Dark Door

I vostri Racconti Horror - Riflessione sulla morte e sulla vita...

TENEBRAGOTH666 - Mer Set 16, 2009 2:40 am
Oggetto: Riflessione sulla morte e sulla vita...
Ci dicono che la vita ce la creiamo da soli, oppure dicono che è impossibile sfuggire al proprio destino.

La verità, è che la morte non è così intelligente, almeno non abbastanza, per decidere chi deve vivere o morire. La verità è che siamo qui, in vita come foglie sugli alberi in autunno, e non sappiamo; non sappiamo nulla. La verità è che il destino non esiste, o meglio, esiste in quanto azioni che noi, esseri coscienti , promuoviamo, facciamo, eseguiamo. Ed in mezzo a questo flusso, fatto di una vita non-vita, perchè sicuri della nostra ovvia fine, passeggia la morte , che subito così come mai, può casualmente abbracciarci e togliere il dono cui noi diamo a noi stessi e per il quale noi continuiamo e continuiamo a correre, amare, odiare, respirare. E' dunque sbagliato parlare di Destino in senso stretto, perchè ad un fato non corrisponde alcuna visione panteistica, ma la casuale perdita della vita, in conseguenza alla cecità della morte, che quasi come d'incoscia necessità si ciba di noi, come noi dei pesci, degli animali, e così via.

Dunque vivere, sì , ma nella coscienza della vita come fugace e insicura, inutile correre alle difese, inutile correre agli armamenti, almeno che non ci si dimentichi della coscienza, e si ritorni ad essere esseri incosci, nella spensieratezza dell'ignoranza, nello credere alle religioni, scordando quello che Palesemente è la realtà : la morte regna sulla falsa-vita.
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB