio. La sepoltura domestica è pratica comune in epoca preistorica. E in epoca storica nelle case viene previsto un spazio da dedicare al defunto, inumato come cenere (roghi collettivi per la gente comune destinata all'oblio). In mezzo va collocata l'epoca eroica, quella dell'epos omerico e della morte gloriosa. L'Iliade ci racconta del rogo funebre di Patroclo, anzi è l'eroe stesso, che dopo la sua morte appare come fantasma ad Achille e prescrive come dovrà procedere per dargli sepoltura:

Gli apparve l'ombra di Patroclo,
in tutto, statura, occhi, voce, simile a lui.
Portava un lungo vestito intorno al corpo.
Stette sul capo di lui e gli rivolse la parola:
"Tu dormi, ma di me ti sei dimenticato, Achille.
Tu non mi trascuravi quand'ero vivo:
ma mi trascur adesso che sono morto.
Seppelliscimi al più presto e io attraverserò le porte dell'Ade.
Lontano mi respingono gli spiriti, ombre di trapassati,
né mi consentono di unirmi a loro oltre il fiume.
Perciò vago fuori dalla casa di Ade. Dammi la mano. Io piango.
Non tornerò più dall'Ade quando avrete cremato il mio corpo.

E quindi raccomanda, per la philia che li legava, di seppellire insieme le ossa, in un'"anfora d'oro" (sophós è la cassa mortuaria, la bara), poiché anche Achille non gli sopravviverà a lungo. Viene allora allestita una pira gigantesca, di cento piedi, ma prima di porre sulla sommmità il cadavere, i compagni lo ricoprono con ciocche di capelli, e anche Achille recide la propria chioma dedicandola a Patroclo. Quindi si passa ai sacrifici, si squartano agnelli e buoi, e con il loro grasso si ricopre la salma. Vengono posti accanto al cadavere anche gli animali scuoiati e offerte di miele e olio, e vengono gettati sul fuoco cavalle e cani e dodici figli di nobili troiani (il dolore di Achille è spropositato, come la sua ira). I venti Borea e Zefiro arrivano per fare meglio ardere la pira e la mattina seguente tutto è consumato: la pira viene spenta col vino, le ossa bianche vengono raccolte in un'urna d'oro, spalmate di un doppio strato di grasso e avvolte in un sudario di lino. Infine viene disegnata la base circolare del tumulo attorno alla pira, si gettano le fondamenta e si accumula la terra. Quindi Achille indice i giochi.

La spedizione a Ilio aveva raccolto il fiore degli eroi greci, provenienti un po' da tutto il continente. I cadaveri di coloro che sono morti, caduti sul campo di battaglia non possono verosimilmente essere trasportati indietro attraverso il mare, fino alla propria città. In alternativa il trasporto delle ceneri, delle ossa, rende più pratico il ritorno in patria e la restituzione ai parenti. Se ciò non è possibile, si erge un cenotafio, un monumeto alla memoria, un sepolcro vuoto che trasmetta comunque il ricordo dell'eroe, che rappresenta il suo simulacro. Per la cultura greca un la memoria ha un ruolo fondamentale, la conservazione del ricordo, nel mnema funebre (tomba, stele con epigrafe, cenotafio), nel canto (portare con sé le ceneri o un ritratto è comportamento che si ritrova in alcuni migranti nei secoli passati).
E così il presidio, il segno monumentale sul territorio rende visibile quel legame che unisce il presente al passato, la base su cui il presente (la civiltà presente, l'intera sua cultura, tutto ciò che è e rappresenta) poggia e non potrebbe altrimenti, pena lo smarrimento, la scomparsa nel nulla del vuoto della memoria.



I Romani non fanno altro che riprendere questa concezione con maggiore sistematicità, permettendo sia l'inumazione che la cremazione del cadavere. In ogni caso fuori dalla città (extra pomerium), lontano dalle case, lungo le vie che si dipartono dalle porte cittadine. Ai lati della carreggiata, venivano sitemati epitaffi, ciascuno recante una iscrizione funeraria, talvolta ammicante o arguta, che descriveva la personalità del morto, offrendo così - oltre che una specie di documento di identità - un piccolo svago, un breve lettura al viandante o a chiunque passasse di là. Così un folla di morti cercava di farsi ricordare, intrattenendo il passante, lasciando un piccolo ricordo. Così praticamente tutti, o quasi, potevano avere una tomba, lasciare un ricordo di sé. L'epoca romana ci ha anche lasciato una innumerevole quantità di ritratti, conservati in particolare nella zona desertica, dal clima secco e asciutto, del Fayyum: sono volti di morti, giovani, dallo sguardo vivo ma perso in una loro fissità fuori dal tempo. Hanno tratti realistici, vivida espressività, raramente mostrano i segni dell'età. Derivano dall'uso di farsi fare un ritratto con cui ornare la sepoltura, predisponendo in anticipo ogni cosa per la propria morte (e del resto l'aspettativa di vita non era paragonabile a quella odierna).

Catacombe
La preferenza data all'inumazione (nell'aspettativa della resurrezione) indusse i cristiani dei primi secoli a scavare sottoterra dei cimiteri dove conservare innanzitutto le reliquie dei martiri. Differenziando il tipo di sepoltura, i cristiani da un canto prendevano le distanze dal paganesimo e dall'altro seguivano la dottrina della resurrezione dei morti. La catacomba unisce questi vantaggi a quelli di economicità, e spazio (poiché i cristiani non ammettevano di riutilizzare le sepolture per far posto ad altre). Questi antichi cimiteri sotterranei (esistono anche catacombe giudaiche), scavati e utilizzati dal II al V secolo d.C. erano collocati fuori dalle mura della città, lungo le grandi vie consolari e, generalmente, nella immediata area suburbana e venivano talora utilizzati per celebrare i riti funebri. Inizialmente utilizzati solo con funzione di luoghi di sepoltura, divennero in seguito veri e propri santuari, centri di devozione e pellegrinaggio. Nelle catacombe i cristiani hanno così trovato un luogo di appartenenza comunitario anche dopo la morte.

Morire ad sanctos
Ma la devozione popolare per i martiri dei primi secoli del cristianesimo ha dato luogo anche alla raccolta dei corpi 'in superficie', con lo stesso carattere di confusione dei morti in una massa indistinta e senza identità. Le sepolture di alcuni martiri danno origine a basiliche suburbane che diventano polo d'attrazione dei fedeli, in vita e dopo la morte. Benché il cristianesimo primitivo non ammettesse tale usanza, attorno all'abside andavano accumulandosi quantità a volte impressionanti di sarcofagi, addossati gli uni agli altri, in cerca di contiguità con il santo, dispensatore di benedizione e protezione delle spoglie mortali. Perciò viene chiamata sepoltura ad sanctos: scopo del fedele è assicurarsi, grazie alla vicinanza, un poco di quella gloria e parte della virtù di quei grandi uomini beati. L'antico cimitero designa perciò uno spazio ampio, la chiesa, il campanile e il cortile, l'atrio, il chiostro. Periodicamente le ossa venivano rimosse per far posto a nuove sepolture. Alla fine del Medioevo i porticati che correvano lungo il cortile della chiesa erano sormontati da ossari: ogni devoto aspirava ad avere un posticino nel perimetro nelle mura, negli ossari sopra le arcate.
Viene poi un momento in cui si perde la distinzione fra extra e intra urbem. Le prime basiliche con questo tipo di sepolture si trovavano fuori città, ma dal VI secolo si diffonde tale pratica anche nelle cattedrali cittadine: riportando i cadaveri all'interno della città, si inverte una tendenza invalsa da secoli. Alti prelati, vescovi e personalità ebbero così sepoltura dentro la chiesa stessa, sotto le lastre del pavimento.
I poveri resti di morte secca, pezzi smembrati di scheletri, ossa, appunto, sono talora state composte artisticamente in camere o ornamenti. Il gusto barocco e macabro del memento mori ha creato arredamenti e iconografie che si possono vedere da Roma, nella chiesa dei Cappuccini, fino a Evora, in Portogallo, nella Capela dos Ossos (ossa e teschi umani di circa cinquemila persona raccolte dai frasti francescani che nel XVII secolo passavano in rassegna i cimiteri sovraffollati di chiese e conventi). Sono le ossa dei poveri, tratte dalle fosse comuni dove venivano poste cucite in un sudario, senza bara, oppure le ossa dei monaci stessi, riesumate anch'esse a tempo debito. Il fatto che il cadavere appartenesse alla chiesa e non dovesse avere un posto tutto suo, da conservare nel tempo e riconoscibile, ha motivato questo riuso.

Però con la Controriforma si definisce lo sprezzo per le spoglie mortali; l'accento è posto sull'operare, sulla devozione di carattere spirituale, e non importa poi molto dove e come vengano sistemati i cadaveri: si apre così una frattura fra la chiesa e il cimitero, che diventano entità distinte Il processo di laicizzazione fa sì che nel cimitero vengano ammessi pure i corpi degli scomunicati o quanti la chiesa abbia rifiutato.



Il giorno dei morti
In seguito si è cominciato a percepire nuovamente il senso di appartenenza che i morti sanno dare. Patriottismo e legame con le proprie radici sono tornati in primo piano, recuperando così un senso antichissimo del culto degli avi.
I cari morti allora cominciano a reclamare una propria identità singolare, una fisionomia caratteristica. Le cappelle laterali delle chiese dapprima e poi le cappelle di famiglia hanno soddisfatto questo bisogno, designando la dimora definitiva di una intero clan familiare, che nella cappella individua la 'vera casa'. Il fenomeno diviene popolare nel XIX secolo, estendendosi a tutte le classi sociali. È il risultato di un fenomeno che, con segno opposto, prende avvio a metà del Settecento, quando, grazie ai progressi della medicina, si comincia a discutere della effettiva igienicità dei cimiteri che con i loro miasmi parevano essere la causa di epidemie e e infezioni. Di pari passo avanza l'interesse per i cadaveri, oggetto di studio e appassionata dissezione. A Parigi, per esempio, viene decisa la distruzione dei vecchi cimiteri intra muros e la creazione delle necropoli come il Père Lachaise: fra il 1785 eil 1787 vengono aperte le fosse comuni dell'antico cimitero degli Innocenti e oltre ventimila cadaveri vengono spostati nelle cave di Parigi, battezzate allora 'catacombe'. Quando però la città si ingrandisce fino a inglobare anche queste nuove necropoli, Haussmann propone di raderle nuovamente al suolo e spostare ancora più lontano le sepolture (a Méry-sur-Oise). La popolazione si ribella all'idea, i positivisti esprimono compiutamente questo rifiuto: il morti e la loro presenza sono considerati alla stregua di numi tutelari, il culto dei morti è il fondamento delle istituzioni umane, la civiltà, l'aggregazione sociale e quindi la città si fondano sulla religione dei morti. Nell'arco di un secolo in Francia si è verificata una completa inversione di tendenza, formulando una concezione che a tutt'oggi resta condivisa. Il culto delle tombe si assesta come culto laico, condivisibile da tutti, credenti e non. (4)
Di valore simbolico resta in questo senso l'editto napoleonico di Saint-Cloud del 12 giugno 1804, emanato in Francia ed esteso in Italia nel 1805, che decretava un'anonima sepoltura per tutti i defunti, a prescindere dallo stato sociale, in pubblici cimiteri, fuori delle città, con lapidi tutte uguali, senza titoli e sottoposte a censura. Con I Sepolcri, Foscolo ha dato forma al sentimento patriottico e civile sulla questione.



La tomba a doppio spiovente va fatta risalire agli indo-iranici, le popolazioni indoeuropee che invadono l'Altopiano iranico all'inizio del I millennio, nell'ambito di quel gigantesco sommovimento di popoli che modifica l'assetto delle civiltà del mondo antico. Questo tipo di tomba - di cui esempio unico e anomalo la tomba di Ciro a Pasargade - riproduce le abitazioni nordiche, fa pensare ad urne funerarie a forma di casa. Normalmente si riscontra un monticello di terra protetto da pesanti lastre di pietra o terracotta posate in modo da dare la forma di una casa con il tetto a doppio spiovente. Diversamente da Ciro, i sovrani achemenidi vennero sepolti entro monumentali tombe rupestri (tomba di Da u Duhtar, presso Fahlian nel Fars; tomba di Dario a Naqs-i-Rustam).
(4) da H. Otten, Hethitische Totenrituale, Berlino, 1958 in S. Moscati, Antichi imperi d'Oriente, Il Saggiatore, 1963.
(5) Sul seppellire: Saggio intorno al luogo del seppellire di Scipione Piattoli, I Cimiteri di G.B. Giovio oppure i Pensieri Notturni di Edward Young, le Meditazioni sulle tombe e le Contemplazioni di Giacomo Hervey, l'Elegia scritta in un cimitero di campagna di Thomas Gray.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:35 pm
Oggetto:
I METODI DI IMBALSAMAZIONE NELL'ANTICO EGITTO

Alcuni popoli del passato erano convinti che solo mantenendo intatto il corpo ci fosse la possibilità di raggiungere la vita ultraterrena.
Nel famoso "Libro dei morti", che giunge a noi dall'antico Egitto, troviamo le invocazioni al dio Osiride per preservare il corpo e dargli l'immortalità.
Tali preghiere erano associate ad azioni ben precise che si basavano soprattutto nell'asportazione delle viscere, nella disidratazione del corpo e nell'impregnare il cadavere di resine e sostanze varie per preservarlo dall'inevitabile corrosione.
I metodi di imbalsamazione erano tre.
Il più costoso, riservato alle ricche famiglie dei faraoni, consisteva nell'estrarre il cervello attraverso le narici del defunto con un uncino, con una pietra tagliente si praticava un taglio lungo l'addome, si tiravano fuori gli intestini e veniva ripulito.
Quando si trattava proprio del corpo di un faraone, lo stomaco, i polmoni, il fegato e l'intestino venivano messi nei famosi vasi chiamati "Canopi", mentre il cuore veniva successivamente rimesso al suo posto.
Dopo di ciò il corpo veniva purgavato con vino di palme e con aromi in polvere.
Il ventre veniva riempito di mirra pura tritata, di cassia e di altre sostanze e quindi ricucito. Fatto questo veniva immerso nel nitro per settanta giorni.
Trascorso questo periodo veniva tolto dal nitro e una volta lavato lo avvolgevano con strisce tagliate da una tela di bisso spalmate con gomma, usata dagli Egiziani al posto della colla.
Ai parenti veniva quindi consegnato il corpo imbalsamato che veniva adagiato in una forma di legno lavorata a figura umana e dopo averlo sigillato in questo sarcofago, veniva conservato in una camera sepolcrale, posto in piedi contro il muro.
Il secondo metodo era meno costoso e si procedeva utilizzando delle siringhe di olio di cedro con cui si riempiva il ventre del cadavere, senza tagliarlo e senza procedere all'asportazione degli intestini, ma introducendolo attraverso l'ano ed evitando al flusso di tornare indietro.
Poi si metteva il corpo nel nitro per il periodo prefissato e infine si faceva uscire dal ventre l'olio di cedro che portava via con se gli intestini e i visceri macerati.
Le carni erano state consumate dal nitro, così del cadavere rimaneva solo la pelle e le ossa.
Alla fine il corpo veniva consegnato ai parenti sensa ulteriori lavorazioni.
Il terzo sistema il più economico serviva per imbalsamare i poveri; si ripuliva il ventre con una purga, veniva messo sotto nitro per settanta giorni e infine consegnato.
I corpi delle mogli dei notabili e le donne belle ed importanti, non venivano date subito il decesso in mano all'imbalsamatore, si preferiva attendere tre o quattro giorni per evitare che gli imbalsamatori le violentassero.
Qualche imbalsamatore era stato infatti sorpreso mentre violentava un cadavere fresco di donna.



I METODI NATURALI DI MUMMIFICAZIONE

Anche il caldo può conservare un cadavere,
ma a condizione che serva ad eliminare l'acqua.
Un esempio è dato dalle mummie predinastiche
egiziane che sepolte sotto le calde sabbie del
deserto si sono conservate abbastanza bene,
senza alcun intervento artificiale.
Anche l'affumicamento è un metodo efficace e
l'azione del fumo caldo ha dato fin dai tempi
antichi ottimi risultati.
Il freddo è anche un efficace metodo di conser-
vazione e molti sono i ritrovamenti di corpi che
sono giunti fino a noi quasi intatti, grazie alle
bassissime temperature, clima secco e altri fattori
favorevoli.
In particolari condizioni, i corpi immersi in
paludi o sepolti in terreni umidi, possono subire
un processo naturale di conservazione
denominato "Saponificazione" che preserva il
corpo dagli attacchi dei microrganismi e dei batteri
evitandone la putrefazione.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:35 pm
Oggetto:
gatti mummificati di Flinders Petrie



Nel 1952, nel Museo di Storia Naturale di Londra, fu ritrovata una cesta piena di oggetti provenienti dall’Egitto.
All’interno 192 gatti mummificati risalenti dal IV al II secolo a.C., sette manguste, tre cani ed una volpe.
Ritrovate durante degli scavi a Giza erano state donate al museo nel 1907 da Flinders Petrie, purtroppo non erano accompagnate da nessuna informazione circa la provenienza esatta.
Scoperta molto importante in quanto faceva luce sul ruolo e sull’ascendenza che il gatto aveva nella società egizia.
Nel IV secolo a.C. i gatti erano apprezzati probabilmente perché erano abili cacciatori di roditori che infestavano i magazzini di granaglie.
Entrarono poi a far parte del culto religioso.
Bubasti, nel delta del Nilo, era il centro più importante del culto della dea Bastet, rappresentata sia come gatta, sia come donna con la testa di gatta.
Nella seconda metà del XIX secolo, le catacombe di Bubasti restituirono centinaia di migliaia di gatti mummificati.
Ricerche zoologiche rivelarono che delle 192 mummie, tre erano più grandi delle altre; erano i resti di gatti nella giungla (Felis chans), le altre 189 erano simili al comune gatto selvatico africano o gatto egiziano delle sabbie (Felis libica).
Una via di mezzo tra il gatto selvatico africano e l’attuale gatto domestico.
Lo studio delle mummie, ha inoltre cambiato un certo numero di credenze sul ruolo del gatto nella società egizia.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:36 pm
Oggetto:
La medicina nell'Antico Egitto

All'interno della medicina egizia si potevano distinguere due diversi filoni: quello magico-religioso, che comprendeva elementi molto primitivi, e quello empirico-razionale, basato sull'esperienza e l'osservazione, privo di componenti mistiche.


I medici dell'antico Egitto erano numerosi, per questo motivo ognuno di loro si occupava quasi esclusivamente delle malattie che meglio conosceva.

I medici ordinari erano affiancati dai professionisti di grado superiore, da ispettori e da sovrintendenti.
Ad assisterli era del personale paramedico di sesso maschile.

Essi dovevano le loro conoscenze anatomiche all'osservazione degli animali durante il macello e non all'imbalsamazione del defunto che era riservata ai sacerdoti devoti ad Anubi perciò loro conoscenza dell'anatomia ossia del tipo, della struttura e della disposizione degli organi, era modesta e, di conseguenza, anche le procedure chirurgiche erano molto limitate: una pratica di antica tradizione e ancora largamente applicata era la trapanazione, ossia la perforazione del cranio allo scopo di curare cefalee e disturbi mentali.

Il cuore era considerato sede delle emozioni e dell'intelletto.

Il benessere del corpo si doveva, a loro avviso, allo scorrimento dei suoi liquidi nei metu, i vasi che lo attraversavano se uno di questi vasi si ostruiva si manifestava la malattia.

La polmonite e la tubercolosi erano tra le malattie più diffuse a causa dell'inalazione di sabbia o di fumo dei focolari domestici. Le malattie parassitarie erano altrettanto comuni a causa della mancanza di igiene. Le comuni malattie erano solitamente curate dai medici con il metodo empirico-razionale, grazie soprattutto al fatto che questi organi sono direttamente accessibili; i disturbi di altre parti del corpo venivano, invece, curati da stregoni con magie e incantesimi.

Durante la terza dinastia il medico iniziò a distinguersi come figura, sia pure primitiva, di scienziato, diversa dallo stregone e dal sacerdote. Il primo medico egizio il cui nome è giunto fino a noi è Imhotep (vissuto intorno al 2725 a.C.), famoso anche come costruttore di piramidi e come astrologo.
Solitamente il medico trascorreva nelle scuole dei templi anni di duro addestramento, in modo da apprendere l'arte dell'interrogazione del malato, della sua ispezione e della palpazione (esame del corpo effettuato tastando con le mani la superficie corporea).

La farmacopea del tempo includeva sostanze medicinali vegetali: era comune l'uso di lassativi come fichi datteri e olio di ricino l'acido tannico, derivato principalmente dalla noce di galla, era considerato utile nel trattamento delle ustioni

Gli attrezzi più comuni di un medico erano: pinze, coltelli, fili di sutura, schegge, trapani e ponti dentari.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:36 pm
Oggetto:
GLI ANTICHI EGIZIANI AMAVANO I LORO ANIMALI MORTI
Per la maggior parte delle persone, le mummie egiziane non sono altro che faraoni morti avvolti in bendaggi di lino, seppelliti nelle piramidi all’esterno del Cairo. In realtà, virtualmente, ognuno nell’antico Egitto, se poteva affrontarlo – circa 70 milioni di persone in oltre 3,000 anni – si sottoponeva, dopo la morte, ad un elaborato processo di mummificazione della durata di due mesi.

Inoltre, milioni di animali venivano mummificati e sepolti accanto ai loro proprietari. Erano parte della tradizione, come uno status symbol, un po’ come le grandi corone di fiori ai funerali odierni. “Nel 1,800, letteralmente tonnellate di essi furono scavate da sepolcri delle antiche e nuove dinastie” ha dichiarato Richard Sabin, curatore al Museo di Storia Naturale di Londra. Così tante, nei fatti, che Sabin cominciò a sospettare che alcuni di essi potessero essere stati prodotti in scala industriale per la vendita.

“Usavano bendare qualsiasi cosa gli passasse per le mani” ha dichiarato Sabin, inclusi gatti, uccelli, antilopi, e perfino scorte vive.

Come i fiori di oggi, è probabile che fossero venduti al mercato. L’evidenza più convincente, ha dichiarato Sabin, sono i falsi rivelati ai raggi-X. All’esterno, queste strane mummie sono involte come animali; sull’interno contenevano però solo canne, sabbia o altri materiali senza valore.

Come parte di una mostra di animali mummificati, Sabin ha analizzato i relativamente pochi specimen sopravvissuti. Ha trovato che gli scheletri di gatti bendati erano molto più grossi di quelli dei moderni gatti domestici. “Potrebbe essere che questi gatti fossero nutriti per essere più grandi, e creare mummie più impressionanti, e più vendibili” ha dichiarato Sabin. Se così fosse, potrebbe perfino suggerire che i gatti furono i primi animali domestici ad essere sacrificati.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:37 pm
Oggetto:
DEI UCCELLI

Lo spettacolo più grandioso apparso all’uomo fin da sempre è stato il cielo stellato, tanto che probabilmente l’astronomia può essere considerata la prima scienza della storia. Le spiegazioni dei fenomeni naturali, e quindi anche dei fenomeni astronomici, per i popoli antichi si confondevano con la religione e la mitologia: niente di più facile, infatti, considerare il Sole e la Luna come manifestazioni visibili di dei e le stelle come immagini meno palesi di eroi, animali od oggetti di uso più o meno quotidiano.

Nella maggior parte dei casi le stelle di una costellazione non hanno tra loro alcuna connessione reale, la loro distanza dalla Terra può essere notevolmente diversa ed è per semplice coincidenza che formano una specie di disegno ai nostri occhi. Le costellazioni moderne derivano da un elenco di 48, riconosciute dall’astronomo greco Tolomeo nel 150 a.C., elenco ampliato oggi a 88. Tra queste appaiono alcune rappresentazioni di uccelli, precisamente otto, delle quali solo quattro sono proprie dell’emisfero boreale: Aquila, Cigno, Colomba, Corvo (uccelli che da tempi remoti occupano un importante posto nella simbologia e nelle leggende).

Il re degli uccelli, l’Aquila, è presente in scritti antichissimi e sempre sotto valenze positive. Un testo babilonese, purtroppo conservatosi solo in forma frammentaria, narra dell’ascensione al cielo, alla ricerca della pianta della nascita, del re Etana sorretto da un’aquila. Sulle vetrate gotiche è dipinta mentre porta in alto i suoi piccoli, che ancora non sono in grado di volare, per insegnare loro a guardare la luce del Sole. Nella mitologia gallese l’aquila è legata a Lleu Llaw Gyffes, il dio della luce che prese tale forma per sfuggire all’imboscata tesagli dall’amante della moglie. Simbolo dell’Evangelista Giovanni e attributo abituale del profeta Elia asceso al cielo e del Cristo risorto, l’aquila mantiene nell’iconografia cristiana solo significati positivi (forza, rinnovamento, contemplazione, perspicacia, natura maestosa), che corrispondono a quelli che erano considerati gli attributi di Giove, il cui animale simbolo era appunto un’aquila.

La costellazione dell’Aquila, che risale all’antichità, si trova nella Via Lattea ed è una regione abbondante di novae (stelle vecchie che manifestano improvvisi e cospicui aumenti di luminosità, fino a 10.000 volte). La stella più brillante di Aquila, Altair, una stella bianca distante 16,1 anni luce, costituisce uno dei vertici del cosiddetto Triangolo Estivo, visibilissimo sopra le nostre teste appunto nei mesi estivi.



Il Cigno nell’antichità fu un importante simbolo animale. Il suo collo flessuoso e il piumaggio bianco ne hanno fatto l’immagine della purezza, ed è in questa forma che Giove sedusse l’innocente Leda.
È interessante che Omero ne lodi il canto, poiché i cigni erano pressoché sconosciuti nei paesi mediterranei e quelli in grado di cantare comparivano soltanto al Nord.
La mitologia irlandese abbonda di storie di cigni magici, i quali trascorrono parte della loro vita come uccelli e parte come fanciulle: la splendida storia d’amore di Oenghus e di Caer, le origini particolari di Cœ Chulainn e la fuga in volo degli amanti Midhir ed ƒtain contengono descrizioni di cigni magici che portavano catene d’oro e d’argento, evidentemente marchi della loro condizione soprannaturale. Una singolare valutazione negativa del cigno fu espressa nei bestiari medioevali, dove si sottolinea che l’animale, in contrapposizione con il suo candido piumaggio, ha carni completamente nere, raffigurando un’immagine di ipocrisia.

Cygnus rappresenta un cigno che spicca il volo dalla Via Lattea, la cui stella più brillante, Deneb, la coda, una supergigante bianco-azzurra distante 1800 anni luce, è uno dei vertici del già citato Triangolo Estivo, insieme con Altair dell’Aquila e Vega della Lira. Si trova in una regione particolarmente ricca della Via Lattea che, nelle notti buie, si può vedere divisa in due da una banda di polveri scure, chiamata Sacco di Carbone boreale o Fenditura del Cigno. In questa costellazione estiva si trovano alcuni tra gli oggetti più affascinanti, fra i quali una sorgente di raggi X, Cygnus X-1, che si pensa indichi la posizione di un buco nero e si trova nei pressi di h Cygni, e le nebulose Nordamerica, nube di gas luminoso di forma simile a quella del continente nordamericano e l’eterea nebulosa Velo.

Al Corvo si pensa in modo prevalentemente negativo, più di rado viene stimato per la sua docilità. Nei miti celtici i corvi, come mangiatori di carogne e con le loro piume nere, erano particolarmente legati alla morte e, con le loro “voci”, furono associati alle profezie. Si narra che le sue piume, originariamente bianche, furono oscurate dal dio Apollo adirato con un corvo portatore della notizia che l’amata Coronide gli fosse stata infedele. Il primo Cristianesimo rinfacciava al corvo di non avere informato Noè della fine del diluvio, diventando il simbolo di chi, dominato da smanie mondane, rinvia la propria conversione, ed esclama come il corvo cras, cras cioè “domani, domani”.

L’origine di questa debole costellazione risale al tempo dei Greci; nelle sue vicinanze, proprio al confine tra Corvus e Virgo, si trova la Galassia Sombrero, M 104, a spirale con un grande nucleo e una densa banda di polvere che la fanno assomigliare appunto ad un sombrero.



La Colomba, a partire dalle culture antiche, è un importante animale simbolico. Il carattere pacifico e delicato attribuito a questo uccello (in contrasto con il suo reale comportamento), ne ha fatto l’essenza della mitezza e dell’amore, e a volte del timore e della loquacità. Veniva contrapposta all’aquila e al corvo. Gli scultori medioevali la rappresentavano nelle cattedrali gotiche in associazione all’anima e come simbolo specifico dello Spirito Santo. L’istinto che l’aiuta a ritrovare il nido fu sfruttato per portare messaggi fin dall’antichità, in Egitto e in Cina.La costellazione rappresenta la colomba dell’arca di Noè, oppure la colomba mandata innanzi dagli Argonauti per passare incolumi tra le Simplegadi, le rocce mobili alla porta del Mar Nero.

È una costellazione recente, essendo stata inclusa nell’elenco solo nel 1679 e non contiene alcun oggetto interessante per i telescopi dei dilettanti.

Il Tedesco Johann Bayer introdusse dodici nuove costellazioni nel 1603 per sistemare le stelle dell’emisfero australe altrimenti non raggruppate e fra queste appaiono il Tucano, il Pavone, la Gru e l’Uccello del Paradiso.

Il Tucano, considerato il vero pagliaccio fra la gente alata, non può passare inosservato con i suoi colori vivaci ed il becco enorme; a riprova di ciò, furono tra i primi animali esotici che i conquistadores riportarono dal Nuovo Mondo come rare curiosità e in seguito, imbalsamati, fecero bella mostra di sé nelle Wunderkammen di tutta Europa. Secondo una leggenda creola, il tucano sarebbe un uccello estremamente religioso; per bere infatti è costretto ad immergere la punta del becco in acqua per poi scuoterlo in aria, mimando rozzamente il segno della croce.

Tucano è una costellazione vicino al polo sud celeste; i suoi oggetti più notevoli sono la piccola Nube di Magellano e l’ammasso globulare noto come 47 Tucanae.

Il Pavone, originario dell’India, era ritenuto in tutto l’Oriente, per il pomposo dispiegarsi a forma di ruota delle penne della sua coda, un simbolo del Cosmo o del Sole. Nel mondo occidentale era innanzi tutto il distruttore di serpenti, e si spiegavano i colori cangianti delle penne della coda con la capacità di tramutare il veleno in sostanza solare, mentre gli occhi erano considerati simbolo dell’onniscienza di Dio, ma a partire dal Medioevo fino a giungere ai giorni nostri, il pavone simboleggia la boria, il lusso e l’alterigia. Questa dualità si ritrova anche nel contesto iconografico dell’alchimia, in quanto la coda del pavone (cauda pavonis) in alcuni testi è il segno visibile del processo per cui sostanze vili si tramutano in sostanze superiori, in altri simboleggia invece il fallimento di un processo che lascia dietro di sé solo scorie (caput mortuum).

All’interno della costellazione del Pavone si può osservare, con un binocolo, il grande ammasso globulare NGC 6752 che copre quasi metà del diametro apparente della Luna.

L’Uccello del Paradiso in epoca barocca era simbolo di vicinanza a Dio e distacco dal mondo. Il suo antico nome, Paradisea apoda (cioè senza zampe) è dovuto al fatto che gli esemplari catturati venivano affumicati senza piedi e senza ossa e in questo modo giungevano in Europa, dove venivano ammirati con il nome di silfi, spiriti dell’aria, che si nutrivano di rugiada e rimanevano per tutta la vita sospesi nell’aria, lontani dall’impura terra. Solo nel XIX secolo, la ricerca zoologica eliminò questa credenza tanto misteriosa quanto assurda.

L’uccello del paradiso è una debolissima costellazione vicina al polo sud celeste senza oggetti particolarmente interessanti.

La gru, anticamente, era ammirata per la sua presunta capacità di volare senza mai stancarsi, e le sue ali servivano come amuleti contro la stanchezza. In Cina è un’immagine di longevità e della relazione tra padre e figlio, poiché il piccolo della gru risponde al grido dei genitori. Ritenuta, a seconda dei paesi, simbolo di saggezza o, al contrario, di falsità e malvagità, nel 1600 in Europa si leggeva: « ...di notte la gru un sassolino in gola/tiene prudentemente per non cadere inavvertitamente nel sonno» incarnando così il simbolo della vigilanza.

Nella Gru, le stelle d e m Gruis sono due bellissime doppie visibili a occhio nudo.

Per terminare si può fare riferimento ad un esemplare mitologico, la Fenice, l’uccello che risorge dalle proprie ceneri.

Si tratta di una insignificante costellazione introdotta sempre da Bayer nel 1603 in un’area che era nota agli arabi come la Barca, ormeggiata sulle rive del fiume Eridanus; in seguito questa figura venne interpretata come un’aquila o un grifone, sicché l’associazione di quest’area con un uccello era ben stabilita ai tempi di Bayer.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:37 pm
Oggetto:
La mitologia dell'antico Egitto è costantemente volta a spiegare l'interdipendenza tra il mondo invisibile e quello indivisibile; ma lo fa in modo tutt'altro che lineare e di facile interpretazione: vuoi per la fioritura di immagini sconcertanti e giochi di parole, vuoi per l'intersecarsi di racconti di provenienza cronologica e geografica diversa. Le innumerevoli varianti sono però in gran parte riconducibili alle complesse cosmogonie elaborate dalla classe sacerdotale nelle città di maggiore rilevanza politico-religiosa: Eliopoli, Ermopoli e Menfi', centri cultuali rispettivamente di Ra, Thot e Ptah.
I primi riferimenti alla teogonia eliopolita si trovano nei Testi delle Piramidi, risalenti all'Antico Regno; i Testi dei Sarcofagi, riportabili al MeDio Regno, presentano la versione ermopolita, mentre un reperto dell'Età Tarda, la Pietra di Shabaka, probabile copia di una precedente fonte del Nuovo Regno, delinea il pensiero teologico menfita.
I miti delle origini si sviluppano così attraverso l'intero arco della storia dell'antico Egitto e, in una sorta di evoluzione concettuale, focalizzano tre momenti successivi della creazione.

Il racconto eliopolita si concentra sugli eventi spirituali che precedono la nascita del cosmo

Ad Ermopoli viene sottolineato il convogliarsi dell'energia divina verso il mondo, nel passaggio dall'invisibile al visibile

Mentre l'incarnazione dello spirito nella materia costituisce il nucleo della cosmogonia menfita

Nella visione dei primordi messa a punto a Eliopoli non esistono forme distinte: tutto si fonde in Nun, il mare sconfinato preesistente allo spazio e al tempo, al sopra e al sotto, al prima e al dopo, alle divinità e al mondo.
Nun è un'entità inconoscibile, è l'abisso vuoto, in cui pure Iside allo stato potenziale ogni energia vitale: perché nelle sue acque profonde si annida Atum, il principio dal quale scaturisce la vita e hanno inizio l'evoluzione e il mutamento, in un processo attivo di auto-generazione, che implica la creazione del cosmo.
Il Dio crea se stesso emergendo dall'acqua come Collina Primordiale, su cui si radica una canna. Su quella, uscendo dalle tenebre circostanti, si posa l'uccello radiante luce, forma primigenia di Ra. Allora Atum, il grande androgino, si abbandona all'impulso creativo e, masturbandosi o espettorando, genera Shu, lo Spazio, e Tefnut, l'Umidità. Dall'Uno deriva così la coppia, la cui potenza creatrice sta nella differenza sessuale. Dall'unione di Shu e di Tefnut nascono, stretti in un amplesso amoroso, Nut, la Dea Cielo, e Geb, il Dio Terra impersonante l'Egitto, attraverso il quale si stabilisce il collegamento con il trono del faraone. Ma l'universo è ancora invisibile.
Nelle raffigurazioni di personaggi e situazioni mitologiche relative a questo momento, i tratti con cui ciascuna divinità viene caratterizzata ne estrinsecano semplicemente le peculiarità: lo stato mitologico primigenio è totalmente spirituale.
La fase successiva, la creazione del mondo visibile, avviene attraverso un atto non di generazione, ma di separazione: Shu divide i due amanti, creando le condizioni perché l'essenza immateriale assuma una forma esteriore. A ciascuno dei quattro figli di Nut e di Geb è assegnata una zona del cosmo: Osiride viene associato alla Luna, Iside è identificata con Sirio, Seth è apparentato con l'Orsa Maggiore, e Nefti posizionata nel cielo oltre l'orizzonte'. Tra i corpi astrali Atum-Ra, assimilato al Sole, rappresenta il potere concentrato del regno celeste.
Dal momento in cui si inseriscono nel Cielo, gli Déi appaiono dotati di consistenza corporea, e il mondo sottostante prende vita come entità autonoma.
Le divinità che presiedono al pantheon eliopolita, raggiunto il numero sacro di nove, iniziano a muoversi in uno spazio-tempo comprensibile all'uomo; le loro complesse e drammatiche vicende hanno per sfondo lo scenario terreno ed entrano a far parte del mito della trasmissione della regalità: prima di divenire Signore dell'Oltretomba, Osiride è infatti sovrano d'Egitto.
Se la sua morte e la sua rinascita sono simbolo dell'avvicendarsi delle stagioni, delle piene del Nilo, della crescita dei cereali, e la sua successiva funzione di giudice è per l'uomo pegno dell'esistenza di una vita ultraterrena, l'incoronazione di suo figlio Horus rappresenta la successione ereditaria nelle dinastie dei faraoni, chiamati Figli del Sole già 2.500 anni prima di Cristo.
La tradizione mitica non è dunque rievocazione statica d’eventi remoti rielaborati dalla fantasia, ma rappresenta piuttosto un elemento attivo da un lato nell'organizzazione politica e sociale, dall'altro nel confronto individuale con il mistero della vita e della morte.
Ra, nel duplice aspetto di Atum resosi visibile e di Atum creatore, non è più protagonista indiscusso degli eventi dei primordi a Ermopoli, dove tutto ruota attorno a Thot, Dio della sapienza e maestro della scienza dei geroglifici, il quale presiede alla pesatura del cuore dei defunti e impegna in ben definite sfere d'azione gli otto Déi antecedenti l'universo creato, che rappresentano le varie qualità dell'invisibile.
Nuotando sotto la sua guida nelle acque primordiali, le quattro coppie dell'Ogdoade si fondono assieme per formare il grande “Uovo Cosmico”; in figura di ibis sacro, Thot spezza il guscio, da cui esce Ra, l'uccello di luce`.
La natura demiurgica del Dio si manifesta nella funzione di Signore della Luna. Come Dio-Luna, che, riflettendo la luce solare, rappresenta un regno intermeDio tra il mondo e il sovrastante cielo, regola e ordina l'universo, conta le stelle, misura la terra, instaura nel cosmo l'equilibrio dell'armonica proporzione.
Il mito ermopolita sottolinea infatti la necessità di contenere l'azione creativa entro i limiti di un insieme ordinato, costruito sulla misura e sul numero.
Mentre le cosmologie elaborate a Eliopoli ed Ermopoli partono dalla combinazione di elementi fisici, nella tradizione di Menfi -volta ad inglobare le altre teologie in un più elevato sistema a dimensione spirituale- il creatore crea se stesso attraverso il pensiero e la parola.
Il ruolo più importante è quello di Ptah, associato alla Terra. Egli crea con la voce: è il cuore e la lingua di Ra, la mente divina che Plutarco definirà “il Dio più simile al Logos.
Atum-Ra, nato in Nun come iDea, prende corpo dal suo cuore e dalla sua bocca, sedi dell'intelligenza e della potenza creativa dell'espressione: e i suoi caratteri peculiari, come d'altronde quelli di Thot, si trasferiscono in Ptah. Da Ptah hanno origine tutti gli Déi, che si rivelano semplici strumenti nell'attuazione del disegno demiurgico dell'Unico che li assimila a sé.
La teologia menfitica sottolinea il coinvolgimento attivo e diretto dello Spirito Assoluto nella creazione di ogni minima componente dell'universo che scaturisce dalla sua parola, dal momento che tutto nasce dal cuore, di cui la lingua trasmette il pensiero.
Il processo creativo non si arresta, perché il Dio, come cuore, è presente in ogni petto e, come lingua, è nella bocca non solo di uomini e Déi, ma di ogni essere vivente.
Di qui l'immanenza di Ptah nel creato.
La mitologia egizia riflette la singolarità di uno stato unificato dall'esigenza di regolarizzare le piene nella valle del Nilo, riconducendo alla realtà geografica sperimentata di un territorio, la cui prosperità, limitata dal deserto, dipende dall'acqua, l'elemento liquido preesistente alla nascita del cosmo, e dal sole che ne è creatore.
Numerose testimonianze iconografiche illustrano chiaramente il rapporto fra i tre regni incorporanti una presenza divina, che costituiscono il mondo visibile: la terra, il cielo e l'atmosfera che li divide.
La Terra s’identifica con il Dio Geb, simbolo dell'energia che sta dietro il mondo materiale, raffigurato talora come l'oca cosmica che depone l'uovo del mondo, più spesso come un uomo disteso sul fianco, esausto per le fatiche d'amore; piante e canne spuntano dal suo corpo, l'orzo gli fuoriesce dalle costole.
Nut, la Volta celeste, al di là della quale è l'assenza di vita, si inarca nuda, costellata di stelle, ad abbracciare il mondo. A volte assume forma di mucca, le cui zampe costituiscono i pilastri del firmamento.
Tra i due, Shu, l'atmosfera, è una presenza mediatrice, con le braccia alzate ai lati del capo, su cui si leva una piuma o una nervatura di palma, il geroglifico del vigore giovanile.
L'insieme presenta una gerarchia naturale dominata da Nut, in cui Shu gioca un ruolo più attivo di Geb, rappresentando l'ordine d’esistenza intermeDio tra quello immateriale celeste e quello fisico terreno.
La zona interna del corpo di Nut, inaccessibile alla vista, è il Duat, da cui proviene l'intero mondo visibile, ed a cui ogni uomo ritorna, abbandonata la sua forma mortale, dopo essersi sottoposto al Giudizio di Osiride.
Tutto il visibile è sorretto da Nun, relegato ai confini dell'universo, e vive grazie a Ra, dispensatore di luce e di vita, che a sera il Cielo inghiotte ad occidente. Dal suo grembo, dopo aver nottetempo viaggiato attraverso il Duat sulla barca del Sole ed aver vinto i mostri che vogliono sbarrargli il cammino, Ra esce al mattino, rinascendo ad oriente.
Anche nel ciclo solare quotidiano si esprime così la sottomissione delle forze del caos al principio dell'ordine, attestata dal ciclo cosmogonico e dal ciclo stagionale del mito di Osiride. I tre cicli si strutturano sullo stesso schema della lotta tra la luce e le sue manifestazioni di vita da una parte, le tenebre e la morte dall'altra.
Fondamento unitario è, in ogni caso, la divinizzazione del faraone, che, identificandosi in Horus, si fa mediatore tra la terra e il cielo.
In una visione del cosmo caratterizzata da ordini d’esistenza nettamente distinti, simboleggiati dalle varie divinità, i miti delle origini sono volti, piuttosto che a spiegare la nascita dell'universo in termini fisici, a chiarirne i diversi livelli.
Nella gerarchia degli esseri esistenti si passa, seguendo un processo ontologico verticale, dallo Spirito Assoluto, lontanissimo dal mondo concreto, alle creature viventi, attraverso divinità sempre più coinvolte nel terrestre.
Curiosamente, in una mitologia tanto complessa, la creazione dell'uomo è sottaciuta o resta nel generico: l'umanità nasce, quasi casualmente, dalle lacrime che sgorgano dall'Occhio di Ra o viene pescata dall'acqua con la rete intrecciata da Neith. Signora della guerra, protettrice delle arti e dei mestieri, Neith è protagonista di un racconto tribale, residuo di una primordiale società matriarcale, più antico ancora della cosmogonia eliopolita: seduta al telaio su cui ha steso il cielo, la Dea tesse il mondo, facendo scorrere l'instancabile navetta, con la pazienza infinita di una donna che conosce i tempi dell'attesa; poi, intrecciata una rete, pesca dalle acque primigenie ogni esemplare del mondo vegetale e animale, compresa la prima coppia umana. Infine sperimenta su di sé il parto, dando alla luce Ra, signore degli Déi.
Non manca tuttavia, in una leggenda tebana, la visione dell'uomo plasmato nel fango. L'artefice che modella l'argilla, servendosi della ruota del vasaio, è Khnum dalla testa di montone, che presiede alle piene del Nilo.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:38 pm
Oggetto:
Ptah l'antichissimo è colui che sotto l'aspetto di Atum è manifesto come il cuore e la lingua: ha attribuito la vita agli Déi con il cuore e con la lingua, in cui Horus e Thot hanno rispettivamente preso forma come Ptah.
Ora, il cuore e la lingua hanno potere sulle altre membra, perché l'uno è nel corpo, l'altra nella bocca di tutti gli Déi, di tutti gli uomini, di tutti gli animali, di tutti i rettili e di tutti gli altri esseri viventi; e l'uno pensa, l'altra ordina tutto ciò che quello desidera.
Gli occhi vedendo, le orecchie udendo, il naso respirando informano il cuore, che elabora ogni conoscenza e rivela attraverso la lingua quanto ha pensato.
L'Enneade di Atum si manifestò dunque come denti e labbra, i denti il suo seme, le labbra le sue dita. Ptah diede origine a Shu, a Tefnet, all'Enneade intera, pronunciando il nome di ciascuno.
Ogni sua parola divenne manifesta.
Così ebbero principio i Kau e le Hemesut, che procurano ogni alimento e nutrimento secondo la parola.
Così fu creato ogni lavoro, nacque ogni arte, si mossero le mani, camminarono i piedi, si attivarono le membra, ubbidendo al comando pensato dal cuore e trasmesso dalla lingua.
Perciò Ptah è chiamato l'Autore di tutto, Colui che ha fatto esistere gli Déi, e Ta-tenen, la Terra-che-si-solleva.
La sua potenza è superiore a quella di tutti gli altri Déi: perché egli li creò e, fondati i “numi”, li pose nei rispettivi santuari, plasmando i simulacri secondo il loro desiderio, affinché penetrassero nei loro corpi, fatti in ogni tipo di legno, di pietra, di minerale o altra sostanza che nasce su di lui. Così tutti gli Déi soddisfatti, si congiungono a Ptah, Signore delle Due Terre.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:38 pm
Oggetto:
L'occhio di Ra

Anno dopo anno, Ra era invecchiato, per quanto le sue ossa fossero d'argento, le sue carni d'oro, le chiome di preziosi lapislazzuli.
È ormai decrepito per governare, pensavano gli uomini. E facevano progetti per liberarsene.
Il Dio amareggiato convocò gli Déi che stavano con lui quando era nel Nun, lo sconfinato oceano che abbracciava l'intero creato e i confini dell'oltretomba; e invitò Nun stesso nel Grande Palazzo.
Gli Déi lo attorniavano, inchinandosi a lui. “Parlaci”, dissero. “Ti ascoltiamo”.
“O Dio nel quale venni in esistenza, e voi tutti, Déi primordiali! L'umanità ingrata, nata dalle mie lacrime, mi si rivolta contro e trama per destituirmi. Ditemi che cosa pensate al riguardo. Io non sterminerò quella razza malvagia, finché non avrò conosciuto il vostro parere”.
Rispose la Maestà di Nun: “Figlio mio, tra tutti il più forte che io abbia creato! Siediti sul tuo trono: grande è il terrore che incuti, quando il tuo Occhio si volge contro i tuoi nemici”.
“Ecco: gli uomini già sono fuggiti nel deserto, poiché i loro cuori tremavano al pensiero del meritato castigo”, disse la Maestà di Ra.
“Ebbene, manda il tuo Occhio a snidare e afferrare per te quanti progettano qualcosa di male. Ma fa' che scenda sulla terra come Hathor, per essere in grado di uccidere!”, esortarono gli Déi.
Andò quella Dea, e decimò i rivoltosi nel deserto.
“Benvenuta in pace, Hathor, che hai compiuto per me ciò per cui ti ho inviato”, disse allora la Maestà di Ra.
“Ho avuto vittoria sugli uomini, e se ne è rallegrato il mio cuore. Domani terminerò il massacro, come leonessa assetata di sangue”, ribatté la Dea.
Così nacque Sekmet, la Potente, e si abbandonò al sonno, spossata dalla fatica, per ultimare l'indomani la strage.
Ma il Dio si sentì invadere il cuore da una grande pena, e consultò gli altri Déi per salvare i superstiti, poiché il tempo incalzava.
“Fate venire rapidi messaggeri, che corrano come l'ombra di un corpo, e portino da Elefantina rossa ocra”, dispose.
Le schiave schiacciarono l'orzo e ne fecero birra, in cui disciolsero la terra macinata, per renderla simile a sangue. Quando ne furono pronte settemila giare, Ra disse: “Ecco, così proteggeremo gli uomini. Portate la birra al luogo dove deve avvenire la strage, e versatela sul sentiero di Sekmet”.
Prima che finisse la notte, l'ordine era stato eseguito.
Destandosi, la Dea trovò il terreno allagato sino a tre palmi d'altezza. Ingannata dal colore, si gettò nella birra credendola sangue, e ci sguazzò dentro fino a cadere tramortita dall'ebbrezza.
Gli uomini sfuggirono in tal modo allo sterminio.
Dispose allora la Maestà di Ra: “Nella celebrazione della festa annuale, si preparino per questa Dea bevande soporifere e le si distribuisca tra le schiave”. Questa è l'origine dei rituali per la festa di Hathor fin dal primo giorno.
Ma aggiunse la Maestà di Ra: “La malvagità degli umani mi ha deluso. Sono stanco di vivere con loro”.
Lasciò l'Egitto, desideroso solamente di salire al cielo e ritirarsi sul dorso della Vacca Celeste.
A Geb consegnò le insegne della regalità.
A Thot affidò l'incarico di insegnare agli uomini la scienza racchiusa nei segni sacri dei geroglifici che aveva inventato.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:39 pm
Oggetto:
Il trono conteso

Per vendicarsi di Nut, Geb volle farla soffrire, impedendole il parto.
“Non ci sarà giorno dell'anno in cui tu possa dare alla luce i tuoi figli”, decretò. “Prigionieri del tuo ventre, non potranno vedere il tuo volto, né tu potrai vedere il loro”.
Ma Thot venne in aiuto all'amata. Non c'era rimedio che non riuscisse a trovare il signore della sapienza; non c'era ostacolo che non potesse aggirare.
In quell'occasione il Dio inventò i dadi, e sfidò al gioco il rivale, fissando come posta d’ogni partita un giorno dell'anno. Così, vincendo per cinque volte, guadagnò i giorni necessari a Nut per partorire.
La Dea accolse con esultanza il suo primogenito: Osiride.
“Ecco: viene alla luce il signore di tutte le cose, il discendente diretto di Atum-Ra, l'erede del trono d'Egitto, che Ra per primo ha occupato”.
Ma già Seth, impaziente di uscire, premeva con tale violenza da squarciare il fianco di Nut, squassata dalle doglie.
“Attento, Seth! Le mie dita sono coltelli taglienti, le mie unghie lame di metallo”, ammonì la Dea. E sentì di odiare irrimediabilmente quel figlio prepotente e malvagio.
Il travaglio non era finito. Vennero ancora alla luce due femmine: Iside, volitiva e tenace, che Osiride fece sua sposa, e Nefti, docile e tranquilla, che si rassegnò a sposare Seth senza amarlo.
Se fin dal momento della nascita i due maschi avevano rivelato la profonda diversità dei loro temperamenti, l'antagonismo andò crescendo con il passare del tempo: Seth detestava Osiride, che uomini e Déi mostravano di apprezzare tanto.
L'avversione si trasformò in odio, quando Nefti, fingendosi Iside, si fece ingravidare dal fratello maggiore, per riuscire ad avere il figlio che il marito non poteva darle a causa della sterilità che lo affliggeva.
Iside perdonò l'involontaria infedeltà del suo sposo. Ma Seth non aspettava che il momento opportuno per sbarazzarsi del gemello.
Divenuto sovrano d'Egitto, Osiride dedicò ogni cura al suo regno. Fissò le leggi, regolò le piene del Nilo, insegnò al suo popolo a coltivare i campi e a pregare gli Déi, mantenendo il controllo del territorio senza far uso di armi, semplicemente avvalendosi della forza persuasiva della parola, della musica e del canto.
La sua saggezza era tale che non di rado, invitato a civilizzare altre regioni, lasciava l'Egitto, affidandone la reggenza a Iside, di cui Thot era saggio consigliere. Gli accadde così di trovarsi in Etiopia, all'inizio dell'estate, quando il Nilo incominciava a gonfiarsi.
“Costruite robuste dighe sulle due sponde, per contenere la piena!”, dispose allora. “Ma lasciate che esca acqua sufficiente a fecondare le campagne circostanti”.
Poi si spostò verso il Delta, attraversò l'Arabia e giunse fino in India. Percorse le regioni dell'Asia e dell'Europa, insegnando dovunque agli uomini a coltivare il grano e lavorare i metalli; e dappertutto gli vennero dedicati templi ed eretti monumenti.
Nel frattempo, Seth aveva preparato un piano per spodestarlo. Corruppe un servo per procurarsi le misure precise del sovrano; quindi cercò la regina d’Etiopia, da sempre ostile al fratello.
“Aiutami, nel tuo vantaggio, a liberarmi di Osiride”, le disse. “Fa' costruire dai tuoi esperti artigiani una cassa riccamente intarsiata, in cui egli possa essere esattamente contenuto”.
Il Dio fece ritorno alla reggia nel ventottesimo anno di regno, mentre Iside era assente. In suo onore venne comunque organizzato un fastoso banchetto, a cui Seth si presentò col sarcofago.
“Benvenuto, fratello!”, lo salutò Osiride. “Ma che è quell'ingombro che ti porti dietro?”
“Un dono prezioso che mi è stato fatto. Guardate, guardate tutti!”
Gli Déi fecero cerchio, incuriositi; e tutti magnificarono l'arca d’ineguagliabile fattura.
“Sono disposto a cederla a chi ci starà dentro di misura”, buttò là Seth, guardandosi attorno.
Non riuscivano a capacitarsi che volesse davvero privarsi di un simile oggetto.
“Per la verità”, disse il Dio con aria indifferente, “dubito che l'avrà qualcuno dei presenti. Ma ci divertiremo un po'. Coraggio, chi vuole provare per primo?”
Fecero a gara per stendersi nella cassa, ma nessuno risultò di giusta taglia. Uno era troppo alto, l'altro eccessivamente basso, un terzo straboccava ai lati.
Allora Seth si rivolse al fratello: “E tu? Non vuoi stare al mio gioco?”.
Osiride si distese ridendo nel sarcofago. Quando videro che vi entrava di misura, gli Déi compresero di essere caduti in un tranello.
“Seth ci ha ingannati”, dissero tra loro. “Ha finto di metterci tutti alla prova, perché anche Osiride accondiscendesse a prendervi parte. Dobbiamo aiutarlo ad uscire”.
Ma, prima che qualcuno potesse intervenire, già Seth aveva fatto sigillare dai suoi fedeli l'arca con piombo fuso e, dopo averne fissato con chiodi il coperchio, aveva dato ordine di gettarla nel Nilo.
Tolto di mezzo il fratello, si proclamò sovrano d'Egitto.
Quando Iside venne a conoscenza dell'accaduto, fu presa da immenso dolore. In preda alla disperazione, incominciò a vagare per il paese, spingendosi fino alle più remote contrade, per ritrovare il corpo del suo sposo; e domandava di lui a quanti incontrava.
Alcuni ragazzi le diedero infine una traccia: “Laggiù abbiamo visto gettare nel Nilo una cassa; ma le acque l'avranno trascinata chissà dove”.
La Dea seguì il fiume fino al mare e ne costeggiò per un tratto la riva, finché nei pressi della fenicia Biblos non le capitò di sentire parlare dalle ancelle del re di un albero prodigioso cresciuto sulla spiaggia all'improvviso, col suo intrico di fronde.
“Quando è accaduto?”, s’informò.
“Poco tempo fa”, le risposero. “Correvano tutti a vederlo”. “Mostratemelo, dunque!”
“Il re lo trovò così bello che lo fece portare a palazzo, per farne un pilastro”.
Iside pensò: "Quella pianta è certamente nata per celare a sguardi indiscreti, nel viluppo dei rami, il sarcofago in cui Osiride è rinchiuso”.
Nascondendo la sua natura divina, chiese quindi ospitalità alla reggia, e si mostrò tanto abile nell'acconciare i capelli e profumare il corpo della regina che il piccolo principe venne affidato alle sue cure.
“Ricompenserò questa gente per le premure con cui mi ha accolta”, decise la Dea. E si accinse a bruciare le parti mortali del bimbo, per sottrarlo alla morte.
La madre la sorprese mentre esponeva alle fiamme il corpicino e, urlando d'orrore, si precipitò su suo figlio, per strapparlo alle mani di Iside.
“Il tuo inopportuno intervento ha spezzato l'incantesimo che stavo compiendo per rendere immortale il bambino: perché io sono Iside, potente in magia, e questo volevo fare per te!”, disse irritata la Dea.
Si gettarono tutti ai suoi piedi, e la regina prostrata invocò il perdono dalla Sua Maestà.
“Ordina, Iside, e ti ubbidiremo”, dichiarò il sovrano.
“Venererete il mio nome”, rispose, mostrandosi in tutto il suo splendore, “e in pegno della vostra devozione accetterò in dono l'albero che è stato portato alla reggia dalla spiaggia sulla quale era nato”.
Venuta così in possesso dell'arca di Osiride racchiusa nel groviglio dei rami, la trasportò in Egitto, e solo allora ruppe i sigilli, riportando alla luce il cadavere incorrotto dello sposo.
“Ti nasconderò nelle paludi del Delta, mio adorato, perché tu non corra nuovi pericoli, in attesa di restituirti la vita”, disse abbracciandolo la Dea.
Ma Seth rintracciò il corpo e lo smembrò in quattordici parti, che disseminò in tutta la regione.
Iside disperata chiese aiuto a Nefti e, insieme a lei, su una barca di papiro, perlustrò l'intero territorio del Nilo.
“Dove sei, mio amato?”, invocava piangendo. “Se ancora mi hai cara, torna alla tua dimora! Ti chiama la sorella che ami, la sposa diletta che non sopporta di starti lontana. Il mio lamento disperato giunge fino a Ra: e tu non mi senti, Osiride, vita della mia vita”.
Ad una ad una le Dee ritrovarono le membra sparpagliate, e un tempio venne eretto in ogni punto in cui ne recuperarono una. Allora il cuore di Ra si commosse.
“Ricostituite quel corpo martoriato”, ordinò a Thot e ad Anubi.
Con abile mano i due Déi ricomposero la salma e l'avvolsero in bende, compiendo i riti della sepoltura.
Mancava però il pene di Osiride, che era stato mangiato dai pesci. Iside ne preparò uno d'oro massiccio, e con un incantesimo richiamò in vita lo sposo per giacere con lui.
Quella notte, la sola che il Dio poté ancora trascorrere in terra, fu concepito Horus, che doveva succedere al padre sul trono usurpato da Seth. Osiride scese quindi nell'oltretomba, e ne divenne re. Iside, con la lunga chioma ondeggiante, coronata di fiori variopinti e l'abito disseminato di stelle lucenti, con in pugno il suo sistro di bronzo, annunciò allora cantando che la morte era stata sconfitta.
“Esultate tutti, perché ho vinto il destino, e d'ora in poi, grazie a me, l'uomo potrà estendere la vita oltre il tempo che gli è stato assegnato. Vi addormenterete per destarvi, o uomini; morirete per vivere”.
Ma ecco che il prudente Thot disse a Iside: “Nasconditi con tuo figlio, il bimbo che viene verso di noi. Quand' egli sarà diventato grande e forte, gli farai prendere possesso del trono delle Due Terre”.
Era sera, quando la Dea lasciò la sua casa, scortata da sette uomini-scorpione. Pete, Tetet e Matet la precedevano, aprendole la via; Mestet e Mestetef stavano sotto il palanchino, Tefen e Befen le proteggevano le spalle.
Raccomandò loro: “Tenete i volti abbassati, non riconoscete un Nero, non volgete il saluto ad un Rosso, non fate distinzione tra un nobile ed un miserabile, per non mettere sull'avviso chiunque intenda ricercarmi, fino a che non abbiamo raggiunto la palude e i sicuri nascondigli di Khemmi”.
Ma, mentre si avvicinavano alle case, una ricca signora li scorse da lontano e sbarrò le porte della sua dimora davanti a Iside, che fu invece generosamente accolta da un'abitante della palude. Mentre si riposava, i compagni della scorta concertarono di punire chi l'aveva respinta e, messo in comune il loro veleno, lo caricarono sul dardo di Tefen. Passando sotto i battenti dell'entrata, l’uomo-scorpione si introdusse nell'opulenta casa, e trafisse a morte il figlio della dama.
La donna, disperata, invocò aiuto. Ma nessuno era in grado di soccorrere quell'innocente: e Isidede ne ebbe pietà. Si presentò alla madre, dicendo: “Mio padre mi ha istruita nella scienza, perché sono la sua figlia prediletta. Sono Iside, la maga possente. Arresto i rettili con il mio comando, e la mia bocca possiede la vita”. Quindi, imponendo le mani al bambino, ordinò: “Non penetrare, veleno di Tefen; gocciola a terra, veleno di Befen; cadi, veleno di Mestet; non scorrere, veleno di Mestetef; non diffonderti, veleno di Pete; non circolare, veleno di Tetet; non avanzare, veleno di Matet! Risànati, ferita! Te lo impone la divina Iside, l'amata di Ra, alla quale Geb trasmise i suoi poteri”.
Ma, quando il bimbo si levò guarito, la Dea impose alla dama di portarle le sue ricchezze, dicendo: “Ne riempirò la casa della donna della palude; che mi ha accolta nella sua capanna, mentre tu davanti a me sbarravi l'uscio”.
Horus, il piccolino dai sandali bianchi con il dito in bocca, destinato a regnare per oltre tredicimila anni sull'Egitto, rimase a lungo nascosto tra i papiri del delta paludoso.
Quando Iside si accorse che il suo latte era scarso, andò questuando tra gli uomini, per avere di che nutrire il figliolo. Un giorno, tornando, trovò il bambino adorato, il piccolo senza padre, riverso sul terreno.
“Seth ha scoperto il nostro nascondiglio”, fu il primo pensiero della Dea, mentre si gettava sul corpicino inerte, lanciando un altissimo grido.
I pescatori della palude, subito accorsi, unirono i loro lamenti a quelli dell'infelice madre, incapaci di far altro per lei.
Ed ecco avvicinarsi una donna di grande sapienza e di stirpe regale, il cui nome era Selkis.
“Non temere, piccolo Horus! Non disperare, madre del Dio! Qui tuo figlio è al riparo dal male: non lo può raggiungere la morte, poiché Seth non percorre la regione di Khemmi. Cerca dunque altrove la ragione per cui giace incosciente, e grazie a te vivrà. Forse l'ha punto qualche bestia nociva”.
Isidede allora si accorse che l'alito di Horus rivelava la presenza del veleno, ed invocò suo padre.
“O grande Ra, l'erede del tuo erede, il bimbo sacro, il piccolino d'oro che non ha più padre, è stato punto. Invano gli ho cercato un nascondiglio, temendo per lui, fin da quando era ancora nel mio grembo. Rendigli la vita!”
Nefti, prontamente accorsa, piangendo esortava Iside a levare più alto il suo grido, per arrestare nel cielo l’astronave dei Milioni d'Anni. E finalmente Thot, disceso dall'astronave, venne a rassicurare le Dee.
“Non abbiate timore! Io porto soffi di vita. Si stende su Horus la protezione di Colui che con i suoi occhi illumina la Terra, il primogenito di lassù, il grande Nano che percorre l'aldilà dopo il tramonto. Veglia su Horus il nobile falco che attraversa volando il cielo, la Terra e l'aldilà, dove sono invisibili le cose e i vivi si rivolgono indietro. Proteggono Horus i nomi di suo padre, la magia di sua madre, gli Déi che lo circondano. Svegliati, Horus, vendicatore di chi ti ha generato! Immobile rimarrà la barca di Ra, i giorni ancora nell'ombra non verranno, le sorgenti del Nilo si disseccheranno, il nutrimento sarà tolto ai vivi, finché Horus non sarà guarito per sua madre Iside”
Il bambino d'oro si levò allora in piedi, e corse tra le braccia della Dea.
Raggiunta la maturità, il figlio di Osiride si presentò al tribunale degli Déi presieduto da Ra, per vedere riconosciuto il suo diritto al trono che Seth abusivamente occupava.
Thot stava in quel momento presentando al Signore degli Déi il sacro Occhio". “La giustizia è signora della forza”, sentenziò Shu, figlio di Ra. “Accogli la richiesta di Horus”.
“Sarebbe giusto un milione di volte”, aggiunse Thot. “Abbia Horus l'anello regale del nome e la bianca corona d'Egitto”. Iside lanciò un grido di gioia.
“Vento del nord”, disse, “va' verso occidente, porta a Osiride la gioiosa notizia”. “Come vi permettete di decidere da soli?”, intervenne Ra. E si chiuse in un corrucciato silenzio.
Allora Seth propose: “Meglio sarebbe che me la vedessi direttamente con Horus, affrontandolo in duello. Così l'Enneade potrà constatare quanto io valga più di lui”.
Il saggio Thot si oppose: “Dobbiamo semplicemente stabilire chi ha ragione e chi ha torto. Non è Horus, figlio di Osiride, il suo legittimo erede?”
Ma ad un giovane inesperto Ra preferiva Seth, il nume dalla gagliarda forza, che lo affiancava, la notte, sull’astronave dei Milioni di Anni. “Si chiami Banabgedet, il grande Dio vivente, perchè giudichi lui”, stabilì. Il Dio dell'isola di Setit giunse insieme a Ptah-Tenen; ma reclinò la responsabilità di emettere un verdetto: “Meglio sarà mandare una missiva a Neith, la divina madre, e fare quello che lei decreterà”.
L'Enneade affidò a Thot l'incombenza.
E questo scrisse il Dio: “Il re dell'Alto e del Basso Egitto, Ra-Atum, il Disco che percorre il cielo, il Nilo potente, il Toro in Eliopoli, preoccupato per l'eredità di Osiride, ti chiede come risolvere il contrasto che si trascina da ormai ottant'anni”.
Così rispose all'Enneade la madre divina: “Sia dato a Horus quello che è di Horus; e al signore dell'universo si dica: "Compensa e consola Seth, concedendogli le tue figlie Anat e Astarte!".
Quando la lettera venne letta da Thot agli Déi che sedevano nella Grande Sala, approvarono tutti. Ma il Signore dell'Enneade li tacitò, irritato.
“La bocca di Horus sa ancora di latte, le sue membra sono deboli per reggere un regno. E poi perché dovrei rimetterci di mio?”
“Perché troppo a lungo sei stato indeciso”, intervenne Thot. “Non serve al tribunale un presidente inetto”.
E Baba aggiunse: “Il tuo tempio è vuoto”.
Il cuore di Ra fu invaso da grande tristezza a quelle parole.
Allora l'Enneade si volse contro Baba: “Vattene fuori! Il crimine che hai commesso è molto grande”.
Gli Déi se ne andarono alle loro dimore; e Ra passò un giorno intero disteso sul
dorso nel suo padiglione, solo e scontento.
Ed ecco che Hathor, la signora del sicomoro del Sud, si fece avanti, e si scopri il sesso davanti a suo padre, suscitandone il riso.
Allora il grande Dio si alzò e, raggiunta l'Enneade, ordinò ai due pretendenti al trono di esporre le loro ragioni, perché i giudici prendessero una decisione. Parlò per primo Seth.
“Domandatevi solo: è preferibile che regga il regno chi è giovane e inesperto o chi è in grado di affrontare qualunque evenienza con accortezza, astuzia, abilità e coraggio? Stando alla prua dell’astronave dei Milioni di Anni, io uccido ogni giorno i nemici di Ra, quando di notte attraversa l'oltretomba per tornare ad oriente al mattino”.
“Ha ragione”, convennero gli Déi.
Ma Thot protestò con veemenza: “Si darà dunque la funzione di sovrano al fratello, mentre è vivo il figlio?”.
E Banebgedet, di rimando: “Si darà la funzione al bambino, quando c'è Seth, suo fratello maggiore”.
Iside allora gridò: “Si mettano queste parole davanti ad Atum, il principe di Eliopoli, a Khepri, che sta nell’astronave dei Millenni!”.
“Non ti inquietare”, disse conciliante l'Enneade. “Il diritto verrà accordato a chi tocca”.
Ma Seth si levò sdegnato: “Chi ha concesso a Iside la parola? Non ha alcun diritto di aprir bocca: non può dare un giudizio imparziale, dal momento che è madre di Horus”. E, facendo roteare il suo scettro, pesante quattromilacinquecento nemes, aggiunse minaccioso: “Ucciderò ogni giorno uno di voi, se il processo non verrà trasferito in un luogo dove a costei sia vietato di entrare”.
Il tribunale si riunì dunque in un'isoletta del Nilo, e Ra ordinò ad Anti, il traghettatore, di non far salire sulla sua barca nessuna donna che assomigliasse a Iside. Ma, mentre gli Déi sedevano a mangiare, la Dea si presentò al barcaiolo. Aveva assunto l'aspetto di una vecchia, che portava al dito un sigillo d'oro, e camminava curva, reggendo una terrina di farina.
“Portami nell'isola in mezzo al fiume, perché possa preparare da mangiare al mio figliolo, che da cinque giorni è là per badare al bestiame, ed è certo affamato”, disse.
“Mi dispiace”, rispose l'uomo. “Mi è stato ordinato di non traghettare alcuna donna”.
“Questo per via di Iside. Ti pare che io le assomigli?” “No certamente. Ma che ci guadagno a favorirti?” “Ti darò una pagnotta”.
“E io dovrei, per un pezzo di pane, rischiare un rimbrotto, dopo che mi è stato imposto di non trasportare femmine sul fiume?” “Ti darò il suggello d'oro che vedi alla mia mano”. Il barcaiolo accettò.
Sbarcata sull'isola, Iside s’inoltrò fra gli alberi, e tosto scorse gli Déi seduti a mangiare pane, davanti alla tenda del loro Signore. Allora con una formula magica si trasformò in un'avvenente giovane donna.
Appena Seth la vide, desiderò possederla. Le mosse incontro, e la chiamò da dietro un sicomoro.
“Vieni qui da me, bellezza”.
“Volentieri”, rispose prontamente la Dea. E, come bisognosa di conforto, tra. una moina e l'altra, prese a raccontargli di come suo cognato, dopo che era rimasta vedova, volesse portare via con la forza a suo figlio l'armento del padre.
“Il figlio è legittimo erede, e nessuna pretesa può avanzare il fratello”, dichiarò Seth, sollecitato ad esprimere il proprio parere.
“Finalmente!”, esultò la sorella, volando a posarsi in cima ad un albero, mutata in nibbio. “È la tua bocca stessa a darti torto: ti sei giudicato da solo”.
“Mi hai raggirato”, protestò Seth.
Ma Iside proseguì, senza prestargli ascolto: “Hai riconosciuto di usurpare un titolo che in nessun modo ti spetta. Adesso a Ra non resta che emettere il verdetto”. Seth corse da Ra piangendo.
“Ché c'è ancora?”, volle sapere il Signore degli Déi.
“Quella perfida mi ha nuovamente infastidito. Ha assunto l'aspetto di una bella donna, e ha incominciato a raccontarmi di essere la moglie di un mandriano, rimasta vedova. Ha inventato poi che il fratello del morto avanzava pretese sul bestiame, minacciando suo figlio. Ecco che cosa quella bugiarda mi ha detto”.
“E tu che hai risposto?”
“Si darà dunque ad altri il bestiame, quando c'è il figlio del mandriano? Spetta al ragazzo quanto era del padre”.
“Ti sei affossato da solo”, lo zittì Ra spazientito. “Con le tue stesse labbra hai pronunciato nei tuoi confronti un giudizio di condanna. Perciò Horus reggerà sul capo la bianca corona che già fu di Osiride”.
“Che cosa mi ripagherà di quel che perdo?”, piagnucolò Seth. “Mi darai le tue due figlie, secondo il responso di Neith?”
“Non se ne parla neppure. Hai torto, per tua stessa ammissione. Ma, se ti potrà essere di qualche sollievo...”
“Sì ...?”
“Il traghettatore verrà punito”.
Anti venne condotto davanti all'Enneade, e gli fu tolta la parte anteriore dei piedi.
Tra l'esultanza degli Déi e dell'intero paese, Horus salì dunque sul trono d'Egitto che era stato del padre.
Seth tuttavia impegnò ancora il giovane re in una serie di sfide, sino a che non fu definitivamente battuto.
Disse allora Ptha: “Che si farà di Seth, adesso che Horus ha preso il posto di Osiride?”.
Rispose Ra: “Mi si dia Seth, perché sieda con me come un figlio. Potrà urlare nel cielo, e gli uomini avranno paura di lui”. Quindi esortò: “Acclamate tutti, prostratevi a terra davanti a Horus, figlio di Iside!”.
La Dea esclamò lietamente: “Horus è sovrano. L'Ennéade è in festa, il cielo si rallegra, tutta la Terra esulta, perché Horus è salito sul trono di Osiride, signore di Busiri”.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:40 pm
Oggetto:
Il nome segreto di Ra



Iside era così ricca d'ingegno che superava in intelligenza innumerevoli Déi. Non c'era niente che ignorasse, né in cielo né in terra: a parte, naturalmente, il nome segreto di Ra, quel nome che era stato pronunciato una sola volta prima che l'universo venisse creato, e da allora era rimasto nascosto nel corpo del Dio, perché nessuno potesse ripeterlo, impadronendosi dei suoi poteri.
Iside voleva conoscerlo, per essere in cielo e nel mondo come Ra, possedere la terra ed essere Dea: cercava solo il modo e il momento più opportuni per raggiungere il suo scopo.
Ra attraversava ogni giorno sulla sua astronave il cielo da oriente ad occidente, e la sua fatica era grande: tanto che, quando si trovava ormai prossimo al tramonto, era accaduto alla Dea di vederlo con il volto contratto e la saliva che colava dalla bocca socchiusa.
“Raccoglierò una bava del grande Dio”, si disse. “Impastandola con argilla, darò vita con le mie arti magiche ad un serpe velenoso, che porrò sulla strada per la quale egli passa”.
Così fece, e al morso del serpente Ra lanciò un grido che salì fino alla sede celeste.
“Che succede?”, domandò l'Enneade.
Sua Maestà, in preda a spasimi atroci, non rispose: batteva i denti e gli tremavano le membra, mentre il veleno gli penetrava nella carne. Poi, rinsaldando il cuore, gridò a gran voce: “Venite a me, figli del mio corpo! Ero uscito per contemplare quello che ho creato, quando ho sentito una fitta dolorosa. I miei occhi non hanno visto che cosa l'ha provocata; ma non c'è male che superi quello che io provo. Il mio cuore è un braciere, le mie membra sono scosse da tremito. Vengano a me i figli degli Déi, le cui parole benefiche hanno il potere di raggiungere il cielo!”.
Si accostarono i figli divini, ma dalle labbra di ciascuno uscirono solo lamenti.
Ed ecco Iside con i suoi sortilegi e la bocca piena di soffi vitali, di formule per distruggere i mali, di parole che vivificano le gole morte.
“Che sta succedendo, padre?”, domandò premurosa.
“Me ne andavo per i due regni della mia terra, e qualcosa mi ha punto. Ora mi sento più gelido dell'acqua, più ardente del fuoco. Sudo e rabbrividisco; mi si appanna la vista, non distinguo più il cielo. Non potrò resistere a lungo. Fa' qualcosa, ti prego, per alleviare il mio tormento”.
“Un serpente ti ha morso; uno che tu hai creato ha levato contro di te il suo capo, diffondendo il veleno nel tuo corpo. Ma non temere: con i miei incantesimi farò retrocedere il male. Dimmi il tuo nome, padre! Perché vivrà colui che sarà liberato dal suo nome”.
“Io sono Colui che ha creato il cielo, la terra e tutti gli esseri che ci vivono sopra, e dentro i due orizzonti ho posto l'anima degli Déi. Sono il Costruttore dei monti più alti, il Controllore delle piene del fiume, Colui che congiunge il toro alla vacca per dar loro piacere. Se apro gli occhi, genero la luce; se li chiudo, diffondo le tenebre. Misuro i giorni e le ore, invio le feste dell'anno, produco il fuoco vivente per purificare le case. Mi chiamo Khepri al mattino, Ra a mezzodì, Atum alla sera”.
Ma il veleno, anziché fuoriuscire, si diffondeva sempre più nelle vene, e il grande Dio non poteva più camminare.
“Andiamo!”, si spazientì Iside. “Il nome che voglio non è tra quelli che hai enunciato e che conoscono anche le pietre. Divino padre, confidati con me, se vuoi che ti guarisca: vivrà colui che chiamerai con il suo vero nome”.
“Quel nome fu pronunciato da mio padre e mia madre, e nascosto poi nel mio cuore, perché non ci fosse tra i viventi incantatore che mi potesse incantare”, si schermì la Maestà di Ra. Ma il veleno gli bruciava nel sangue come fiamma dentro la fornace. Per finire, cedette. “Esca il mio nome dal mio petto, per entrare nel tuo”, disse con voce appena percettibile.
Per pronunciarlo si nascose agli Déi, poiché grande spazio vi era nell’astronave dei Milioni di Anni. Al grande Dio fu dunque in tal modo carpito il segreto del nome, che la maga incluse nella formula dell'incantesimo per ridargli salute: “Colate, veleni, abbandonate Ra! Occhio di Horus, esci da lui, risplendi fuori della sua bocca! Goccioli a terra il veleno vinto, nel nome dell'eccelso Dio!”.
Così disse Iside, signora degli Déi, colei che conosce Ra con il suo nome.
Rantola - Sab Set 23, 2006 4:41 pm
Oggetto:
L'invenzione di Thot

Thot aveva tratto dalla sua ingegnosa mente i numeri e le regole del calcolo, con ogni possibile implicazione e risvolto. Aveva inventato i dadi per sfidare e vincere Geb, ponendo come posta delle successive partite un giorno da sottrarre al calendario lunare, per permettere a Nut di partorire. Aveva protetto Iside e appoggiato Horus davanti al tribunale degli Déi, perché gli venisse riconosciuto il diritto di salire sul trono paterno.
Erano trascorsi molti anni da quei fatti, quando decise di recarsi a far visita al re Amon di Tebe.
Si pose dunque in cammino. Giunto da Naucratis alla presenza del sovrano, incominciò a parlargli di quanto aveva ideato a vantaggio dell'umanità.
“Fra le mie invenzioni, una, in particolare, è tanto preziosa che gli egiziani mi renderanno omaggio per avertene fatto partecipe”, dichiarò.
“Ma io sono disposto a esaminarle tutte”, ribatté cortesemente il sovrano. “Mi spiegherai a che serve ciascuna e, in base ai chiarimenti che avrò, ti saprò dare un giudizio spassionato”.
Thot ebbe un fugace sorriso: “Sono pronto a ricevere critiche e lodi”.
Al re interessava soprattutto capire a fondo, l'utilità di quanto gli veniva presentato, e non lesinò domande e commenti. Per ultima Thot presentò l'invenzione di cui andava maggiormente orgoglioso.
“Questa è la scrittura”, annunciò, srotolando sotto gli occhi stupiti di Amon una pergamena che aveva portato con sé. “Non appena ne rivelerò il meccanismo, gli egizi ne trarranno incalcolabili vantaggi”.
“Perché?”, domandò il re, osservando perplesso gli incomprensibili simboli tracciati dal Dio.
“Questa non facile arte sarà un rimedio efficace contro due debolezze dell'umanità: il difetto della memoria e le manchevolezze della scienza”. “Parli per enigmi. Che cosa significano questi segni?”
“Sono geroglifici. Chi ne apprenderà il meccanismo saprà annotare quanto è necessario e opportuno rammentare, potrà comunicare a distanza messaggi precisi, che non diano adito ad errate interpretazioni soggettive, e tramandare alle genti future le gesta compiute dai grandi, rendendone eterni il nome e la gloria”. Amon scosse il capo, dubbioso.
“I miei messaggeri non sbagliano mai nel trasmettere i miei ordini, e di generazione in generazione le imprese regali sono affidate alla memoria di sacerdoti e sapienti”.
“Che è pur sempre soggetta a possibili cedimenti. Se invece io incido su una pietra o traccio su un rotolo di papiro determinati segni, ai quali convenzionalmente è legato un ben preciso significato, a distanza di secoli la scritta sarà sempre letta nel medesimo modo. Questo crittogramma, ad esempio, indica il sovrano, quest'altro la regione del delta. L'insieme trasmette l'ordine di...”
“Tu puoi svelarmi i procedimenti di un'arte; ma quel che conta è valutare l'utilità e i danni che ne potrebbero derivare. Ora, codesta tua scrittura mi pare offra agli uomini un potere contrario a quello che già è in loro possesso”. “Non capisco”.
“Una volta che si siano impadroniti del meccanismo dei geroglifici, gli uomini si sentiranno dispensati dal memorizzare, e lasceranno che la mente si impigrisca, indulgendo alla dimenticanza: perché chi saprà scrivere cercherà non più in se stesso, ma nel sistema da te escogitato il modo di serbare i ricordi. Sicché mi pare che tu non abbia trovato affatto un rimedio per la debolezza della memoria, bensì una diversa procedura per rammentare; di cui non hai valutato gli svantaggi”.
“Pensa al gran numero di nozioni che potranno venire trasmesse, grazie alla scrittura, in campo medico, matematico, scientifico”, insistette Thot. “Ci sto arrivando”, riprese Amon. “L'informazione potrà essere ampia quanto vuoi; vorrà dire che molti si convinceranno di essere competenti, pur non essendolo, in un gran numero di settori. Insomma, s’illuderanno di avere conquistato la sapienza, anziché possederla realmente”.
“Conosco bene gli inconvenienti della mia invenzione, e te li ho di proposito taciuti, venendo a te come messaggero degli Déi. Terrò nel dovuto conto le tue osservazioni, ma non posso permettere che la grafia resti prerogativa divina. Tu hai preteso di entrare nella testa degli uomini e hai ragionato per loro, ma non con loro. Se anche la scrittura fosse semplicemente un procedimento per facilitare il ricordo, consentirebbe pur sempre agli egizi di dedicare maggiori energie alla conoscenza; e, se anche non avessero altro che una conoscenza illusoria, con ogni probabilità ne sarebbero paghi ugualmente. C'è poi un ultimo aspetto da considerare”.
“E sarebbe?”
“La scrittura consentirà di dare un nome definitivo alle cose, conferendo a ciascuna una conferma della propria esistenza entro l'ordinamento dato dagli Déi all'universo, che è diretto e controllato appunto grazie alla parola. Certo ogni nuova scoperta comporta possibili conseguenze positive o negative: sta all'uomo saperla utilizzare nel modo migliore e più saggio”.
“Il rischio è grande, a volte”, rifletté Amon.
“Ma bisogna correrlo. Dunque...?”
“Accetterò il tuo dono, Thot. E che gli uomini ne facciano buon uso”.
Rantola - Sab Ott 21, 2006 12:32 pm
Oggetto:
USI E COSTUMI

Alimentazione

Attraverso le scene affrescate sulle pareti delle tombe, si é potuto ricostruire le abitudini alimentari degli antichi Egizi. Sulla tavola sia del ricco che del povero non mancavano i cereali e il pane era modellato in forme diverse. Le zuppe di verdure erano il piatto ricorrente, arricchite con gallette di pane. Per completare il menu, dolci a base di mandorle e frutti tropicali come il mango e l'avocado. Il clima caldo creava qualche problema per la conservazione della carne che veniva riservata alle grandi occasioni.

Il pesce era molto gradito ed era disponibile in abbondanza. Era presente anche presso le case più modeste, conservato in salamoia. Nelle case più ricche i servizi da tavola erano di materiale pregiato, come l'alabastro. Il cibo veniva portato alla bocca con le mani (senza l'utilizzo di posate), che venivano deterse in appositi catini pieni d'acqua. Eleganti ancelle servivano alle mense dei ricchi. Nell'antico Egitto venivano consumate bevande alcoliche come la birra ed il vino, ma anche superalcolici ricavati dalla lavorazione del dattero.

Solo in occasioni particolari veniva consumata carne di bovini, ovini, gazzelle, antilopi, orici, bufali e iene. La tavola era talvolta arricchita anche da oche e volatili in genere. Più comunemente venivano consumati porri, cetrioli, meloni, cocomeri, aglio, cipolle, fichi, uva, datteri e melograni. Come dolcificante era usato il miele, mentre come bevanda comune l'acqua. Birra e vino erano consumati in poche occasioni. Gli Egizi, in quelle rare bevute, erano soliti ubriacarsi.

Bevande - La più diffusa era la birra fatta con orzo o frumento e datteri. Era ottenuta dalla fermentazione dei cicchi d'orzo immersi nell'acqua resa dolce dai datteri. Molto diffusi anche il vino (in occasione dei pranzi nobili), che i Greci dicevano fosse più dolce del miele, il shedeh (una specie di granatina) e il pa-ur (un tipo di liquore). Acqua, latte di capra, pecora e mucca erano le bevande più utilizzate nei pasti comuni.

Pani - Ne esistevano molti che differenziavano tra loro per il tipo di farina, la forma, la cottura e gli ingredienti (miele, latte, frutta, uova, grasso, burro). La farina veniva ricavata da tre cereali: orzo, farro e frumento. Nel Nuovo Regno si contavano 40 tipi diversi di pani e dolci.



Armamenti



Può sembrare molto strano, che il popolo egiziano, progredito in quasi tutti i campi della sua civilizzazione, compreso quello militare, era molto arretrato in fatto di armamento militare. Infatti l'armamento standard del soldato egiziano rimase invariato per millenni, e i pochi cambiamenti che ci furono, arrivarono tutti dall'esterno, dato che gli egizi adottarono facilmente le armi dei nemici.

Fino dal Predinastico le armi tipiche del soldato egizio erano l'arco, le mazze, il bastone da lancio, il pugnale la lancia, l'ascia, la fionda e dei semplici scudi per unica difesa. Per tutto il resto il guerriero indossava un semplice perizoma e andava scalzo. Fondamentalmente questo era l'armamento in uso fino alla fine del Medio Regno; in quest'epoca, sotto la XII Dinastia, si sostituisce il rame con il bronzo, ma per il resto ancora nella guerra contro gli Hyksos l'armamento rimase uguale.


Archi e Frecce - L'arco egiziano era a curva semplice mentre quello egiziano era a doppia curvatura e sono le armi più antiche come è stato dimostrato dai ritrovamenti nei siti neolitici dove sono state rinvenute delle punte di freccia in pietra di finissima fattura. Punte lanceolate, triangolari, peduncolari o no, vennero pian piano sostituite dalle piccolissime punte semilunate o rettilinee che presentavano una superficie d'urto molto tagliente ma non appuntita.

L'arco, simbolo per eccellenza del guerriero, non era un'arma solo egiziana o nubiana, ma comune a tutti i popoli antichi, e memoria di ciò è serbata nell'immagine dei "Nove Archi", che simboleggia i nemici dell'Egitto.


Mazza - La mazza poteva essere discoidale o a forma di pera. Quest'ultima, dopo l'unificazione del paese con la vittoria del Sud, diventerà uno dei simboli del faraone.


Bastoni da Lancio - L'unica cosa che gli accumuna ai boomerang è il fatto che si tratta esclusivamente di armi da getto e mai concepite per tornare indietro quando mancavano il colpo. Essi erano di vari tipi, cambiando il tipo di legno lunghezza e curvatura. Furono usati anche in guerra come armi ma prevalentemente rimasero in uso in tempi di pace per la caccia agli uccelli nelle paludi.

Pugnali - Sono presenti sin dal Predinastico ed hanno delle lame litiche ben lavorate che sono in genere incastonate in manici di legno. Tuttavia non mancano splendidi esemplari dal manico di avorio finemente scolpito. In un periodo più tardo alcuni pugnali sostituiscono alla pietra il bronzo.


Daga - La daga corta deriva dal pugnale con elsa a pomo emisferico e lama larga che si restringe finendo in una punta affilata ma arrotondata. Nel Medio Regno appare il tipo orientale, comune al Levante e all'Egeo, con elsa a pomo semilunato e lama larga triangolare con punta aguzza.


Ascia - La parte offensiva è in pietra o in rame battuto incastonata in manici di legno. Può essere con il manico ricurvo e la lama semicircolare o dal manico rettilineo e dalla lama in forma simile a quelle odierne.

Giavellotti - Di forma semplice avevano le punte in pietra o in bronzo.

Scudi - Unica misura di difesa dei guerrieri egiziani appaiono anch'essi durante il periodo Predinastico: di tipo rettangolare di legno o cuoio con il lato superiore incurvato ad arco acuto o arrotondato.



I Giochi

La società egiziana amava molto i passatempi e quindi i giochi. Sono state ritrovate delle pedine bianche e nere, simili ai moderni scacchi, e delle scacchiere rettangolari divise in 30 o 33 caselle (il senet), oppure circolari raffiguranti un serpente arrotolato con la testa nel centro ed il corpo diviso in segmenti (il gioco del serpente).

Il Senet era un po' il gioco nazionale nell'Antico Egitto. Tutti, ricchi e poveri, adulti e bambini, impegnavano il loro tempo libero a sfidarsi a questo gioco. Il senet era un gioco talmente popolare che assunse un'importanza notevole anche per il viaggio nell'aldilà. Il defunto, come riportato nel famoso Libro dei Morti, doveva infatti disputare una partita contro un avversario invisibile per poter accedere al regno dei morti. Il primo esemplare di senet risale al Periodo Predinastico, mentre nella tomba di Rahotep (IV dinastia) è stato rinvenuto per la prima volta il nome del gioco. Il faraone Tutankhamon possedeva 4 senet di cui uno era composto di caselle di avorio, le pedine di materiale pregiato e poggiava su un mobiletto avente i supporti a forma di zampa di leone. Il senet era sostanzialmente un gioco di velocità tra i due sfidanti:
Ognuno di loro era in possesso di 7 pedine (o 5 a partire daal 1600-1500 a.C.) di colore bianco o nero. Lo scopo era quello di completare le 30 caselle (in egiziano "peru") del percorso (10 caselle per 3 file) in maniera sequenziale, cioè dalla 1 alla 10, dalla 11 alla 20 ed infine dalla 21 alla 30. All'inizio del gioco, le pedine venivano disposte in modo alternato dalla casella 1 alla 10. Per muovere le pedine, i giocatori erano in possesso di 4 tessere con una faccia bianca ed una nera.

La combinazione delle tessere dava il risultato della mossa:
1 bianco + 3 nere = 1 punto;
2 bianchi + 2 nere = 2 punti;
3 bianchi + 1 nero = 4 punti;
4 neri = 6 punti.
In alternativa venivano più comunemente utilizzati dei bastoncini al posto delle tessere.

Le pedine venivano spostate in avanti o indietro a seconda del risultato ottenuto. Quando tutte le pedine del medesimo colore venivano a trovarsi nell'ultima fila potevano terminare, una alla volta, il percorso. Il vincitore era colui che riusciva a completare le 30 caselle della "scacchiera" con tutte le 5 pedine. Il gioco era però reso più difficile da alcune regole:

a) se una pedina capitava su una casella già occupata doveva retrocedere alla prima posizione libera;

b) se due o tre pedine dello stesso colore si trovavano in fila non potevano essere scavalcate da quelle dell'avversario;

c) se una pedina capitava nella casella 27 contrassegnata dal geroglifico "casa dell'acqua", essa retrocedeva sino alla casella 1 o sulla successiva casella disponibile.

Occorre precisare che in nessuna tomba e su nessun papiro sono mai state rinvenute le vere regole del gioco. Molti studiosi, come Kendall e Bell, si sono applicati per dare al gioco le regole più plausibili. Quelle descritte sono frutto di studi che si basano su ragionamenti logici che però, come detto, non hanno mai trovato riscontro storico.

Il gioco del serpente risale ad un epoca addirittura precedente la I dinastia. Si tratta di un gioco di probabile carattere religioso che si svolgeva su una tavola di forma circolare del diametro di circa 30cm che riproduceva le spire concentriche di un serpente avvolto su se stesso con le squame a rappresentare le caselle. Sulle regole di questo gioco si sono solo formulate alcune ipotesi poichè le regole originali sono andate completamente perdute.

Un altro gioco molto diffuso nell'Antico Egitto era il gioco "dei cani e degli sciacalli" o "dei 58 buchi". La partita veniva giocata da due giocatori con a disposizione 5 bastoncini ognuno. I bastoncini venivano prodotti con in cima la rappresentazione di un animale dalle orecchie pendenti (i cani) o di un animale con le orecchie aguzze e ritte (lo sciacallo). Sulla tavola erano disegnati due percorsi composti da una serie di fori che confluivano in un unico buco centrale. Vinceva chi, per primo, giungeva con tutte i suoi bastoncini al centro.
Tra gli altri passatempi vi sono il puzzle, il boomerang (di cui in Egitto è stato trovato il primo esemplare), i dadi (identici a quelli moderni e costituiti anche da più di sei facce), gli specchi, le bambole e degli aerei giocattolo! A proposito di questi ultimi, un esemplare è stato ritrovato all'interno delle piramide a gradoni di Zoser edificata intorno al 2800 a.C. Alcuni studiosi tedeschi hanno provato a realizzare un aereo in scala e a farlo volare. Il risultato è che l'aereo vola perfettamente...
Le donne amavano danzare ed ascoltare musica, mentre gli uomini preferivano gli esercizi di destrezza o di forza e gli sport come l'equitazione, il canottaggio e il tiro con l'arco. Riservata al faraone perchè molto costoso era la caccia nel deserto.



Alcuni faraoni si fecero organizzare anche spettacoli su misura di cui esistono testimonianze o documenti. Snefru sconfiggeva la malinconia guardando le provocanti contorsioni di donne vestite solo di tessuto di rete. Cheope sembra abbia convocato una sorta di mago di nome Djedi di cui si diceva fosse in grado di riattaccare le teste. L'intento di Cheope era quello di far tagliare alcune teste umane per poi ammirare le capacità miracolose di Djedi.



Il calendario

Il calendario egizio era composto da 360 giorni e 5 di festa (detti epagomeni) divisi in 3 stagioni chiamate akhet (piena), peret (semina) e shemu (raccolto). Ciascuna stagione era composta da 4 mesi di 30 giorni. Ogni mese era formato da 3 settimane di 10 giorni per un totale di 30 giorni.

Il calendario egizio ha un errore di circa 6 ore sull'anno astronomico. Per stabilire quando entrò in vigore il calendario egizio occorre risalire a quando i due calendari coincidono. In quel determinato momento Sirio sorge nella stessa posizione del sole. Ciò avviene ogni 1460 anni. Il fenomeno è stato osservato con certezza nel 139 d.C. La discussione è nata in base al ritrovamento di una placchetta d'avorio di Ger sulla quale si è creduto di interpretare il simbolo egiziano di anno, ossia una vacca con tra le corna un germoglio che è il simbolo della dea Sothis (Sirio).

I calcoli portano a ritenere due date possibili: il 2773 a.C. e il 4323 a.C. Analizzando le due date possibili, bisogna notare come il 2773 sia troppo recente poichè è noto che già nel regno di Zoser il calendario era conosciuto, e come il 4773 sia teoricamente troppo remoto rispetto alla data in cui gli archeologi tendono a far risalire la nascita del calendario (intorno al 3200 a.C.). L'attuale propensione è quella di ritenere che durante il regno di Ger fu osservato il fenomeno, ma ciò non comportò la stesura del calendario solare che venne introdotto più tardi. La data d'introduzione del calendario rimane, comunque, uno dei tanti misteri dell'Egitto.

Grazie alla scoperta della città di Herakleion (avvenuta nel 2000 al largo di Alessandria e sommersa da oltre 1300 anni), si confermerebbe l'origine egiziana dell'oroscopo. Infatti lo zodiaco, con i suoi 12 segni, fu il risultato della sintesi tra le conoscenze astrologiche degli Assiri ed il calendario egizio.



La leggenda dei 5 giorni nefasti


Il dio solare Ra, adirato con la propria sposa Nut, le fece una maledizione che prevedeva l'impossibilità di avere figli durante i 360 giorni dell'anno. Thot, che ebbe pietà di lei, aggiunse al calendario 5 giorni in modo che ella potesse ugualmente avere i tanto sognati figli.



Le feste
Sed
La festa Sed è sicuramente la più importante per il re. Impropriamente chiamata anche "Giubileo", è documentata fin dalle prime dinastie ed esprimeva il bisogno di rinnovamento del potere e della sovranità del faraone. Le sue origini sono da ricercarsi, come detto, nell'antichità più remota della civiltà egizia. Una leggenda narra infatti del periodo in cui il dio Ra regnava sulla Terra su uomini e dei. Col passare del tempo il rispetto verso Ra andò diminuendo poichè il dio, divenuto vecchio, non era più in grado di governare. Così gli uomini si ribellarono e Ra, per punirli, lanciò contro di loro il suo occhio infuocato risparmiando solo una parte dell'umanità. Ra, comunque, decide di salire in cielo sulla vacca celeste rinunciando a regnare sulla Terra. La festa Sed veniva celebrata dopo 30 anni di regno e, poi, ogni 3 o 4 anni. I momenti principali della festa sono la sepoltura di una statua del re che rappresenta il vecchio sovrano e il rito dell'incoronazione che vede il faraone protagonista di prove di forza fisica. Tra i tanti faraoni che sostennero le prove fisiche previste dalla festa Sed, si distinguono le imprese di Thutmosi II che si vantava di essere il primo in ogni competizione. Le capacità di Thutmosi II erano leggendarie. Una di queste narra dell'impresa che il faraone compì centrando due lingotti di rame spessi un palmo con due frecce scagliate da un carro in corsa dalla distanza di 16 metri! A conferma del bisogno di rinnovamento, durante gli anni a ridosso della celebrazione della festa Sed sono stati registrati sensibili aumenti di precipitazioni piovose come se anche la natura necessitasse di rinnovarsi. In occasione della festa Sed del faraone Den, la Pietra di Palermo documenta una piena straordinaria del Nilo che Amenofi III sosterrà, in seguito, di aver eguagliato. Ottime raffigurazioni sono contenute nella tomba di Niuserra e di Osorkon II. Il "Papiro Drammatico del Ramesseum" tratta invece della festa Sed di Sesostri I. Amenofi III sostenne 3 feste Sed, Ramesse II addirittura 14.
Ecco quali erano le prove a cui dovevano sottoporsi i vari sovrani:

Il faraone veniva sepolto, forse sotto ipnosi, in un sarcofago dove rimaneva per un tempo imprecisato. Trascorso tale tempo il sarcofago veniva riaperto e il faraone resuscitava.
Percorrere 4 volte un circuito portando tra le mani una stanga di trebbiatura e un piccolo oggetto.
Prova, a noi non nota, legata al piccolo oggetto tenuto in una mano.
Prova di vigore sessuale.
Violazione di una fortezza o distruzione di una città.
Dieci giri di corsa attorno ad un cortile, con due cappelle che rappresentavano rispettivamente l'Alto ed il Basso Egitto.
Opet
La festa Opet si svolgeva nella città di Tebe con cadenza annuale. Il faraone partecipava alla festa che consisteva in una grande processione delle barche divine da Karnak a Luxor e ritorno.
Min
In questa festa si rinnova la conquista del potere da parte del re. Per simboleggiare tale avvenimento venivano lanciati quattro uccelli in direzione dei quattro punti cardinali. Essi dovevano essere messaggeri del nuovo potere del re.


Igiene

L'igiene era tenuta in buona considerazione. Gli Antichi Egizi erano ottimi medici e conoscevano le cause, e i rimedi, per molte malattie. Erano percò consapevoli che l'igiene del corpo è importantissima per evitare il diffondersi delle malattie. Tuttavia nelle case non era quasi mai prevista una sala da bagno che era considerata un lusso di cui godeva solo il faraone. La casa per gli Egizi era un luogo dove si potevano fare cose indecenti senza essere visti; tra queste cose non vi erano i bisogni fisiologici della persona che, perciò, erano fatti per strada. Se per la classe nobile l'igiene era molto rigorosa, Erodoto disse che gli Egizi si radevano il corpo ogni 2 giorni e si lavavano 4 volte al giorno, per il popolo ciò non avveniva. Queste persone, comunque, si lavavano le mani ogni volta prima di mangiare.



La Moda


Con il caldo clima che caratterizzava il paese del Nilo, gli abiti non erano molto necessari soprattutto durante il Medio Regno, periodo in cui il clima era molto più caldo di quello odierno. L'abbigliamento quindi era molto semplice e per niente elaborato : perizomi per gli uomini e semplici vesti per le donne. Durante il Nuovo Regno il clima si rinfresca e le temperature cominciano ad abbassarsi così iniziano a fiorire vesti più complesse. Tuttavia rispetto alle semplici vesti sopra citate le mode che cambiarono vanno riferite sempre a seconda delle varie classi sociali: gli indumenti erano sempre e comunque prevalentemente di lino anche se di diverse qualità; la lana non veniva quasi mai utilizzata. In questo periodo si possono eseguire le varie trasformazioni della moda ; basti pensare che del semplice perizoma maschile si conoscono almeno una quarantina di varianti. Il colore era sempre il bianco: colore naturale della fibra anche se gli egiziani conoscevano la procedura per la sua colorazione. Anche la pettinatura seguiva la voga del momento; quella femminile è sempre accurata, spesso con tante piccole trecce come ancora usano molte donne africane; nella buona società vi fu sempre un'abbondanza di parrucche che erano destinate tanto agli uomini quanto alle donne.



Abiti Maschili

L'indumento maschile più comune era il perizoma che copriva l'uomo dalla cintola alle ginocchia. Tutti, anche gli dei sono vestiti con questo semplice indumento per cui anche il faraone non esce da questo schema. Con il passare del tempo questo semplice indumento si arricchisce e si complica fino a diventare più lungo, a gonfiarsi e riempirsi sempre di più di pieghettature, sbuffi e rigonfi. Come già detto si sono scoperti numerosi modelli di perizoma tutti con caratteristiche diverse: aperti o chiusi sul davanti, con una specie di grembiule pieghettato oppure con una punta sporgente. Per le classi più agiate generalmente al perizoma si aggiunge anche un'ampia camicia ed un mantello.


Abiti Femminili

Le donne portavano un lungo abito molto attillato e stretto sotto il seno. Sopra di questo veniva utilizzato un manto. Anche le dee vestono alla stessa maniera: esse hanno festi finissime che ne lasciano intravedere le forme. Generalmente l'abito informale era composto da una veste di finissimo lino che lasciava intravedere il corpo con la sua trasparenza. Il modello è del Nuovo Regno


Abiti da Cerimonia

Oltre alle normali vesti utilizzate per la vita di tutti i giorni c'erano degli abiti legati al ruolo sociale delle persone : per esempio alcuni sacerdoti portano una particolare sciarpa durante le cerimonie oppure si vestono con una pelle di leopardo.


Le Calzature

Gli uomini e le donne, anche portando le vesti più sontuose, andavano a piedi nudi. Durante il Nuovo Regno diventarono più comuni anche se era proibito portarli di fronte ad un superiore. Nelle tombe di ricchi e poveri sono stati trovati semplici sandali con suole di cuoio o di papiro in perfette condizioni. In alcune rappresentazioni si possono osservare scene in cui accompagnatori, lavatori di piedi, che portano in mano i sandali dei loro signori.



Erotismo


Frutto della cultura di antichi contadini e allevatori, la mentalità egizia non poteva guardare al sesso che come al più naturale degli atti, e come al più potente simbolo di fecondità. La loro religione politeista intrisa di naturalismo dava all'atto sessuale il valore che esso ha nella natura, con il giusto equilibrio di amore, procreazione e piacere; non esistevano dunque i veti di culture posteriori, e quest'assenza diede del sesso una visione più sana, senza la morbosità dei Greci e dei Romani o anche della cultura moderna. Un tale simbolo di fecondità creativa occupò un posto importante nella religione, a partire da Osiride, simbolo della vegetazione e della fecondità della terra, che ancora nei Bassi Tempi è rappresentato disteso e mummiforme, mentre dalle bende sorge il fallo, simbolo dell'energia vitale che sconfigge la morte. Ben noto è il dio Min, caratterizzato dal fallo eretto, simbolo di fecondità assoluta, ossia della divinità, dell'uomo e della terra; la stessa simbologia passò ad Amon-Min con il sincretismo delle due figure. Ad un livello più umano troviamo di fronte all'immagine di Hathor, a Deir el Bahari, degli ex-voto in forma di modelli di falli in legno e pietra, con cui si voleva pregare la dea di concedere dei figli. Delle rappresentazioni di unione sessuale si trovano nelle theogamie, ma in questi casi il rapporto fra donna e dio era simbolizzato dalle loro mani allacciate, mentre il dio avvicinava alle narici della donna il simbolo ankh (vita). Nei geroglifici l'immagine del fallo era usata nel segno biconsonatico "mt" e in molte parole come "seme", "progenitura", "gloria", "concubina". La vulva era rappresentata solo nei simboli geroglifici per "donna". Sovente delle dee dell'amore, come Quadesh, o della divina procreazione, come Nut (il cielo che al mattino partoriva il sole) erano rappresentate nude, e il triangolo pubico è trattato con estrema semplicità e purezza, non essendo nè oggetto di particolare rilievo nè di censura. Nelle pitture egizie la nudità dei giovani appare in tutta la sua semplice purezza; le serve, giovani adolescenti, sono in genere vestite di una semplice centurina che cinge i fianchi come motivo ornamentale, e questo non era che la più semplice normalità. Altro caso è quello di un papiro erotico, conservato al Museo Egizio di Torino, chen però è di carattere satirico e non ufficiale; si tratta in effetti di un documento non ufficiale e satirico-erotico in cui le scene sono di gusto goliardico-lupanaresco.



Abitazioni


Tutto quello che è rimasto dell'edilizia egiana consente oggi agli archeologi delle osservazioni molto interessanti. All'esterno della valle del Nilo sono venuti alla luce numerosi insediamenti che ci possono dare una chiara idea dell'urbanesimo sviluppato durante i secoli mentre lungo il Nilo l'elevato tasso di umidità ne ha impedito la conservazione nel tempo. Dalle varie scoperte si è potuto constatare che le abitazioni variavano nelle dimensioni secondo la crescita della popolazione e della classe sociale a cui il proprietario apparteneva. Per esempio la casa tipo di un funzionario era a più piani: il piano terra era destinato alle attività commerciali, il primo piano veniva utilizzato per il ricevimento degli ospiti mentre il secondo piano era occupato dalle camere da letto ed ai vari alloggi. Generalmente nei piani alti si trovavano le stanze della servitù. Durante gli scavi a Tel el Amarna sono state portate alla luce varie case amministrative che hanno evidenziato l'esistenza di una vasta area abitativa. Queste case erano caratterizzate da un vasto cortile d'accesso rettangolare a volte occupato anche da una piscina popolata da pesci e da piante acquatiche galleggianti. I muri interni delle abitazioni venivano spesso decorate da affreschi. Al contrario a Deir el Medina le case dei costruttori di tombe era molto semplici e realizzate esclusivamente in mattoni crudi. Le stanze erano molto semplici e di modeste dimensioni. In generale l'arredamento della casa egiziana era molto essenziale : panche, stuoie e letti in vimini con poggiatesta ma solo per i più ricchi. Nelle ore buie per illuminare l'abitazione venivano utilizzate ciotole di ceramica riempite di olio su cui galleggiava uno stoppino in fibra vegetale.



Arredamento

L'arredo, sempre essenziale e mai ingombrante era composto principalmente da vari tipi di sgabelli decorati e da poltrone traforate, con schienale e braccioli decorati in legno oppure ricoperti di metallo lavorato e incrostazioni di pietre pregiate. La tavola e le varie mensole erano anch'esse di dimensioni molto ridotte anche se numerose e presenti in ogni angolo dell'abitazione. Il vasellame era composto da svariate forme e materiali : dalla pietra come l'alabastro fino ai metalli preziosi alla semplie argilla. Nelle varie camere private, oltre al letto ed agli armadi, si trovavano numerosi cofanetti e utensili che venivano usati per la toeletta personale.



Illuminazione delle Case


Va qui ribadito che la maggioranza della popolazione egiziana era composta soprattutto da contadini che seguivano, come in qualsiasi altro posto del mondo, i ritmi della giornata. Per questo, andando a dormire subito poco dopo il tramonto, avevano quindi un uso molto limitato dell'illuminazione. Nei casi più semplici l'illuminazione veniva fornita da lampade ad olio di cui sono stati ritrovati diversi esemplari. Si sa che l'illuminazione dei palazzi era molto più sviluppata e affidata, oltre che alla semplici lampade ad olio, anche a candele e torce. Tuttavia si suppone che anche a palazzo si preferiva non oltrepassare di molto l'orario del tramonto.



Illuminazione nelle Tombe


Le pitture più belle che conosciamo si trovano nelle camere funerarie delle tombe appartenenti Nuovo Regno; se non sono state strappate e trasportate nei musei, è possibile osservarle grazie al raggio di sole che la guida proietta sulle pareti manovrando uno specchio. Questo sistema viene utilizzato per non rovinare le pitture e le tombe con impianti di illuminazione elettrica che, facendo aumentare la temperatura interna, provocherebbero notevoli danni ai dipinti. Oltre a questo è anche un ottimo sistema per affascinare i turisti. Ci si è chiesti spesso come fossero illuminate le tombe durante i lavori considerando anche che queste, a volte, erano molto profonde. Non di certo venivano utilizzate delle fiamme normali in quanto nelle tombe e sulle pitture non sono state trovate tracce di fumo. La risposta è stata fornita da Jaroslav Cerny che, dopo varie ricerche ed esperimenti, ha scoperto che le tombe furono scavate e dipinte alla luce delle candele di grasso mescolato con natron, candele che non fanno fumo.
Brandani - Lun Ott 08, 2007 5:23 pm
Oggetto:
Egittologia Esoterica

Per chi non avesse gia' letto questi testi, un' interessante lettura su un Egitto un po' meno convenzionale :

La Scienza Sacra dei Faraoni
La Teocrazia Faraonica
Il Tempio dell' uomo

Editi dalle Edizioni Mediterranee

Sono opere dell' esoterista ed egittologo alsaziano Renè Schwaller de Lubicz, vissuto tra otto e novecento, uno dei primi veri studiosi della simbolistica egizia
Per intenderci fu lui ad aprire alle ipotesi oramai non solo suggestive della reale datazione della Sfinge, e delle teorie stellari delle piramidi di Giza, riprese da qualche anno a sta parte da diversi studiosi (West, Bauval, Lehner)
Ricercatore a tutto campo, chimico, con interessi anche artistici, introdotto in varie societa' occulte, sposo' Isha Lamy, che scrisse poi anch' ella varie opere sulla cultura egiziana
Due le segnalo assolutamente, opere fascinosissime :
Her Bak (Cecio)
Her Bak (Discepolo)
Edite oggi da Neri Pozza, anche se la prima pubblicazione italiana avvenne grazie alla Editrice L'Ottava, di Franco Battiato , noto musicista , dedito anche all' editoria verso la fine degli anni ottanta
Her Bak Cecio è la storia di un umile ragazzino, nel quale un segreto sacerdote del tempio intravvede le doti sensibili perchè possa compiere un percorso di evoluzione iniziatica . E' un romanzo - saggio di grande fascino e bellezza , che oltretutto illustra molto poeticamente le costumanze ed i vissuti dell' Egitto antico
Her bak Discepolo ne è la naturale continuazione, meno ricco delle suggestioni morali, descrittive ed estetiche del primo libro, ma interessantissimo nella spiegazione della simbologia geroglifica .. un testo davvero illuminante, anche se a tratti piu' ostico .. entrambi riportano disegni ed illustrazioni di Isha, e della figlia Lucie ..
Her Bak è il nome assegnato al giovane iniziato, ed è anche l' appellativo del Dio Falco Horus ...
Noctifer - Lun Ott 08, 2007 8:09 pm
Oggetto:
stupendo...
Brandani - Mar Nov 06, 2007 10:32 am
Oggetto:
Her Bak


Anonymous - Gio Nov 15, 2007 12:36 pm
Oggetto:
ritrovamenti e congetture, ad ogni modo, non spiegheranno mai cose come i segni da erosione da pioggia sulla base della sfinge...
Brandani - Gio Nov 15, 2007 4:06 pm
Oggetto:
Saranno proprio le nuove , future piogge , a far riscoprire e .. riemergere .. L'EGITTO DI PRIMA DELLE SABBIE ..
Noctifer - Ven Gen 18, 2008 10:52 pm
Oggetto:
SI, QUELLO DEL TEMPO DEGLI DEI UCCELLI
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB